Camorra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Camorra (disambigua).
Camorra
Camorra
Rappresentazione storica di camorrista con il corpo tatuato
Nomi alternativi Bella Società Riformata, Onorata Società (1800), 'o Sistema (dagli anni 1980 in poi)
Area di origine Napoli
Aree di influenza Italia: Campania, Lazio, Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Liguria. Estero: Olanda, Francia, Belgio, Spagna, Svizzera, Inghilterra, Romania, Marocco, Stati Uniti, Argentina, Uruguay.
Periodo XVII secolo - 1911 (processo Cuocolo); in seguito vari "clan" si formano a partire dagli anni sessanta
Boss vari, definiti capintesta (Bella Società Riformata) o capoclan (camorra contemporanea)
Alleati Cosa Nostra - Sacra Corona Unita

Con il termine camorra si intende l'insieme delle attività criminali organizzate, di stampo mafioso, con particolare influenza sul territorio campano, su quello nazionale italiano[1] e che successivamente si espansero anche al di fuori delle zone d'origine.

Secondo una delle ipotesi storiche la società segreta che diede origine alla Bella Società Riformata si sarebbe formata a Cagliari nel XIII secolo[2][3][4][5] sotto il nome di Gamurra (probabilmente derivante dal medesimo nome di una giacchetta marinara tipica dell'Italia tardo medievale e rinascimentale, o dalla lingua araba Kumar gioco d'azzardo proibito dal Corano) e poi si sarebbe diffusa a Napoli intorno al XIV secolo. Secondo l'ipotesi più accettata, il termine nascerebbe invece direttamente a Napoli, intorno al XVI-XVII secolo, trovando la sua radice etimologica originaria nello stesso dialetto napoletano, venendosi a formare dalla giunzione delle parole ca' morra (con la morra), in riferimento all'omonimo gioco di strada.

In virtù delle notizie storiche accertate, è assai condiviso datare ai primi anni dell'XIX secolo la nascita della camorra partenopea intesa come organizzazione criminale segreta, «una sorta di massoneria della plebe napoletana».[6][7][8][9][10][11][12]

Etimologia del termine[modifica | modifica wikitesto]

« Dissi di una simil setta. La camorra infatti, nel significato generale del vocabolo, designa ben altro che l'associazione [...] Il vocabolo si applica a tutti gli abusi di forza o di influenza.

Far la camorra, nel linguaggio ordinario, significa prelevar un diritto arbitrario e fraudolento. »

(Marc Monnier, La camorra: notizie storiche raccolte e documentate-1862)

Varie sono le ipotesi sull'etimologia del termine camorra.

Secondo lo studioso Abele De Blasio, professore all'Università di Napoli, il vocabolo potrebbe essere legato al termine Gamurra del XIII secolo, indicante un'associazione di mercenari sardi al soldo di Pisa, come riporta il primo tomo del Codex Diplomaticu Sardiniae.[13]

I più chiari riferimenti al vocabolo camorra sono presenti nel XVII secolo ad indicare attività illegali legate al gioco d'azzardo[14] e sempre relativo al gioco d'azzardo è l'apparizione del termine in un documento ufficiale del Regno di Napoli nel 1735 quale una sorta di tassa sul gioco, da pagare a chi proteggeva i locali per il gioco d'azzardo, dal rischio di liti e di risse.

La ricerca di vocaboli simili conduce inevitabilmente a riferimenti biblici[15], ma anche alla Gamurra, un indumento in voga nel Medioevo che avrebbero usato i lazzaroni napoletani simile alla chamarra spagnola.[16].

Nelle antiche commedie teatrali in dialetto si ritrova spesso questo termine ad indicare un abito o una giacchetta molto corta[17];[18].

Volendo riassumere le presunte origini del termine avremmo pertanto:

  • La parola potrebbe discendere, secondo l'enciclopedia Treccani, dal nome dell'antica città biblica di Gomorra[19], tesi condivisa dal linguista Massimo Pittau, per similitudini fonetiche e semantiche. Secondo lo studioso, il passaggio semantico sarebbe avvenuto per traslazione attraverso il significato intermedio di "vizio", "malaffare" e quindi di "delinquenza" e "malavita".[20]
  • La parola si riferirebbe alla malavita della Napoli del XVII secolo, la quale veniva chiamata già "camorra", in riferimento ad un'omonima bisca in cui si radunavano elementi poco raccomandabili.[21]
  • La parola deriverebbe da un grossolano indumento tipico dell'Italia tardo medievale e rinascimentale, la gamurra, utilizzato dai lazzaroni napoletani simile alla chamarra spagnola.[16] Nelle antiche commedie teatrali in dialetto si ritrova spesso questo termine ad indicare un abito o una giacchetta molto corta.[17]
  • La parola sarebbe connessa a "morra", "raggruppamento di malfattori" inteso come "frotta", per cui una persona inserita in un gruppo solidale "sta c'a morra" (con la banda), mentre una persona non difesa da un gruppo è "fore morra" (fuori banda) ma può significare anche "rissa".[senza fonte]
  • La parola significherebbe tassa sul gioco, un'imposta che bisognava pagare a chi proteggeva i locali per il gioco d'azzardo, dal rischio di liti e di risse. Con questo significato compare in un documento ufficiale del Regno di Napoli nel 1735.[senza fonte]
  • La parola camorra deriverebbe, secondo qualche autore campano, da "ca murra" e cioè "capo della murra", nella Napoli settecentesca il "guappo" di quartiere doveva risolvere le dispute tra i giocatori della murra (tipico gioco di strada).[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il mito e le origini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo scrittori come Marc Monnier, rettore della Università di Ginevra e tra i primi ad aver dedicato un testo sulla camorra e ad averla analizzata[22], il termine camorra deriverebbe da gamurra e avrebbe origine non napoletana, ma sardo/pisana. La prima citazione del termine si ha infatti in un documento medievale pisano. Una delle ipotesi storiche della camorra vede questa nascere e svilupparsi in periodo medievale nei quartieri portuali della città di Cagliari e intorno al XIII secolo, quando era necessario per Pisa, che allora regolava la politica del luogo, controllare gli isolani ed evitare che questi potessero unirsi e creare sommosse. Furono usate bande di mercenari isolani armati, il cui compito era quello di pattugliare i diversi borghi e mantenere così l'ordine pubblico[23][24][25][26][27][28][29][30] Tale gestione di potere passerà in seguito dalle mani dei governanti pisani a quelle dei governanti aragonesi: protettorato, gabelle, gioco d'azzardo e tangenti forniranno loro le entrate necessarie per mantenere in piedi tale organizzazione malavitosa, ormai composta e diretta da capibastone della plebe. Secondo questa ipotesi i gruppi di mercenari sardi lasciano Cagliari e raggiungono la Campania e vi si stabiliscono nel XVI secolo, durante il governatorato spagnolo. A differenza delle altre organizzazioni criminali, diffuse soprattutto in campagna, la camorra attecchisce velocemente in città, tra la popolazione locale, nei quartieri più popolosi, organizzandosi in famiglie (o clan), capitanate da criminali provenienti dai più bassi strati della società napoletana, che oltre a fungere da mercenari pagati dagli alti ceti sociali, per esercitare il controllo delle bische, si rendevano allo stesso tempo anche autori di soprusi, abusando del potere conferitogli. Queste bande infatti commettevano illeciti ai danni delle povere persone del popolo, come raccontato in un documento dell'epoca:

« [...] cacciavano l'oro dai pidocchi [...] »
(dal libro "Potere camorrista" di Gigi Di Fiore)

La Bella Società Riformata[modifica | modifica wikitesto]

Uomini e donne della camorra sfregiati (disegni del 1906).

Nel 1820 la "Bella Società Riformata" si costituì ufficialmente, riunendosi nella chiesa di Santa Caterina a Formiello a Porta Capuana; i camorristi napoletani definivano la loro organizzazione anche come "Società della Umirtà" o "Annurata Suggità" ("Onorata Società") per alludere alla difesa del loro "onore", che consisteva nell'omertà (Umirtà), cioè il codice malavitoso del silenzio e dell'obbligo a non parlare degli affari interni all'organizzazione con la polizia[31][32].

Per accedere all'organizzazione era previsto un vero e proprio rito di iniziazione definito "zumpata" (o dichiaramento) che consisteva in una sorta di duello rusticano. Questo si spiega soprattutto con il fatto che i camorristi ebbero sempre l'ambizione di imitare i nobili. Impiegando il coltello piuttosto che la spada cercavano di dimostrare il loro "valore" in questa sorta di scontri. Le fasi preliminari della zumpata erano l'appìcceco, il litigio, il ragionamento, tentativo di composizione della controversia, banchetto e poi duello. Se il combattimento all'arma bianca si poteva tenere in una qualsiasi zona affollata l'utilizzo di una pistola richiedeva, invece un luogo solitario.

In origine il sodalizio si occupa principalmente della riscossione del pizzo da alcuni dei numerosi biscazzieri, che affollano le strade dei quartieri popolari di Napoli. Ben presto, però, conseguentemente all'unità d'Italia, il fenomeno dilaga e le estorsioni iniziano a danneggiare la quasi totalità dei commercianti. Nonostante le violenze ed i crimini perpetrati, i camorristi godono della benevolenza del popolo al quale, in una situazione come quella post-unitaria di totale disinteresse delle istituzioni per i problemi sociali, garantiscono un minimo di "giustizia".[senza fonte]

Tra le principali fonti di risorse economiche della camorra si ricordano:

  1. Il “Barattolo” che era la percentuale di circa il 20% sugli introiti dei biscazzieri;
  2. lo “Sbruffo” era, invece, la tangente su tutte le altre attività (dai facchini ai venditori ecc.);
  3. un particolare regime di tassazione per la prostituzione;
  4. il gioco piccolo (una sorta di Lotto)

Sotto il regno di Francesco I la camorra godette del favore della casa reale, ad essa erano anche affiliati Michelangelo Viglia valletto del re e la cameriera della regina, Caterina De Simone[33]


Nei primi anni del regno di Ferdinando II divenne famoso Michele Aitollo detto "Michele 'a Nubiltà', costui i giovedì presiedeva una sorte di corte di giustizia in un basso napoletano, per dirimere litigi fra persone del popolo minuto, e talvolta per questa sua funzione pacificatrice si pronunciava anche su persone inviategli da Luigi Salvatores, commissario di Pubblica Sicurezza del rione Porto, e perfino Gennaro Piscopo il prefetto di polizia[34].

