Omo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi OMO.
Omo Bottego
Omo Bottego
Confluenza del fiume Omo Bottgo nel lago Turkana, Agosto 1995
Stato Etiopia Etiopia
Lunghezza 460 km
Altitudine sorgente 2400 m s.l.m.
Sfocia Lago Turkana
4°34′08.76″N 36°01′53.79″E / 4.569101°N 36.031609°E4.569101; 36.031609Coordinate: 4°34′08.76″N 36°01′53.79″E / 4.569101°N 36.031609°E4.569101; 36.031609
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Bassa valle dell'Omo
(EN) Lower Valley of the Omo Bottego
Omo River.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii), (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1980
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

L'Omo Bottego (o anche semplicemente Omo) è un fiume dell'Etiopia.

Nasce nell'altopiano etiopico e dopo 760 km sfocia nel lago Turkana passando in questo modo dai circa 2500 metri di altezza delle sorgenti ai 500 metri di altezza del lago. Il notevole dislivello rende il flusso dell'Omo impetuoso, interrotto solo da alcune cascate come quelle di Kokobi. L'Omo Bottego è pertanto navigabile solo nel suo corso finale prima di sfociare nel lago Turkana.

L'Omo Bottego riceve numerosi affluenti tra cui il Gogeb, il Wabi, il Mago ed attraversa i parchi nazionali di Mago e Omo ricchi di fauna.

L'intero bacino dell'Omo Bottego ha una notevole importanza sia archeologica che geologica: qui sono stati trovati numerosi fossili di ominidi, risalenti ad epoche del Pliocene e del Pleistocene. Fra questi reperti sono stati ritrovati soprattutto scheletri appartenenti al genere australopithecus e homo, insieme ad utensili di quarzite risalenti a circa 2,4 milioni di anni fa. Per questo nel 1980 la valle dell'Omo è stata inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Esplorazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Omo Bottego, al pari del Nilo, ha destato alla fine dell'Ottocento notevoli perplessità circa il suo corso e le sue sorgenti. Numerosi esplorazioni cercarono invano di scoprire il mistero dell'Omo. Vi riuscì infine Vittorio Bottego nel corso della sua seconda spedizione del 1895-97 in cui l'esploratore italiano trovò la morte. Bottego raggiunse la valle dell'Omo il 29 giugno 1896 e ne seguì il corso fino alla foce nel lago Turkana (allora chiamato Rodolfo) dopodiché la spedizione risalì il fiume ed il 1º gennaio 1897 entrò nel bacino del Nilo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Guida dell'Africa Orientale Italiana. Consociazione Turistica Italiana, Milano, 1936.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità