Papa Innocenzo II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Innocenzo II
Innocenzo II
164º papa della Chiesa cattolica
Elezione 14 febbraio 1130
Consacrazione 23 febbraio 1130
Fine pontificato 24 settembre 1143
Cardinali creati vedi categoria
Predecessore papa Onorio II
Successore papa Celestino II
Nome Gregorio Papareschi
Nascita Roma, ?
Morte Roma, 24 settembre 1143
Sepoltura Basilica di Santa Maria in Trastevere

Innocenzo II, nato Gregorio Papareschi (Roma, ... – Roma, 24 settembre 1143), fu il 164º papa della Chiesa cattolica dal 1130 alla morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Formazione e carriera ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Nato a Roma in data sconosciuta, sembra nel rione di Trastevere, apparteneva all'antica e nobile famiglia Papareschi dei Guidoni. Ebbe fin da fanciullo un'attenta educazione letteraria e religiosa. Molto giovane divenne canonico regolare della Basilica Laterana e in tale contesto divenne abate benedettino dell'abbazia dei Santi Nicola e Primitivo. Ancora giovane sacerdote, fu tra gli ecclesiastici al servizio diretto dell'antipapa Clemente III. Per le sue doti, seppure ancora giovane fu nominato cardinale-diacono da Pasquale II con il titolo di Sant'Angelo in Pescheria. Con questa carica accompagnò nel settembre 1118 papa Gelasio II quando questi fu costretto all'esilio in Francia, insieme al suo futuro rivale, il cardinale-diacono Pietro Pierleoni, che sarebbe divenuto l'antipapa Anacleto II. Papa Callisto II lo incaricò di diverse importanti missioni: nel 1119 fu inviato in Germania con Lamberto cardinale-vescovo di Ostia, futuro papa Onorio II, per trattare con l'Imperatore. Nel 1122 fu tra gli arterfici del Concordato di Worms. Nel 1123 fu incaricato da Callisto II di un'altra missione in Francia.

In quel tempo, a Roma, imperversava una forte rivalità tra le potenti famiglie dei Pierleoni e dei Frangipane. I primi, di origine ebraica, avevano un loro esponente nel facoltoso e ambizioso cardinale Pierleoni, che già durante l'elezione del 1124, da cui uscì poi Onorio II, aveva imposto un suo candidato, Teobaldo Boccapecora, fallendo miseramente in quanto l'elezione fu annullata prima della consacrazione. I secondi avevano il loro uomo di spicco nel cardinale cancelliere Aimerico Frangipane che ebbe l'autorità di coadiuvare alla guida della chiesa durante il papato di Onorio II. A lui erano legati i cardinali del partito ildebrandino che si ispirava alla riforma gregoriana.

Pontificato[modifica | modifica sorgente]

Elezione al Soglio di due papi[modifica | modifica sorgente]

La sera del 13 febbraio 1130 moriva papa Onorio II che si era fatto portare, sentendo avvicinarsi il trapasso, nel monastero di Sant'Andrea presso San Gregorio al Celio. Il cardinale cancelliere Aimerico de la Chatre, che vegliò il pontefice fino alla fine, fece trasferire la salma in Laterano, e nella stessa notte tra il 13 e 14 febbraio convocò presso la sua rocca i cardinali che erano dalla sua parte e contrari ai Pierleoni, indicendo un piccolo conclave. L'obiettivo era quello di impedire che il cardinale Pierleoni potesse essere eletto. Tra i cardinali convocati vi era anche Gregorio, che quella mattina stessa del 14 febbraio 1130 fu eletto papa, scegliendo il nome di Innocenzo II.

Tale elezione fu contestata dal cardinale Pietro Pierleoni, il quale convocò i restanti 14 cardinali presso la chiesa di San Marco, situata nel territorio dei Pierleoni, e qui fu eletto papa, scegliendo il nome di Anacleto II. Il 22 febbraio (giorno in cui si commemora la Cattedra di San Pietro) Innocenzo II fu ordinato sacerdote e il 23 febbraio fu consacrato pontefice nella chiesa di Santa Maria Nuova. Anacleto II nello stesso giorno si faceva consacrare nella Basilica di San Pietro. Poi Innocenzo II, perdendo anche l'appoggio di alcuni cardinali che lo avevano eletto, si ritirò, per sicurezza, nel rione dei Frangipane.