Secondo Marc Monnier, "la camorra fu rispettata, usata spesso sotto i Borbone fino al 1848. Essa formava una specie di polizia scismatica, meglio istruita sui delitti comuni della polizia ortodossa, che occupavasi soltanto dei delitti politici. [...] Inoltre la camorra [...] era incaricata della polizia delle prigioni, dei mercati, delle bische, dei lupanari e di tutti i luoghi malfamati della città".[35]

L'Unità d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Quando nel 1860, Garibaldi sbarcò in Sicilia, la camorra ne approfittò appoggiando i Savoia contro la dinastia regnante dei Borbone. La "ricompensa" nella politica camorristica fu concordata con i malavitosi dal ministro dell'interno Liborio Romano, il quale lasciò il controllo di Napoli alla camorra durante la fase di transizione del regno, al fine di evitare possibili rivoluzioni incoraggiate dai Borbone in esilio.

Il nuovo ministro degli interni del nuovo Regno d'Italia, Silvio Spaventa, ruppe con la camorra e cercò di estirpare il fenomeno e ripristinare la legalità.

Solo nei primi del XX secolo, lo Stato riuscirà a reagire allo strapotere della cosiddetta Bella Società Riformata, la quale vantava solide amicizie tra i politici dell'Italia unita. Nel 1911, si tenne a Viterbo il processo Cuocolo per l'omicidio di Gennaro Cuocolo e Maria Cutinelli e, grazie alle confessioni del camorrista pentito Gennaro Abbatemaggio, vennero inflitte severe pene ai maggiori esponenti dell'organizzazione.

La sera del 25 maggio 1915, nelle Caverne delle Fontanelle, nel popolare rione Sanità, i camorristi, presieduti da Gaetano Del Giudice, decretarono lo scioglimento della Bella Società Riformata; in realtà l'associazione era già stata decimata nel corso del processo Cuocolo.

La dittatura fascista e il dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pasquale Simonetti e Assunta Maresca.

Mussolini, dittatore fascista a partire dal 1922, sottovalutò il fenomeno camorristico, tanto che concesse la grazia a molti dei camorristi condannati a Viterbo, sicuro che nel nuovo assetto dittatoriale questi non avrebbero costituito più un pericolo. In realtà, la camorra restò in sordina, in attesa di tempi per lei migliori, ma non scomparve.

È nel secondo dopoguerra che la camorra inizia ad assumere le caratteristiche riscontrabili attualmente. Il soggiorno obbligato a Napoli, imposto dal governo degli U.S.A. al boss di Cosa Nostra americana Lucky Luciano contribuì al superamento della dimensione locale del fenomeno e all'inserimento dei camorristi campani nei grandi traffici illeciti internazionali, quali il contrabbando di sigarette in collegamento con il clan dei marsigliesi.

Tuttavia, in questa fase, la camorra non ha la struttura verticistica che la caratterizzava nei secoli precedenti, né tanto meno ha un potere decisionale sugli affari che svolge con la mafia, per i quali molto spesso è solo un vettore e si presenta come una pluralità di famiglie più o meno legate tra loro.

È ancora l'epoca della "camorra dei campi" e dei mercati. Infatti, una delle figure di spicco del periodo è Pasquale Simonetti, (detto Pascalone 'e Nola per il suo grosso fisico e per la sua origine), un camorrista che controllava il racket dei mercati generali di Napoli, la cui uccisione sarà poi vendicata da sua moglie Assunta Maresca (detta "Pupetta"), il cui processo penale avrà un'eco di livello nazionale.

Cosa Nostra campana e lo scontro con la Nuova Camorra Organizzata[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nuova Camorra Organizzata e Nuova Famiglia.
« Nel Sistema camorra l'omicidio risulta necessario, è come un versamento in banca, come l'acquisto di una concessionaria, come interrompere un'amicizia. [...] Ma uccidere un prete, esterno alle dinamiche di potere, faceva galleggiare la coscienza. »
(Roberto Saviano, Gomorra)

Gli anni 1973-74 videro un boom del contrabbando di sigarette estere, che aveva il suo centro di smistamento a Napoli: infatti nei primi anni settanta numerosi mafiosi palermitani (Stefano Bontate, Vincenzo Spadaro, Gaetano Riina e Salvatore Bagarella) vennero inviati al soggiorno obbligato in Campania[36], consentendogli di avviare rapporti con Michele Zaza ed altri camorristi napoletani, attraverso i quali acquistavano i carichi di sigarette[37][38]; addirittura nel 1974 i mafiosi siciliani provvidero ad affiliare a Cosa Nostra Zaza, i fratelli Nuvoletta, Antonio Bardellino ed altri in modo di tenerli sotto controllo e di lusingarne le vanità, autorizzandoli anche a formare una propria Famiglia a Napoli: secondo il collaboratore di giustizia Antonino Calderone, il capo della Famiglia di Napoli era Salvatore Zaza (fratello di Michele), il consigliere era Giuseppe Liguori (detto "Peppe 'o biondo", suocero di Michele Zaza) e i capidecina erano Giuseppe Sciorio e i fratelli Nuvoletta[39].

Nella metà degli anni settanta, dal carcere di Poggioreale, nel quale è rinchiuso per omicidio, Raffaele Cutolo (detto 'o Professore perché uno dei pochi in carcere a saper leggere e scrivere) inizia a realizzare il suo progetto: ristrutturare la camorra come organizzazione gerarchica in senso mafioso, sfruttando il nuovo business della droga; nasce così la Nuova Camorra Organizzata (N.C.O.).

La NCO tentò di imporre il controllo su tutte le attività illecite e ciò spinse le organizzazioni contrabbandiere napoletane e siciliane, rappresentate da Zaza, dai fratelli Nuvoletta e da Bardellino, a riunirsi sotto il nome di Nuova Famiglia (NF), per portare guerra alla camorra cutoliana[36]. La guerra tra le due organizzazioni criminali è spietata e si conclude nei primi anni ottanta con la sconfitta della NCO. Le vittime sono molte centinaia, tra esse anche molti innocenti. In questa fase ci fu anche una connessione generata dal "Caso Cirillo" tra camorra e Brigate Rosse.

Anni '90[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 ci prova il boss Carmine Alfieri a dare alla malavita organizzata campana una struttura verticistica creando la Nuova Mafia Campana (NMC), anch'essa scomparsa dopo poco tempo, ma nel corso degli anni novanta la camorra rafforza la sua struttura di tipo orizzontale (con varie bande territoriali più o meno in lotta tra loro) non verticistica fatta eccezione per alcuni pochi cartelli, tra cui il clan dei casalesi che ha struttura verticistica ed è formato da una dozzina di clan con una cassa comune.

Operazione "Partenope"[modifica | modifica wikitesto]

L'operazione "Partenope" nella quale vennero impiegati 500 soldati dell'esercito italiano iniziò il 18 febbraio 1994 e fu interrotta il 15 dicembre 1995. Ripresa il 14 luglio 1997 cessò definitivamente il 30 giugno 1998. L'operazione ebbe risvolti positivi ma, essendo di minor portata rispetto ad altre missioni simili ("Operazione Vespri siciliani", "Operazione Riace", "Operazione Salento"), non riuscì a debellare il fenomeno camorristico, avendo comunque dei risultati nel ridurre la microcriminalità nella città partenopea.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

La camorra è ancora considerata una delle maggiori piaghe del meridione d'Italia, al tempo stesso causa ed effetto di gran parte dei problemi socio-economici della Campania. Il suo potere, dovuto anche ad appoggi di tipo politico, le consente il controllo delle più rilevanti attività economiche locali, in particolare modo nelle province di Napoli e Caserta. Oggi la camorra conta migliaia di affiliati divisi in oltre 200 famiglie attive in tutta la Campania. Sono segnalati insediamenti della camorra anche all'estero, come nei Paesi Bassi, Repubblica Dominicana, Spagna, Brasile, Portogallo, Russia, Francia, Romania, Germania, Polonia ed Albania.

I gruppi si dimostrano molto attivi sia nelle attività economiche (infiltrazione negli appalti pubblici, immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione, riciclaggio di denaro sporco, usura e traffico di droga) sia sul fronte delle alleanze e dei conflitti. Quando infatti un clan vede messo in discussione il proprio potere su una determinata zona da parte di un altro clan, diventano molto frequenti omicidi e agguati di stampo intimidatorio. Grande risalto ha avuto negli anni 2004 e 2005 la cosiddetta faida di Scampia, una guerra scoppiata all'interno del clan Di Lauro quando alcuni affiliati decisero di mettersi in proprio nella gestione degli stupefacenti, rivendicando così una propria autonomia e negando di fatto gli introiti al clan Di Lauro, del boss Paolo Di Lauro, detto Ciruzzo 'o milionario. Ma questa faida non è l'unica contesa tra clan sul territorio napoletano. Numerose sono le frizioni e gli scontri tra le decine di gruppi che si contendono le aree di maggiore interesse. A cavallo tra il 2005 e il 2006 ha destato scalpore nella cittadinanza e tra le forze dell'ordine la cosiddetta "faida della Sanità", una guerra di camorra scoppiata tra lo storico clan Misso del rione Sanità ed alcuni scissionisti capeggiati dal boss Salvatore Torino, vicino ai clan di Secondigliano; una quindicina di morti e diversi feriti nel giro di due mesi.

