Default (finanza)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In finanza viene definita come situazione di default (in italiano insolvenza[1]) l'incapacità tecnica di un'emittente di rispettare le clausole contrattuali previste dal regolamento del finanziamento. Ad esempio è la situazione in cui incorre uno Stato quando dichiara insolvenza o fallimento (insolvenza sovrana).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il default può essere formale o sostanziale:

  • Formale, laddove un'emittente non rispetti determinati indici di copertura o patrimoniali tali per cui il prestito potrebbe subire una significativa modifica del proprio merito di credito;
  • Sostanziale allorché un'emittente non sia materialmente in grado di corrispondere le rate di interesse o di rimborso del capitale alla naturale scadenza di ciascuna.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dizionario di italiano Hoepli: insolvenza.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • de Servigny, Arnaud and Olivier Renault, The Standard & Poor's Guide to Measuring and Managing Credit Risk, McGraw-Hill, 2004. ISBN13 978-0071417556.
  • Duffie, Darrell and Kenneth J. Singleton, Credit Risk: Pricing, Measurement, and Management, Princeton University Press, 2003. ISBN13 978-0691090467.
  • Lando, David, Credit Risk Modeling: Theory and Applications, Princeton University Press, 2004. ISBN13 978-0691089294.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]