Lo scontro con Anacleto II[modifica | modifica sorgente]

Incapace di mantenere la sua posizione a Roma, essendo la popolazione schierata in maggioranza con Anacleto, Innocenzo si imbarcò con i suoi fedelissimi per la Francia. Prima di partire conferì la sua vicarianza a Corrado vescovo di Sabina. Da Porto (a nord di Ostia) salpò con due galere per Pisa, dove rimase quasi per tutto il 1130. Continuò il viaggio diretto in Francia facendo tappa a Genova e successivamente (sempre via mare) approdò a Sant'Egidio in Provenza. In Francia, sotto l'influenza di Sugerio abate di Saint-Denis suo difensore, gli fu assicurato prontamente l'unanime riconoscimento del clero e della corte di Luigi VI di Francia. Si tenne quindi un sinodo di vescovi ad Étampes che riconobbe Innocenzo II come vero papa. Un altro sinodo di vescovi si tenne a Puy-en-Velay guidato da Ugo di Grenoble con le stesse conclusioni. Successivamente Innocenzo II si recò a Cluny, sede dell'influente abbazia benedettina e quindi, nel novembre 1130, ad un altro sinodo a Clermont dove fu nuovamente riconosciuto legittimo papa.

Lo stesso appoggio avuto nei territori francesi lo ebbe in quelli tedeschi. Grazie all'appoggio di Norberto arcivescovo di Magdeburgo, di Corrado arcivescovo di Salisburgo e all'attività dei suoi legati papali presso il re di Germania Lotario II, Innocenzo conquistò l'appoggio degli stati tedeschi. Esso fu ratificato nell'ottobre 1130 in un sinodo di vescovi convocato dallo stesso re nella cittadina di Würzburg.

Nel gennaio 1131, Innocenzo ebbe un favorevole incontro anche con re Enrico I d'Inghilterra. Il 22 marzo 1131 si incontrò con Lotario II, accompagnato da Bernardo di Chiaravalle nella città di Liegi; e una settimana dopo nella chiesa di San Lamberto il pontefice incoronava solennemente Lotario II e sua moglie Richenza re e regina di Germania. Innocenzo II celebrò la Pasqua di quell'anno nella cattedrale di Saint-Denis a Parigi.

Il 18 ottobre 1131 ebbe inizio a Reims un grande concilio dove Innocenzo incoronò il 25 ottobre il giovane Luigi principe di Francia e futuro re Luigi VII. In questo concilio erano presenti San Bernardo e San Norberto nonché rappresentanti di Inghilterra, Aragona e Castiglia; fu un sostanziale e grande riconoscimento della sua autorità.

Nell'aprile 1132 fu indetto un concilio a Piacenza, dove Innocenzo veniva riconosciuto legittimo papa da tutti i vescovi e signori del Nord d'Italia, ad eccezione dell'arcivescovo di Milano.

Nell'agosto 1132 Lotario II intraprese una spedizione in Italia con il duplice scopo di essere incoronato imperatore dal papa e di mettere da parte l'antipapa, e contrastare nello stesso tempo Ruggero II, incoronato da Anacleto II re di Sicilia. Durante la discesa verso Roma, Anacleto gli inviò una sua delegazione nel tentativo di trattare la pace; Lotario ebbe qualche esitazione, ma poi i vescovi e i principi tedeschi gli ricordarono le risoluzioni del Concilio di Reims e l'accordo fu rifiutato. Giunto a Roma, Lotario fu incoronato da Innocenzo il 4 giugno 1133. La spedizione in Italia di Lotario a questo punto ebbe termine. L'antipapa Anacleto rimase chiuso in Castel Sant'Angelo, Lotario tornò in Germania lasciando Innocenzo a Roma con il popolo romano a lui fortemente ostile.

Alla partenza di Lotario II da Roma, Innocenzo fu anch'egli di nuovo costretto a lasciare Roma, essendo Anacleto II ancora presente in città con tutto il suo seguito. Era il 1134 e si diresse a Pisa. Qui si tenne l'anno dopo un grande sinodo a cui parteciparono diversi vescovi di Spagna, Inghilterra, Francia, Germania, Ungheria e potenti signori dell'Italia, con la presenza anche dell'arcivescovo di Milano; i presenti confermavano all'unanimità l'autorità papale di Innocenzo II. Rimanevano dalla parte di Anacleto II la città di Roma, con la campagna romana e il Meridione, dove regnava il normanno Ruggero II. Una seconda spedizione di Lotario nel 1136 fu più decisiva nei risultati[non chiaro].

Governo della Chiesa[modifica | modifica sorgente]

Nel 1134 Innocenzo II, su richiesta di Lotario II, emanò un editto[Sicuro che il papa emanasse editti?] col quale pose le chiese di Svezia, Norvegia, Danimarca e dell'isola di Groenlandia sotto l'autorità giurisdizionale dell'Arcidiocesi di Amburgo.