Per quanto riguarda l'area a nord della città (quella da sempre maggiormente oppressa dai gruppi criminali), tra i quartieri di Secondigliano, Scampia, Piscinola, Miano e Chiaiano, resta sempre forte l'influenza del cartello camorristico detto Alleanza di Secondigliano, composto dalle famiglie Licciardi, Contini, Prestieri, Bocchetti, Bosti, Mallardo, Lo Russo, Stabile e con gli stessi Di Lauro quali garanti esterni (molto spesso, infatti, gli uomini di "Ciruzzo 'o milionario", si sono interposti tra le liti sorte fra le varie famiglie del cartello, evitando possibili guerre).

Per le zone centrali della città (centro storico, Forcella) resta ben salda l'alleanza tra i clan Misso, Sarno e Mazzarella, che controllano praticamente tutta l'area ad est di Napoli, dal centro fino al quartiere periferico di Ponticelli, facilitati anche dalla debacle del clan Giuliano di Forcella, i cui maggiori esponenti (i fratelli Luigi, Salvatore e Raffaele Giuliano) sono diventati collaboratori di giustizia. Nell'altra zona "calda" del centro di Napoli, le zone del quartiere Montecalvario, dette anche "Quartieri Spagnoli", dopo le faide di inizio anni novanta tra i clan Mariano (detti i "picuozzi") e Di Biasi (detti i "faiano"), e tra lo stesso clan Mariano e un gruppo interno di scissionisti capeggiato dai boss Salvatore Cardillo (detto "Beckenbauer") e Antonio Ranieri (detto "Polifemo", poi ammazzato), la situazione sembra essere tornata in un clima di relativa normalità, grazie anche al fatto che molti boss storici di quei vicoli sono stati arrestati o ammazzati.

La zona occidentale della città non è da meno per quanto riguarda numero di clan e influenza sul territorio. Tra le aree più "calde" si trovano il Rione Traiano, Pianura (quartiere di Napoli), e lo stesso quartiere Vomero, per anni definito quartiere-bene della città e considerato immune alle azioni dei clan, oggi preda di almeno quattro clan in guerra e saccheggiato dalla microcriminalità comune. Da citare, il cartello denominato Nuova camorra Flegrea, che imperversa a Fuorigrotta, Bagnoli, Agnano e Soccavo, ma che ha subito un duro colpo dopo il blitz del dicembre 2005, quando vi furono decine di arresti grazie alle rivelazioni del pentito Bruno Rossi detto "il corvo di Bagnoli". A Pianura (quartiere di Napoli) vi è stata in passato una violenta faida tra i clan Lago e Contino-Marfella, che ha portato a numerosi omicidi, tra i quali quello di Paolo Castaldi e Luigi Sequino, due ragazzi poco più che ventenni uccisi per errore da un gruppo di fuoco del clan Marfella, perché stazionavano sotto la casa di Rosario Marra, genero del capoclan Pietro Lago ed erano, quindi, "sospetti".

Nella vasta area metropolitana ormai urbanisticamente saldata alla città, sono numerose le zone in mano ai gruppi camorristici, non solo per quanto riguarda i campi "classici" nei quali opera un clan mafioso (estorsioni, usura, traffico di droga), ma anche per quanto riguarda le amministrazioni comunali e le decisioni politiche (si vedano i numerosi comuni sciolti per infiltrazioni camorristiche). Una delle zone più soggette al potere camorristico è il comprensorio vesuviano e nolano.

Nelle altre province della regione, l'unica provincia che eguaglia Napoli per influenza della camorra sul territorio è sicuramente Caserta, soprattutto nell'Agro aversano, in mano al gruppo dei Casalesi, un cartello criminale di portata internazionale (come riferito dalle ultime relazioni di DIA e DDA di Caserta e Napoli) gestito dalle famiglie Schiavone e Bidognetti (che hanno ereditato il potere di Bardellino) e dalle altre famiglie alleate che fungono da referenti per le varie province. Inoltre vi è presente anche il clan Belforte quale tiene il controllo sui traffici e le attività estorsive nei comuni di Marcianise e Maddaloni.

Forme di camorra locale meno invasive rispetto a Napoli e Caserta sono presenti anche nella periferia di Salerno nel quartiere Mariconda dove è presente lo spaccio di sostanze stupefacenti[40], nell'Agro nocerino sarnese[41], in provincia di Avellino dove sono egemoni i clan Cava e Graziano, e in provincia di Benevento[42][43][44].

Il 7 febbraio 2008 viene arrestato il boss Vincenzo Licciardi, tra i 30 latitanti più pericolosi d'Italia. Era considerato il capo dell'alleanza di Secondigliano.[45]

Il ritorno al contrabbando di sigarette è dovuto ai recenti cambiamenti avvenuti all'interno di alcuni gruppi di camorra. In particolare l'attività è risorta nell'area nord di Napoli, dove opera il gruppo formato dai Sacco-Bocchetti-Lo Russo che, uscito dall'alleanza di Secondigliano, ha recuperato parecchio spazio e deciso di investire in questa attività, visto che i canali della droga sono controllati da altri gruppi, in particolare quello degli Amato-Pagano. A Napoli città il fenomeno è ancora limitato anche se in crescita, soprattutto nella zona dei Mazzarella (Mercato e Case Nuove).

Ipotesi definitorie[modifica | modifica wikitesto]

Nel Grande Dizionario Italiano dell'Uso (GRADIT) compaiono definizioni alte, come: «1a, organizzazione criminale di stampo mafioso, costituitasi con leggi e codici propri già durante il Seicento, e che attualmente esercita il controllo su attività illecite spec[ialmente] nell'area napoletana. 1b estens., associazione di tipo mafioso. 1c estens., associazione di persone prive di scrupoli che per vie illecite si procurano favori, guadagni o sim.: gira e rigira è tutta una c[amorra]!».

Altre definizioni considerate basse sono: «imbroglio», «chiasso», «cagnara».

Sebbene il termine sia impropriamente usato per indicare la società criminale nata a Napoli nel XIX secolo e conosciuta anche come Bella Società Riformata, oggi spesso si tende ad identificare con questo termine un'unica organizzazione criminale simile alla cupola mafiosa siciliana o ad altre organizzazioni di uguale stampo. In realtà la struttura della camorra è molto più complessa e frastagliata al suo interno in quanto composta da molti clan diversi tra loro per tipo di influenza sul territorio, struttura organizzativa, forza economica e modus operandi.

Inoltre le alleanze fra queste organizzazioni, qualora si possano considerare tali semplici accordi di non belligeranza fra i numerosi clan operanti sul territorio, sono spesso molto fragili e possono sfociare in contrasti o vere e proprie faide o guerre di camorra, con agguati ed omicidi.

Con il termine "camorra" a volte si indica anche un tipo di mentalità, che fa della prepotenza, della sopraffazione e dell'omertà, circa i suoi principali punti di forza. Il confine tra l'appartenenza ad un clan camorristico e il vivere in una mentalità camorristica diffusa, il più delle volte è labile ed etereo e, in alcuni particolari ambienti sociali, una divisione netta tra le due cose potrebbe risultare non facilmente rilevabile.[senza fonte]

In molti casi gli atteggiamenti di continuità con comportamenti camorristici riguardano anche professionisti, imprenditori e politici, fino a generare, in diversi casi, contiguità e collaborazione continuata tra intere amministrazioni locali, imprenditorialità e la criminalità organizzata. Questo tipo di commistione viene definito recentemente sistema, termine gergale degli ambienti criminali campani.[senza fonte]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La camorra è organizzata in modo pulviscolare con centinaia di famiglie, o clan, ognuna delle quali è più o meno influente a livello territoriale in quasi tutti i comuni della provincia di Napoli e in molti comuni della regione, in particolare della provincia di Caserta. Queste organizzazioni si uniscono e si dividono con grande facilità rendendo ulteriormente difficoltoso il lavoro di "smantellamento" degli inquirenti e delle forze dell'ordine. Questa struttura, caratteristica della camorra fin dal dopoguerra, fu sostituita solo in una occasione e solo temporaneamente: durante la lotta tra Nuova Camorra Organizzata (NCO) e Nuova Famiglia (NF), un conflitto scatenato da Raffaele Cutolo nel corso del quale la stragrande maggioranza dei clan dovette scegliere con chi schierarsi pena la dissoluzione certa.

Tutte le volte che si è tentato di riorganizzare la camorra con una struttura gerarchica verticale si è preso come modello Cosa nostra. Questi tentativi sono sempre falliti per la tendenza dei capi delle varie famiglie a non ricevere ordini dall'alto. Per tale ragione è improprio parlare di camorra come un fenomeno criminale unitario e organico. Lo stesso termine "camorra", quale entità criminale unitaria, è fuorviante, data la natura estremamente frammentata e caotica della malavita napoletana. Fanno eccezione alcuni determinati cartelli di alleanze, come quello dei Casalesi che è formato da una struttura verticistica composta da una dozzina di cosche con a capo 3 famiglie (Schiavone, Bidognetti, Zagaria-Iovine) ed una cassa comune, o come l'Alleanza di Secondigliano. Ma anche all'interno di questi stessi cartelli sono nate, negli anni, violente faide che hanno coinvolto le stesse famiglie interne ai gruppi.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo recenti dati forniti dall'Eurispes, sembra che la camorra guadagni:

Attività illecite Valore
Traffico di droga 7.230 milioni €
Imprese e appalti pubblici 2.582 milioni €
Traffico di armi 2.066 milioni €
Prostituzione 258 milioni €
Estorsione e usura 362 milioni €

Il giro d'affari complessivo delle famiglie napoletane si aggirerebbe intorno ai 12 miliardi e mezzo l'anno.

I dati Eurispes appaiono tuttavia incompleti poiché non considerano due settori cardine dell'economia camorrista: innanzitutto la produzione e la distribuzione di falsi (abbigliamento, CD-DVD, prodotti tecnologici) con canali e sedi in tutti i continenti.

Altro importante settore è quello dello smaltimento illegale dei rifiuti, sia industriali che urbani, attività estremamente lucrosa che secondo alcuni sta conducendo vaste zone di campagna nelle province di Napoli e Caserta verso un progressivo degrado ambientale. A titolo di esempio, che la campagna fra i comuni di Acerra, Marigliano e Nola, una volta rinomata in tutta la penisola come fra le più verdi e fertili, è da taluni ora indicata con il termine di "triangolo della morte".

Il 25 luglio 2011 gli Stati Uniti d'America hanno varato un nuovo piano per il contrasto della criminalità internazionale (strategy to combat transnational organized crime) ed hanno individuato le 4 principali organizzazioni transnazionali più pericolose per l'economia americana posizionando la camorra al secondo posto dopo i Brother Circle russi e prima della Yacuza giapponese e dei Los Zetas messicani con un giro d'affari di 25 miliardi di dollari[46]. Le attività principali della camorra, secondo il governo americano, sarebbero la distribuzione di falsi e il narcotraffico. Per avere un'idea della pericolosità economica della camorra negli Stati Uniti basta pensare che altre organizzazioni italiane che hanno una presenza storica in America, come Cosa nostra e 'Ndrangheta, non vengono neanche menzionate.[47]

Secondo lo studio "Transcrime" preposto dall università Cattolica di Milano fatto nel 2013, i ricavi delle mafie italiane ammonterebbero a circa 25,7 miliardi di euro l'anno. Di questi, il 35% è appannaggio della Camorra, il 33% della 'Ndrangheta, il 18% di Cosa Nostra e l'11% della Sacra Corona Unita. La Camorra avrebbe perciò la fetta di ricavi più larga all'interno del mercato criminale italiano, superando di poco le organizzazioni calabresi e quasi "doppiando" quelle siciliane.[48]

Istituzioni e camorra[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi sono stati in passato i contatti tra i gruppi camorristici e la politica locale e nazionale. All'inizio degli anni novanta i pentiti Pasquale Galasso e Carmine Alfieri fecero dichiarazioni che misero sotto accusa Antonio Gava, potente capo della corrente dorotea e dirigente della Democrazia Cristiana, successivamente assolto. Secondo l'ex procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore, il 30% dei politici campani è colluso con la camorra.[49] Il dato incrementa notevolmente se si conta che, solo nella Provincia di Napoli, di 51 comuni su 92 sono stati sciolti o interessati da provvedimenti per infiltrazioni camorristiche, con pesanti condizionamenti sulla spesa pubblica e l'imprenditoria legata agli appalti.[50]

Dal 1991, data dell´entrata in vigore della legge, ad oggi stati sciolti per camorra in Campania circa 86 comuni. Una media di 4 comuni ogni anno.[51]

Elenco storico parziale delle amministrazioni comunali campane sciolte per infiltrazioni camorristiche[modifica | modifica wikitesto]

Fatti principali[modifica | modifica wikitesto]

Faide[modifica | modifica wikitesto]

  • faida tra la NCO e la Nuova Famiglia: guerra che scoppiò dopo che le principali famiglie malavitose napoletane decisero di confederarsi in un unico cartello denominato "Nuova Famiglia" per combattere lo strapotere di Raffaele Cutolo. Fu, di gran lunga, la più violenta per numero di morti ammazzati: nel 1979 si registrarono 71 omicidi; 134 l'anno successivo, 193 nel 1981, 237 nel 1982, 238 nel 1983, 114 nel 1984 (987 in tutto).
  • faida tra i Giuliano e i Contini: combattuta nel 1984 tra il clan Giuliano e il nascente gruppo di Eduardo Contini e Patrizio Bosti (condannati poi proprio per un duplice omicidio avvenuto nel contesto di questa faida, quello dei fratelli Gennaro e Antonio Giglio). Il tutto cominciò per una storia di controllo di una bisca della zona dell'Arenaccia.[57]
  • faida di Quindici: faida decennale tra le famiglie Graziano e Cava del comune di Quindici, in provincia di Avellino. Iniziata negli anni ottanta si protrae ancora oggi.[58]
  • prima faida di Castellammare: Umberto Mario Imparato contro il Clan D'Alessandro. Questa faida portò a diverse decine di agguati mortali, tra cui quello di Michele D'Alessandro in cui morirono quattro suoi guardaspalle (lui si salvò per miracolo) in viale delle Terme a Castellammare di Stabia.[59]
  • prima faida dei Quartieri Spagnoli: combattuta tra i clan Mariano, detti i picuozzi, e Di Blasi, detti i faiano, alla fine degli anni ottanta; fu una delle guerre più cruente di quel periodo, gli agguati mortali furono diverse decine.[60][61]
  • faida tra i Giuliano e l'Alleanza di Secondigliano: violento scontro avvenuto tra i due potenti gruppi nel 1990. Culminò con l'omicidio di Gennaro Pandolfi, dei Giuliano, e del figlio Nunzio Pandolfi, di appena due anni.[62]
  • faida tra i Gallo e i Gionta: combattuta durante tutti gli anni novanta e duemila tra i clan Gionta e il clan Gallo di Torre Annunziata. A scatenare la faida, che continua tuttora, malgrado le inchieste della Procura antimafia e l'incessante lavoro degli investigatori, fu il duplice omicidio di due affiliati ai Gallo, uccisi nel dicembre 1990, a cui fece seguito, pochi giorni dopo, l'agguato in cui persero la vita altre due persone appartenenti al gruppo avversario.[63][64]
  • prima faida di Pianura: svoltasi tra il 1991 e il 2000 tra i clan Lago, e i clan Contino e Marfella, alleati. Il primo atto risale al 1991: il 21 aprile, a Pianura, furono assassinati due spacciatori. Dopo l'arresto e il pentimento del boss Giuseppe Contino, a continuare l'opera è stato il clan Marfella. In questa seconda fase del conflitto è da inserire il duplice omicidio di Luigi Sequino e Paolo Castaldi, due ragazzi innocenti ammazzati per errore.
  • prima faida di Ercolano: guerra tra gli Esposito e gli Ascione; uscirono perdenti gli Esposito dopo l'agguato mortale ai danni del boss Antonio Esposito.[65]
  • faida tra i Misso e l'Alleanza di Secondigliano: faida portata avanti dal boss Giuseppe Misso e dai vertici dell'Alleanza di Secondigliano. La situazione degenerò dopo il duplice omicidio di Alfonso Galeota e Assunta Sarno, moglie di Giuseppe Misso, nel 1992.[66]
  • seconda faida dei Quartieri Spagnoli: dopo la prima faida, che si concluse senza un vincitore netto, i Mariano dovettero affrontare un gruppo di scissionisti al proprio interno guidati dai boss Antonio Ranieri (detto Polifemo, poi ammazzato) e Salvatore Cardillo (detto Beckenbauer); questi ultimi due furono seguiti da un nugolo di fedelissimi. La violenta faida che ne seguì portò di fatto alla dissoluzione dello stesso clan Mariano a seguito di numerosi omicidi, pentimenti e blitz con decine di arresti negli anni 1993 e 1994.[61][67][68][69]
  • seconda faida di Ercolano: faida decennale che vede coinvolti i clan Ascione e Birra. È una delle faide più cruente in termini morti ammazzati. In ballo ormai non c'è più soltanto il controllo del territorio: la guerra di camorra va avanti perché tra i malavitosi delle due famiglie c'è un odio profondo e radicato.[70][71]
  • prima faida interna ai Casalesi: combattuta nella seconda metà degli anni novanta tra la famiglia Bidognetti e il clan scissionista capeggiato da Antonio Cantiello. Vide il rogo di San Giuseppe, quando nella notte di San Giuseppe del 1997 fu incendiato il bar Tropical ad Ischitella (il cui gestore aveva rifiutato, per ordine degli stessi Bidognetti, di installare all'interno dell'esercizio alcuni video-poker commissionati dalla famiglia Cantiello), in cui morì, bruciato vivo, il giovane cameriere del locale, Francesco Salvo.[72]
  • seconda faida interna ai Casalesi: scontro tra le famiglie del cartello e la fazione scissionista guidata dal boss Giuseppe Quadrano (poi pentitosi).[73][74]
  • faida tra i Licciardi e i Prestieri: conosciuta anche come la faida della minigonna, fu combattuta tra i clan Prestieri e Licciardi e portò ad una ventina di morti in pochi mesi. Tutto cominciò infatti in una discoteca per una battuta di troppo tra due gruppi di giovani sul vestito troppo succinto di una ragazza. I due gruppi di giovani appartenevano a clan di camorra, questo portò prima alla morte del giovane Vincenzo Esposito detto 'o principino, pupillo della famiglia Licciardi, e poi a quella di numerosi affiliati dei Prestieri come ritorsione.[75]
  • faida tra i Mazzarella e i Rinaldi: un tempo alleati, i Mazzarella da un lato, e dall'altro i Rinaldi, famiglia storica del rione Villa di San Giovanni a Teduccio, fino al 1989 fedelissimi di Vincenzo Mazzarella e fratelli. Tutto filò liscio fino a quando un boss dei Rinaldi non cominciò ad essere troppo ingombrante e fu ucciso. Quest'agguato portò ad una guerra con decine di morti protrattasi fino ad oggi.[76]
  • faida tra gli Altamura e i Formicola: conflitto violentissimo durato anni svoltosi nel territorio di San Giovanni a Teduccio. Più che per motivi di predominio criminale, la faida è stata combattuta per rancori di tipo familiare. La guerra decapitò entrambe le famiglie, compresi i due boss, e si fece sempre più feroce.[77]
  • faida tra i Cuccaro e i Formicola: guerra a cui sono riconducibili diversi episodi di sangue. Alla base dei sanguinosi contrasti c'è l'agguato mortale contro Salvatore Cuccaro, potente numero uno della cosca familiare di Barra nonostante avesse soltanto 31 anni, avvenuto il 3 novembre del 1996.
  • prima faida di Forcella: detta anche "faida tra la Forcella di sopra e la Forcella di sotto", fu uno scontro interno al clan Giuliano che ebbe luogo a metà anni novanta; da una parte i figli di Pio Vittorio Giuliano, dall'altra i figli di Giuseppe Giuliano. Ci andò di mezzo, tra gli altri, anche il patriarca Giuseppe, detto zì Peppe, 63 anni, ammazzato nel corso di un clamoroso agguato a Forcella il 9 luglio del 1998.[78]
  • prima faida della Sanità: fu combattuta negli anni 1997 e 1998 tra il clan Misso e i clan, alleati tra loro, Tolomelli e Vastarella. Dopo numerosi omicidi, tra cui quello del boss Luigi Vastarella, vi fu l'atto finale con l'autobomba, una Fiat Uno imbottita di tritolo, scoppiata in che doveva uccidere due boss dei Misso e che invece portò ad undici feriti innocenti.[79]
  • faida tra i Sarno e i De Luca Bossa: questa faida può essere considerata come una sorta di "spin-off" della faida tra i Misso e l'alleanza di Secondigliano, essendo i primi alleati dei Sarno e i secondi inglobati nell'Alleanza. Dopo numerosi omicidi, la faida culminò con l'autobomba di Ponticelli del 1998, in cui morì un nipote del boss Vincenzo Sarno (vittima predesignata dell'agguato).[80]
  • terza faida dei Quartieri Spagnoli: fu la guerra combattuta, a fine anni novanta ed inizio anni deuemila, tra il clan Di Biasi, rimasto il clan dominante ai Quartieri dopo la dipartita interna dei Mariano, e i Russo, figli del boss Domenico Russo, detto Mimì dei cani. Numerosi omicidi tra cui quelli dei due patriarca, Francesco Di Biasi, padre dei faiano, e lo stesso Domenico Russo.[61][81]
  • faida dei quartieri collinari Vomero-Arenella: verso la metà degli anni novanta lo storico clan capeggiato da Giovanni Alfano si scisse formando due distinti schieramenti. Da un lato, gli affiliati di vecchia militanza al gruppo "Alfano", dall'altro quelli rimasti fedeli al pluri-pregiudicato Antonio Caiazzo. Diversi sono stati gli omicidi commessi nel corso della faida, conclusasi, però, con un ultimo efferato delitto, tristemente noto come "la strage dell'Arenella", avvenuta l'11 giugno 1997, in cui perdeva la vita l'innocente Silvia Ruotolo. Le immediate indagini portavano, in tempo record, all'arresto di tutti i componenti del commando e del mandante: Giovanni Alfano.[82]
  • seconda faida di Forcella: scoppiò in seguito all'avvento dei Mazzarella a Forcella; alcuni componenti dei Giuliano (tra cui Ciro Giuliano 'o barone[83]) non accettarono di buon grado l'entrata in scena dei Mazzarella. Inevitabile la spaccatura all'interno dell'organizzazione e soprattutto all'interno della famiglia; i Mazzarella si allearono con alcuni personaggi di buon livello della camorra. Dall'altra si organizzarono, per combattere il clan Mazzarella, altri giovanissimi imparentati con i Giuliano. Questo portò ad alcuni omicidi, tra cui quello dello stesso Ciro Giuliano e di Annalisa Durante, vittima quattordicenne innocente morta in un agguato con obiettivo un nipote della famiglia Giuliano.[84]
  • terza faida interna ai Casalesi: combattuta dal 2003 al 2007 tra le famiglie Tavoletta-Ucciero e Schiavone-Bidognetti. Vide la "strage di San Michele", del 29 settembre 2003, con due morti ammazzati e tre feriti in un solo agguato.[85][86][87]
  • faida di Chiaiano: conflitto svoltosi nel corso del 2003 e 2004 a Chiaiano tra il clan Stabile e il clan Lo Russo, in precedenza alleati sotto la bandiera dell'Alleanza di Secondigliano. Tra gli agguati mortali, si ricorda quello avvenuto sulla Tangenziale di Napoli il 1º giugno del 2004, quando vennero uccisi un uomo che si trovava su un'ambulanza perché ferito a causa di un precedente agguato, ed il secondo che lo seguiva in auto.[88]
  • seconda faida di Castellammare: combattuta tra il clan D'Alessandro, predominante a Castellammare di Stabia, e il clan Omobono-Scarpa dal 2003 al 2005.[89]
  • prima faida di Scampia: guerra svoltasi negli anni 2004, 2005 e parte del 2006 che portò a quasi un centinaio di morti ammazzati; il conflitto si scatenò quando vari gruppi scissionisti del clan Di Lauro decisero di staccarsi dalla casa madre dopo che i figli del boss Paolo Di Lauro avevano deciso di sostituire alcuni boss nei principali ruoli chiave con gente a loro fidata. Questa guerra stravolse gli equilibri criminali a nord di Napoli e portò alla nascita di altri gruppi criminali indipendenti tutti federati nel cosiddetto cartello degli scissionisti di Secondigliano, in seguito denominato anche clan Amato-Pagano.
  • faida tra gli Aprea e i Celeste-Guarino: combattuta nella zona di Barra tra il clan Aprea e quella che secondo gli investigatori era la fazione scissionista dei Celeste-Guarino negli anni 2005 e 2006.[90]
  • seconda faida della Sanità: combattuta dal 2005 al 2007 tra il clan Misso e la fazione scissionista dei Torino, appoggiati dai Lo Russo di Miano. Più di venti omicidi in due anni, stravolse completamente gli equilibri della camorra nella zona della Sanità, di Materdei, dei Tribunali. Questa faida portò alla dissoluzione di entrambi i gruppi, dopo i pentimenti dei boss Emiliano Zapata Misso, Giuseppe Misso junior e Michelangelo Mazza per i Misso, e di Salvatore Torino e altri elementi di spicco per la fazione opposta.[91][92][93]
  • seconda faida di Scampia: iniziata nel 2012 e tuttora in corso, conta già diverse decine di vittime. La nuova faida vede contrapposto il cartello degli Scissionisti ad una sua fazione interna, i cui componenti sono stati ribattezzati i Girati (dal termine girato che in gergo camorristico significa colui che ha tradito) o gruppo della Vannella Grassi (dal nome della via del quartiere dove i Girati hanno la base operativa, soprannominata anche in gergo la vinella) che si sono alleati con il clan Di Lauro (clan spodestato dagli Scissionisti a seguito della faida precedente); tra le vittime ci sono il boss degli scissionisti Gaetano Marino (fratello del boss Gennaro Marino detto McKay), ucciso il 23 agosto del 2012 a Terracina dove si trovava in vacanza con la famiglia,[94] Pasquale Romano, ragazzo innocente ammazzato per errore il 15 ottobre 2012 a Napoli nel quartiere di Marianella, perché scambiato per uno spacciatore (vero bersaglio dei killer) a cui assomigliava[95] e Luigi Lucenti, pregiudicato di 50 anni ucciso con tre colpi di pistola il 5 dicembre 2012 da due killer in un cortile di una scuola materna di Scampia, dove si era rifugiato per sfuggire all'agguato.
  • seconda faida di Pianura: iniziata a fine giugno 2013 e tuttora in corso. La nuova faida già conta molte vittime.