Il 7 luglio 1136 papa Innocenzo emanò la Bolla Ex commisso nobis a Deo, conosciuta come «Bolla di Gniezno», con la quale sottoponeva la Chiesa polacca alla giurisdizione della Diocesi di Magdeburgo, delineando nel contempo i territori sottoposti al vescovo di Gniezno. Il documento ha una vitale importanza storica dal momento che contiene più di 400 nomi di località scritti per la prima volta in lingua polacca.

Nell'aprile 1138 Innocenzo fece trasferire a Grosseto la cattedra della storica sede vescovile di Roselle, assumendo questa decisione dopo aver soggiornato varie volte negli anni precedenti nella città maremmana.

stabilì che le chiese di

Concilio di Melfi V: deposizione dell'antipapa[modifica | modifica sorgente]

Innocenzo II e Lotario II concentrano a maggio 1137 le proprie armate accanto al castello di Lagopesole e vi si accamparono per tutto il mese. Poi assediarono la città di Melfi e costrinsero alla fuga il rivale Ruggero II di Sicilia (Re per volontà dell'antipapa Anacleto II), quindi conquistarono la sua (ex) capitale, Melfi, il 29 giugno. Il Pontefice tenne un concilio nel castello del Vulture nell'anno 1137 (la più probabile data va dal 29 giugno al 4 luglio). I Padri conciliari decisero innanzitutto la deposizione dell'antipapa Anacleto II.

Il Papa annullò la scomunica ai monaci di Montecassino e concesse il perdono ai Benedettini, prima schierati con l'antipapa. Un Privilegio restituì le Chiese concesse al monastero, in particolare San Bartolomeo in Arce (Rocca), poi intitolata alla Madonna delle Grazie, che passò dal Monastero di Farfa alle dipendenze di Cassino. Il 4 luglio Innocenzo II, insieme all’imperatore Lotario, delegittimò il nemico Ruggero II Altavilla, in favore di Rainulfo di Alife, della Casata Drengot, proclamato nuovo Duca di Puglia.

Il Concilio Laterano II[modifica | modifica sorgente]

Alla morte di Anacleto, avvenuta il 25 gennaio 1138, il partito dei Pierleoni con l'appoggio di Ruggero II elesse il cardinale Gregorio Conti che assunse il nome di Vittore IV. In virtù dell'intervento di Bernardo di Chiaravalle, Vittore IV si recò da Innocenzo II rinunciando all'elezione.

Fu quindi indetto un concilio con lo scopo di ribadire la non legittimità dell'elezione di Anacleto II e, per estensione, dei suoi atti come la concessione della monarchia a Ruggero II. Nel Secondo Concilio Laterano del 1139 Ruggero II di Sicilia, il più inflessibile avversario di Innocenzo, venne scomunicato, e la pace venne infine riportata all'interno della Chiesa.

Al Concilio Lateranense, constatata la potenza di una nuova arma che si andava diffondendo in Europa, la balestra, che poteva forare facilmente le armature, fu vietato l'utilizzo di tale arma tra eserciti cristiani, mentre, non potendo avere influenza sugli eserciti musulmani e gli eretici, a tale proposito non furono espressi pareri.

Ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Morto Anacleto II e neutralizzato il successore Vittore IV, Ruggero volle avere la conferma del titolo di Rex Siciliae da Innocenzo, che, ancora restio a tale riconoscimento e dopo aver scomunicato Ruggero (8 luglio 1139), invase il Regno di Sicilia con un grande esercito, ma cadde in un'astuta imboscata a Galluccio (22 luglio), prima ancora di sbarcare nell'isola.

Dopo la vittoria di Ruggero, Innocenzo lo investì del titolo di Re di Sicilia, del ducato di Puglia e del principato di Capua (Rex Siciliae ducatus Apuliae et principatus Capuae).

I rimanenti anni del pontificato di Innocenzo furono privi di risultati; egli aveva profuso le sue energie per annullare i comportamenti pericolosi conformatisi a Roma negli anni di Anacleto II. Ma l'insorgere di un contrasto con la città di Tivoli, nel quale fu coinvolto personalmente, vanificò quasi completamente i suoi sforzi.
Si deteriorarono anche i rapporti con il re di Francia: a causa di un contrasto con Luigi VII di Francia, il suo regno venne posto sotto interdetto.

Innocenzo II morì il 24 settembre 1143 e gli successe Celestino II. Le questioni dottrinali nelle quali venne chiamato a decidere furono quelle connesse alle opinioni di Pietro Abelardo e Arnaldo da Brescia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Onorio II 14 febbraio 1130 - 24 settembre 1143 Papa Celestino II

Controllo di autorità VIAF: 62343397 LCCN: nr95046861