Stragi (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Strage di Torre Annunziata o Strage di Sant'Alessandro: avvenuta a Torre Annunziata presso il circolo dei pescatori il 26 agosto 1984. Da un autobus precedentemente rubato scendono una dozzina di killer che iniziano a fare fuoco per circa 2 minuti contro il circolo dei pescatori, sede di incontri tra affiliati del clan Gionta. Otto morti, sette feriti.
  • Strage di Ponticelli avvenuta il 12 novembre 1989 nel bar Sayonara di Ponticelli, quartiere della zona est di Napoli; circa sei killer spararono con armi automatiche tra la folla uccidendo sei persone e ferendone un'altra. Due delle persone decedute erano semplici passanti.
  • Strage di Pescopagano: avvenuta a Pescopagano, frazione di Mondragone, il 24 aprile 1990; 5 vittime: tre tanzaniani, un iraniano e un italiano ucciso per errore, e sette feriti, tra cui il gestore del bar e suo figlio quattordicenne, rimasto paralizzato perché colpito ad una vertebra[96]
  • Strage di Piazza Crocelle: avvenuta nel quartiere industriale di Barra (Napoli), nata probabilmente per futili motivi e per contere le mire espansionistiche della famiglia Liberti, vide 3 morti ammazzati, due feriti (tra cui un bambino di 8 anni) e una donna anziana morta di infarto.[97]
  • Strage di Acerra: avvenuta ad Acerra il primo maggio 1992 in ambito della faida tra i Di Paolo-Carfora e i Crimaldi-Tortora. Per vendicare l'uccisione del fratello del boss Di Paolo un gruppo di sicari uccide 5 persone e ne ferisce altre 2 sterminando così un'intera famiglia compreso un innocente di quindici anni.[98]
  • Strage di Lauro o Strage delle donne:avvenuta a Lauro, in provincia di Avellino, provocata dalla faida tra i Cava e i Graziano. La sera del 26 maggio 2002, un'automobile che trasportava alcune donne del clan Cava viene seguita e speronata da un'altra auto guidata da Luigi Salvatore Graziano con alcune parenti. Nacque una violenta sparatoria tra gli esponenti dei due clan, alla fine si contarono tre morti (tutte donne del clan Cava, di cui una aveva sedici anni) e cinque feriti.[99]
  • Strage di San Michele: maturata durante la faida tra il clan Tavoletta-Cantiello e la fazione dei casalesi facenti capo a Bidognetti, si svolse il 29 settembre 2003 a Villa Literno; due sicari appartenenti ai Tavoletta-Cantiello tesero un agguato a 5 uomini dell'altra fazione, di questi 2 morirono (Vincenzo Natale, pregiudicato di 25 anni e Giuseppe Rovescio di 24 anni) e 3 furono feriti.[36]
  • Strage di Castelvolturno o Strage di San Gennaro: il 18 settembre 2008 vengono uccisi in un agguato sei extracomunitari. L'agguato seguì di pochi minuti l'omicidio di Antonio Celiento, evidentemente collegato. Conosciuta anche come la "strage di San Gennaro".[100]

L'ASL sciolta[modifica | modifica wikitesto]

Le giunte comunali non sono le uniche istituzioni ad essere state oggetto di scioglimento per infiltrazioni camorristiche. Nell'ottobre del 2005, infatti, primo caso in Italia, fu sciolta dal Consiglio dei Ministri l'Azienda sanitaria locale "Napoli 4", che comprendeva ben 35 comuni dell'area metropolitana di Napoli, suddivisi in 11 distretti sanitari per i comuni di Poggiomarino, Casalnuovo di Napoli, Nola, Marigliano, Roccarainola, San Giuseppe Vesuviano, Somma Vesuviana, Palma Campania, Volla, Acerra e Pomigliano d'Arco, per un bacino di utenti di circa seicentomila abitanti[101].

La camorra e le altre mafie[modifica | modifica wikitesto]

Camorra e Cosa nostra[modifica | modifica wikitesto]

Vari clan di camorra hanno intrattenuto rapporti, più o meno duraturi, con Cosa nostra. Elementi di spicco della mafia siciliana (come Salvatore Riina e Leoluca Bagarella) si sono trovati a contatto con famiglie camorristiche come i Nuvoletta e gruppi facenti parte della Nuova Famiglia.

Camorra e 'ndrangheta[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del Novecento vi sono stati vari intrecci di favori e di cooperazione tra camorristi e ndranghetisti. Negli anni settanta in occasione della prima guerra di 'Ndrangheta il boss reggino Paolo De Stefano chiede e ottiene da Raffaele Cutolo capo della Nuova Camorra Organizzata l'omicidio di Don Mico Tripodo, altro boss reggino in carcere a Napoli. Tra famiglie delle due organizzazioni vi furono anche doppie affiliazioni come quella del camorrista Antonio Schettini affiliato al clan di Giuseppe Flachi o di Franco Coco Trovato affiliato alla famiglia di Carmine Alfieri[102]. Roberto, figlio di Raffaele Cutolo fu ammazzato a Tradate in Lombardia dalla 'Ndrangheta per una vendetta trasversale il 24 dicembre 1990. In cambio per la mafia calabrese i Fabbrocino e gli Ascione avrebbero ucciso Salvatore Batti, un camorrista fuggito a Napoli.[103]

Camorra e Sacra Corona Unita[modifica | modifica wikitesto]

In Puglia è soprattutto la Nuova Camorra Organizzata che inizia ad operare illecitamente prima delle altre organizzazioni criminali. Nel 1981 Raffaele Cutolo, affidò a Vincenzo Esposito detenuto in quel periodo nel carcere di San Severo di Foggia e Pino Iannelli e Alessandro Fusco il compito di fondare in Puglia un'organizzazione diretta emanazione della Nuova Camorra Organizzata che prese il nome di Nuova camorra pugliese o NCOP (Nuova Camorra Organizzata Pugliese) che operò dagli anni ottanta a Foggia, Taranto e Lecce. Tra gli esponenti vi è anche Antonio Modeo e Aldo Vuto capi della mafia tarantina.

Questa associazione prese piede soprattutto nel foggiano a causa della vicinanza territoriale e dei contatti preesistenti tra esponenti della malavita locale e i camorristi campani. Tuttavia questa iniziativa venne vista con sospetto dai malavitosi di altre zone della Puglia. Come risposta al tentativo di Cutolo di espandersi in Puglia, si tentò di dar vita ad un'associazione malavitosa di stampo mafioso formata da esponenti locali. Con la sconfitta dei cutoliani in Campania, scomparvero anche in Puglia, e l'organizzazione dominante divenne quella della Sacra corona unita fondata dagli 'ndranghetisti.

Camorra e Triadi cinesi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni gruppi napoletani, tra cui i Giuliano di Forcella, hanno intrecciato relazioni di affari con gruppi cinesi soprattutto nel settore della contraffazione di marchi italiani. I gruppi napoletani hanno imposto il prezzo finale dei prodotti e in cambio hanno fornito i servizi per aggirare i controlli. I cinesi inoltre hanno fatto entrare nelle loro società diversi boss napoletani.[104]

Camorra e mafia nigeriana[modifica | modifica wikitesto]

I rapporti tra camorra e mafia nigeriana riguardano soprattutto il traffico di droga e la prostituzione. In particolare, i camorristi permettono ai clan nigeriani di organizzare la tratta delle donne sul territorio in cambio di una quota sui guadagni.[105]

Camorra e mafia albanese[modifica | modifica wikitesto]

Dalla seconda relazione semestrale del 2010 della DIA vengono illustrati contatti tra la mafia albanese e il clan Mazzarella, con gli Scissionisti di Secondigliano e i Serino di Salerno.

La Camorra nei media[modifica | modifica wikitesto]

La camorra ha ispirato diversi autori cinematografici e televisivi, che ne hanno tratto racconti e documentari a partire dalla metà del XX secolo.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un attentato ogni dieci giorni le cosche minacciano Milano
  2. ^ Penelope Green (2010) See Naples and then die Hachette UK
  3. ^ Raffaele Corso (1934) Il Folklore italiano:archivio trimestrale per la raccolta e lo studio delle tradizioni popolare italiane, Volumi 9-10, pag. 24
  4. ^ Carlo Sanna (1978) Il gergo della Camorra. Il Vespro Editore
  5. ^ Istituto Universitario Orientale (1984) Annali di Filologia germanica, volume 27, pag. 110
  6. ^ Giuliano Turone, Il delitto di associazione mafiosa, Milano, Giuffrè Editore, 2008, p. 68.
  7. ^ Marc Monnier, La Camorra: Notizie storiche raccolte e documentate, 3ª ed., Firenze, G. Barbera Editore, 1863, p. 62.
  8. ^ Salvatore Lupo, Storia della mafia: dalle origini ai giorni nostri, Roma, Donzelli Editore, 2004, p. 51.
  9. ^ Maurizio Esposito, Uomini di camorra: la costruzione sociale dell'identità deviante, Milano, FrancoAngeli, 2004, p. 89.
  10. ^ Giacomo Di Gennaro e Domenico Pizzuti (A cura di), Dire camorra oggi, Forme e metamorfosi della criminalità organizzata in Campania, Napoli, Alfredo Guida Editore, 2009, p. 30.
  11. ^ (EN) Tom Behan, The Camorra, London, Routledge, 1996, p. 13.
  12. ^ (EN) Camorra, Free Online Dictionary. URL consultato il 18 luglio 2012 (archiviato il ).
  13. ^ Marco Monnier, La camorra. Notizie storiche raccolte e documentate, Firenze, G. Barbèra editore, 1863, p. 63.
  14. ^ Indro Montanelli, R. Gervaso, L'Italia del Seicento, Milano, Rizzoli Editore, 1969, p. 193 snippet da Google Libri.
  15. ^ Per Massimo Pittau, linguista , il passaggio semantico da Gomorra a Camorra sarebbe avvenuto per traslazione attraverso il significato intermedio di "vizio", "malaffare" e quindi di "delinquenza" e "malavita"; Camorra deriva da Gomorra. URL consultato il 18 giugno 2011.
  16. ^ a b Uomini di camorra: la costruzione sociale dell'identità deviante, di Maurizio Esposito. URL consultato l'11 giugno 2011.
  17. ^ a b Il Brigantaggio o l'Italia dopo la dittatura di Garibaldi, di Giacomo Oddo. URL consultato l'11 giugno 2011.
  18. ^ Cod. Dipl. Sard. tomo 1, pag. 358, n. 1: Monumenta historiæ patriæ. Vi si legge que facta fuit in Kallari dicta de Gamurra, cit. in Marco Monnier, La camorra. Notizie storiche raccolte e documentate, Firenze, G. Barbèra editore, 1863, p. 63. I mercenari sardi sarebbero stati poi assoldati stabilmente dagli spagnoli nel corso del XVI secolo, assumendo il nome di Tercio de Cerdeña.
  19. ^ Dizionarietto di eponimia - Treccani. URL consultato il 18 giugno 2011.
  20. ^ Camorra deriva da Gomorra. URL consultato il 18 giugno 2011.
  21. ^ L'Italia del Seicento, I. Montanelli R. Gervaso, 1969, Rizzoli Editore, Milano, pag. 193 snippet da Google Libri
  22. ^ gli svizzeri a napoli
  23. ^ http://www.bibliocamorra.altervista.org/index.php?option=com_content&view=article&id=51&Itemid=34
  24. ^ Camorra in “Enciclopedia Italiana” – Treccani
  25. ^ http://www.sardegnadigitallibrary.it/documenti/1_151_20080911152404.pdf
  26. ^ Sportello Scuola e Università della Commissione Parlamentare Antimafia
  27. ^ http://www.azionecattolicanola.it/wp-content/uploads/2008/11/10.03_morti-di-mafia.pdf
  28. ^ camorra
  29. ^ http://veprints.unica.it/159/1/pistuddi_anna.pdf
  30. ^ http://www.sardegnacultura.it/documenti/7_26_20060404155114.pdf
  31. ^ Onorata Societa nell’Enciclopedia Treccani
  32. ^ Alberto Consiglio, La camorra a Napoli, 2005
  33. ^ vedi pag. 23, V. Paliotti, 2002
  34. ^ vedi pag. 25, V. Paliotti, 2002
  35. ^ Marc Monnier, La Camorra: Notizie storiche raccolte e documentate, p. 84, ISBN [[Special:BookSources/|]] . URL consultato il 19 novembre 2011.
  36. ^ a b c L'atteggiarsi delle associazioni mafiose sulla base delle esperienze processuali acquisite: la Camorra - Procura della Repubblica di Napoli.
  37. ^ I miliardi della droga
  38. ^ Napoli e Palermo così cominciò la grande alleanza - Repubblica.it
  39. ^ Interrogatorio del collaboratore di giustizia Antonino Calderone
  40. ^ Droga a Mariconda
  41. ^ Camorra e malapolitica nel Salernitano
  42. ^ altrabenevento » La mappa della camorra nel sannio
  43. ^ Arrestato il sindaco di Montesarchio (Benevento)
  44. ^ La camorra a Benevento c'è sempre stata, ma ora si fa anche sentire
  45. ^ Camorra, arrestato il boss Licciardi Era tra i 30 latitanti più pericolosi - cronaca - Repubblica.it
  46. ^ Il Tesoro Usa, decisione choc: congelati i beni della camorra. Corriere del mezzogiorno. Cronaca. 2 agosto 2012.
  47. ^ Nello Trocchia, camorra, gli Stati Uniti vanno alla guerra. L'Italia perde sempre più terreno in Il Fatto Quotidiano, 30 luglio 2011. URL consultato l'8 agosto 2011.
  48. ^ "Le mani delle cosche sull'Italia". URL consultato il 20 gennaio 2013.
  49. ^ Il Mattino
  50. ^ LA CAMORRA È TRA I SOLDI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - ilmediano.it - l'informazione online
  51. ^ Elenco storico degli scioglimenti dal libro Federalismo criminale. URL consultato il 10 novembre 2012.
  52. ^ Scioglimento del comune di Arzano
  53. ^ Scioglimento del comune di Afragola (1999)
  54. ^ Scioglimento del comune di Afragola (2005)
  55. ^ a b Sciolti per camorra i comuni di Gragnano e di Pagani in la Repubblica, 23 marzo 2012. URL consultato il 23 marzo 2012.
  56. ^ Scioglimenti del comune di S. Giuseppe Vesuviano
  57. ^ Giuseppe D'Avanzo, Per gestire le bische a Napoli si combatte una guerra di clan in la Repubblica, 11 settembre 1984, p. 15. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  58. ^ Articoli sulla faida di Quindici dall'archivio di Repubblica. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  59. ^ Faida fra gli Imparato e i D'Alessandro in la Repubblica, 23 novembre 1989, p. 18. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  60. ^ Stella Cervasio, Quartieri Spagnoli in festa per il boss in libertà in la Repubblica, 22 ottobre 1992, p. 22. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  61. ^ a b c Simone Di Meo, Le guerre nei Quartieri Spagnoli, 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  62. ^ Piero Melati, Bimbo ucciso dalla camorra in la Repubblica, 20 maggio 1990, p. 21. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  63. ^ Piero Melati, Terrore e morte, Torre Annunziata sconvolta dai clan in la Repubblica, 19 dicembre 1990, p. 22. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  64. ^ Irene De Arcangelis, A Torre Annunziata faida per la droga un altro duplice omicidio in la Repubblica, 14 novembre 2004, p. 2. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  65. ^ Scoperto il mandante del delitto di Luigi Sequino e Paolo Castaldi in la Repubblica, 12 maggio 2005, p. 6. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  66. ^ Imputato e moglie del boss uccisi dopo l' udienza in Corriere della Sera, 15 marzo 1992, p. 3. URL consultato il 12 novembre 2012.
  67. ^ Si uccide in carcere killer dei Quartieri in la Repubblica, 17 aprile 2000, p. 5. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  68. ^ Stella Cervasio, Strage tra la folla ai Quartieri Spagnoli in la Repubblica, 31 marzo 1991, p. 19. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  69. ^ Ottavio Lucarelli, "La polizia non c'era, eppure tutti sapevano" in la Repubblica, 31 marzo 1991. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  70. ^ Ercolano, è guerra tra cosche Il sindaco: noi andiamo avanti in la Repubblica. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  71. ^ Conchita Sannino, Ercolano, la faida dei 18 caduti in la Repubblica, 18 settembre 2008, p. 7. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  72. ^ Morì in un incendio, presi 3 pregiudicati Castelvolturno in la Repubblica, 1° febbraio 2006, p. 4. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  73. ^ Irene De Arcangelis, Ottavio Ragone, Uccisa la donna del clan in la Repubblica, 4 luglio 1995, p. 12. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  74. ^ Eleonora Bertolotto, Irene De Arcangelis, Pentiti, la camorra colpisce ancora in la Repubblica, 9 agosto 1996, p. 19. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  75. ^ Federico Geremicca, Quella faida per una lite su una minigonna in la Repubblica, 17 luglio 1997, p. 23. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  76. ^ Il Giornale di Napoli del 07/03/2007
  77. ^ Repubblica — 06 agosto 1997 pagina 17 sezione: CRONACA
  78. ^ "Tornerà per regolare i conti..." in la Repubblica, 18 marzo 2000, p. 4. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  79. ^ Due anni fa, le autobombe in la Repubblica, 14 settembre 2000, p. 4. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  80. ^ Conchita Sannino, Vendetta contro il clan della bomba in la Repubblica, 3 maggio 1998, p. 25. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  81. ^ Cronache di Napoli del 22/05/2005
  82. ^ Irene De Arcangelis, Scovato a Madrid in la Repubblica, 28 gennaio 2009, p. 4. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  83. ^ Walter Molino, Taci infame: vite di cronisti dal fronte del Sud, Il Saggiatore, 2010, p. 22, ISBN 88-428-1625-6. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  84. ^ Un pentito: Il patto per eliminare Mazzarella in la Repubblica, 21 dicembre 2005, p. 4. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  85. ^ Faida interna al clan dei Casalesi, sette arresti tra i fedelissimi dei boss in Corriere del Mezzogiorno online, 20 ottobre 2011. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  86. ^ Camorra, blitz contro i Casalesi nel casertano trentadue arresti
  87. ^ Ragazzi di coca e di camorra
  88. ^ Enzo D'Errico, Doppio assalto nel traffico, in poche ore quattro omicidi in Corriere dell Sera, 2 giugno 2004, p. 18. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  89. ^ Colpo al clan dei D'Alessandro sventata una vendetta trasversale - Repubblica.it in la Repubblica, 23 marzo 2006. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  90. ^ Giacomo Talignani, Dieci giorni fa l'arresto del clan rivale di Guarino - Parma - Repubblica.it in la Repubblica, 29 ottobre 2010. URL consultato il 6 dicembre 2011.
  91. ^ Dario Del Porto, Misso jr. svela trentuno omicidi in la Repubblica, 15 giugno 2008, p. 10. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  92. ^ Irene De Arcangelis, Faida della Sanità, un arresto in la Repubblica, 19 febbraio 2006, p. 8. URL consultato il 13 dicembre 2011.
  93. ^ Roberto Saviano, Il «bomber» voluto dal boss., 2006. URL consultato il 13 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2011).
  94. ^ Terracina, spari tra la folla in spiaggia, ucciso un boss degli "scissionisti" in la Repubblica, 23 agosto 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  95. ^ Irene De Arcangelis, L'omicidio di Marianella, "killer ingannati dall'auto" in la Repubblica, 16 ottobre 2012. URL consultato il 12 novembre 2012.
  96. ^ la Repubblica — 25 aprile 1990 pagina 3
  97. ^ Strage di Camorra tra la folla di Barra
  98. ^ archivio.corriere Strage di Acerra; ora l' omerta' protegge i sicari
  99. ^ Camorra, in Irpinia la strage delle donne
  100. ^ Strage nella terra dei Casalesi: 6 morti
  101. ^ Giantomaso De Matteis, Asl 4 allo sbando dopo le accuse in la Repubblica.it, 23 ottobre 2005. URL consultato il 18 luglio 2012. (archiviato)
  102. ^ La 'Ndrangheta e le altre mafie
  103. ^ Blu Notte - La mafia al nord, 31 agosto 2008
  104. ^ La camorra all¿Esquilino, patto con i cinesi | Roma la Repubblica.it
  105. ^ Libera.it-Mafie straniere

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aleni Sestito, Laura - La camorra e i bambini: un'indagine nel contesto scolastico napoletano. Milano, Italia: Unicopli, (Minori. Università), 1997. 191 p., ill., bibliography p. [185]-191, 22 cm. ISBN 88-400-0462-9; LC 97193730; BNI 97260487.
  • (EN) Allum F. (2006) Camorristi, politicians, and businessmen: the transformation of organized crime in post-war Naples, Leeds, Northestern University press.
  • Allum Percy, Potere e società a Napoli nel dopoguerra. Torino, Italia: 1979; Einaudi Editori (Collana Saggi). p. 549 (pubblicazione originale: 1973; Cambridge University Press).
  • Aquaro, Roberto. Camorra a Taranto. (Nota introduttiva di Antonio Scialpi). Taranto, Italia: Mediasud, (Città e Società), 1986. 181+[2] p., ill., port., 21 cm. BNI 89001586; [IT/ICCU/CFI/0022122].
  • Baglivo, Adriano. Camorra S.p.A. - Droga, omicidi, tangenti a Napoli: dai contrabbandieri del golfo ai boss in doppiopetto. Milano, Italia: Rizzoli, 1983. 203 p., 1 map, bibliogr., index, 22 cm. BNI IT/ICCU/SBL/0316081; LC 83231816.
  • Barbagallo, Francesco. Camorra e criminalità organizzata in Campania. Napoli, Italia: Liguori, (Proposte; 26), 1988. 209 p., 22 cm. ISBN 88-207-1746-8; BNI 91005205; [IT/ICCU/CFI/0144026]; LC 89182617.
  • Barbagallo, Francesco. Il potere della camorra (1793-1998). Torino, Italia: Einaudi, (Einaudi Contemporanea; 67), 1999. xvi+208 p., bibliogr., index, 20 cm. ISBN 88-06-15100-2; LC 99509182.
  • Capacchione, Rosaria. L'oro della camorra. Milano, Italia: Rizzoli, 2008. 278 p.
  • Ciconte, Enzo, Mafia, camorra e 'ndrangheta in Emilia-Romagna. (Presentazione di Cosimo Braccesi; introduzione di Raimondo Catanzaro). Rimini, Italia: Panozzo, (Estemporanea Panozzo; 1), 1998. 283 p., 17 cm.
  • Ciconte, Enzo, Storia criminale. La resistibile ascesa di mafia, 'ndrangheta e camorra dall'Ottocento ai giorni nostri, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2008, pp. 432.
  • De Blasio, Abele. Usi e costumi dei camorristi, con prefazione di Cesare Lombroso. (2. edizione illustrata da S. de Stefano). Napoli, Italia: L. Pierro, 1897. 3+[ix]-xv+288 p., illus., 19 cm. LC 13015486.
  • De Cosa, Eugenio. Camorra e mala vita a Napoli agli inizi del Novecento. [Cerchio, Italia]: A. Polla, (I Circensi), 1989. 169 p., 17 cm. Pubblicazione originale: 1908. BNI IT/ICCU/CFI/0202505.
  • De Rosa, Francesco. Un'altra vita: le verità di Raffaele Cutolo. Milano, Italia: M. Tropea, (Le Querce), 2001. 191+[8] p., ill., 22 cm. 1981 - ISBN 88-438-0299-2; BNI 01201204; LC 2001428463.
  • Di Bella, Saverio. Mafia, ndrangheta e camorra: guida bibliografica, (Legge Regione Siciliana, n. 51 del 4-6-1980). Soveria Mannelli, Italia: Rubbettino, 1983. 77 p., 24 cm. BNI 84004249; [IT/ICCU/CSA/0006620]; LC 85119263.
  • Di Fiore, Gigi. Potere camorrista: quattro secoli di malanapoli. (Introduzione di Raffaele Bertoni). Napoli, Italia: A. Guida, 1993. 276 p., bibliogr., 21 cm. ISBN 88-7188-084-6; LC 93229665.
  • Di Fiore, Gigi. Io, Pasquale Galasso: da studente in medicina a capocamorra. Napoli, Italia: T. Pironti, 1994. 281 p., bibliography p. 257-267, index, 21 cm. ISBN 88-7937-126-6; LC 95170107; BNI 94484562.
  • Di Fiore, Gigi. La camorra e le sue storie. Torino, Italia: Utetlibreria. 2005. 496 p., bibliogr., 15x23
  • Di Fiore, Gigi. La camorra storie e documenti. Torino, Italia: Utet libreria. 2006. 487 p. ISBN 88-02-07632-4
  • Di Meo, Simone. L'impero della camorra. Vita violenta del boss Paolo Di Lauro. Roma, Italia: Newton Compton Editori. 2008, 283 p.
  • (FR) Falcionelli, Alberto. Les sociétés secrètes italiennes: Les Carbonari - La camorra - La Mafia. Parigi, Francia: Payot, 1936. 2+[7]-255 p., 23 cm. LC 37013361.
  • Fantò, Enzo. Mafia, 'ndrangheta e camorra dopo la Legge La Torre: atti della Commissione parlamentare. Roma, Italia: Gangemi, 1989. 338 p., 24 cm. ISBN 88-7448-234-5; BNI IT/ICCU/CFI/0202057; LC 89176933.
  • Feo, Fabrizio. Uomini e affari della camorra: cronache di quotidiana violenza in un viaggio tra le storie dei clan. (Prefazione di Amato Lamberti). Napoli, Italia: Sintesi, (Città si diventa. Quaderni dell'Osservatorio sulla camorra), 1989. 220 p., 22 cm. BNI IT/ICCU/NAP/0017190.
  • Ferrari, Luca. Bassolino & la nuova camorra: indagine sulla svendita di una città. (2. edizione). Napoli, Italia: Controcorrente, 1997. 147 p., bibliogr., 21 cm. LC 98158337.
  • (EN) Grant, Charles. Stories of Naples and the Camorra. ("Storie di Napoli e camorra, con introduzione commemorativa dell'autore di J. B. Capper). Londra, G.B.: Macmillan and Co. Ltd., (Macmillans Colonial Library), 1897. xvii+[2]+379+7 p., 21 cm. BNI IT/ICCU/SBL/0480459; LC 04015311. (Scaricalo da archive.org)
  • (EN) Jacquemet, Marco. Credibility in court: communicative practices in the camorra trials. Cambridge, New York, N.Y., U.S.A.: Cambridge University Press, 1996. xii+324 p., ill., bibliogr. p. [304]-319, indexes, 23 cm. ISBN 0-521-55251-6. LC 96220286.
  • La Rossa, Rosario Esposito. Al di là della neve. Storie di Scampia. Napoli, Italia: Marotta & Cafiero, 2007, p 145., 21 cm.
  • Longrigg, Clare. L'altra faccia della mafia: l'anima femminile di Cosa nostra, 'ndrangheta e camorra: donne che comandano, che subiscono e che combattono: le loro voci, le loro ragioni. (Traduzione di Fernanda Aversa e Carlo Gustavo Draghi). Milano, Italia: Ponte alle Grazie, (Saggi), 1997. 317+[4] p., 21 cm. Traduzione di Mafia women. (Inglese). ISBN 88-7928-409-6; BNI IT/ICCU/RMG/0026469.
  • Lucarelli, Carlo, La storia della camorra in Storie di bande criminali, di mafie e di persone oneste, 1ª ed., Einaudi, 2008, pp. 170-224, ISBN 978-88-06-19502-1.
  • Marvasi, Roberto. La tragedia Cuocolo: governo, polizia e camorra. Napoli, Italia: G. M. Priore, (Biblioteca Scintilla), 1907. 112 p., ill., 20 cm. BNI IT/ICCU/SBL/0736672.
  • Melorio Simona, Cultura di camorra, Edizioni Labrys, 2010. www.edizionilabrys.it
  • Messina, Giuseppe, L'etimologia di "màfia", "camòrra" e "ndràngheta". Acireale, Italia: Bonanno, 1992. 71 p., bibliography p. [63]-68, 17 cm. ISBN 88-7796-033-7; 8877960213; LC 93191394.
  • Mirabella, Emanuele. Mala vita: gergo, camorra e costumi degli affiliati: con 4500 voci della lingua furbesca in ordine alfabetico. (Prefazione di Cesare Lombroso). Napoli, Italia: F. Perella, 1910. 405+[1] p., port., 19 cm. BNI IT/ICCU/SBL/0736395.
  • Nocifora, Enzo. Mafia, 'ndrangheta & camorra. (Con il contributo di Pino Arlacchi). Roma, Italia: EL, (Interventi; 19), 1982. 141 p., bibliography p. 33-35, 20 cm. LC 84142763.
  • Orecchia, Giulio.; Rossetti, Gian Paolo. Malagente: 'ndrangheta, mafia & camorra. (2. edizione; prefazione di Nantas Salvalaggio). Napoli, Italia: T. Pironti, 1982. 198+[24] p., ill., 24 cm. BNI IT/ICCU/CFI/0053181; LC 83152550.
  • Paliotti, Vittorio. La camorra. Storia, personaggi, riti della bella società napoletana dalle origini a oggi. Milano, Italia: Bietti, (Caleidoscopio), 1973. 257+[8] p., ill., bibliography p. [252]-253, 21 cm. BNI IT/ICCU/SBL/0462834; LC 74301096.
  • Paliotti, Vittorio. Storia della camorra. Roma, Italia: Newton Compton, (I Volti della Storia; 9), 2002. 255 p., ill., bibliography p. [243]-244, filmography p. [245]-246, index, 22 cm. ISBN 88-7983-287-5; LC 94156456.
  • Parlamento Italiano. Camorra e politica: relazione approvata dalla Commissione il 21 dicembre 1993. Roma, Italia: Laterza, (Saggi Tascabili Laterza; 178), 1994. 223 p., bibliogr., index, 18 cm. ISBN 88-420-4412-1; LC 94175365.
  • Parlamento Italiano. Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari. Camorra, politica, pentiti: la relazione del presidente Luciano Violante e le deposizioni di Pasquale Galasso e Salvatore Migliorino, le accuse della magistratura contro otto parlamentari: atti della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla Mafia. (Prefazione di Antonio Riboldi; a cura di Orazio Barrese). Soveria Mannelli, Italia: Rubbettino, 1994. 545 p., bibliogr., 24 cm. ISBN 88-7284-222-0; LC 94192170.
  • Rossi, Luca. Camorra: un mese a Ottaviano, il paese in cui la vita di un uomo non vale nulla. (Postfazione di Pino Arlacchi). Milano, Italia: Arnoldo Mondadori, (Primapagina), 1983. 165 p., 21 cm. LC 83153141.
  • Russo Ferdinando. Camorra e camorristi. Napoli, Italia: Imagaenaria, 2009. 128 p.
  • Russo, Ferdinando; Serao, Ernesto. La camorra. Origini, usi, costumi e riti dell'annorata soggietà. Napoli, Italia: Ferdinando Bideri, (Biblioteca Varia Bideri), 1907. 166 p., 20 cm. BNI IT/ICCU/SBL/0742094.
  • Ruta, Carlo, Narcoeconomy. Business e mafie che non conoscono crisi, Castelvecchi Editore, Roma, 2011.
  • Sabbatino, Pasquale, Le città indistricabili. Nel ventre di Napoli da Villari ai De Filippo, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2007, ISBN 978-88-495-1416-2.
  • Sales, Isaia. La camorra, le camorre. (Prefazione di Corrado Stajano). Roma, Italia: Editori Riuniti, (Testimonianze; 6), 1988. 222 p., bibliography p. 219-222, 22 cm. ISBN 88-359-3222-X; LC 89144249.
  • Santacroce, Domenico. I miei giorni della camorra. Fuorni, Salerno, Italia: Boccia, 1988. 197 p., 22 cm. BNI 91002844; [IT/ICCU/CFI/0157477].
  • Santacroce, Domenico. La Trattativa: l'ordinanza del giudice Alemi sul caso Cirillo: brigate rosse, camorra, ministri dc, servizi segreti. Roma, Italia: Editrice l'Unità, (Documenti), [1988], 127 p., 19 cm.
  • Sardo, Raffaele. La Bestia. Camorra, storie di delitti, vittime, complici . (Prefazione di Roberto Saviano). Milano, Italia: Melampo Editore, ottobre 2008, 168 p., 21 cm.
  • Saviano, Roberto. Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra. Milano, Italia: Arnoldo Mondadori, 2006, 331 p., 21 cm.
  • Serao Ernesto. La camorra. Napoli, Italia: Imagaenaria, 2009, 160 p.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Boss[modifica | modifica wikitesto]

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]