Domenico Tripodo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Tripodo, o anche Mico Tripodo (Reggio Calabria, 1 gennaio 1923Napoli, 26 agosto 1976), è stato un criminale italiano. Capobastone della 'ndrangheta calabrese e capo dell'omonima cosca, controllava Reggio Calabria e le zone circostanti negli anni cinquanta e sessanta.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Sambatello, quartiere di Reggio Calabria e insieme a Girolamo Piromalli, detto Don Mommo, e ad Antonio Macrì era ai tempi tra i più potenti capibastone dell'organizzazione. Salì al potere soppiantando il precedente boss Domenico Strati nel 1959 dopo 2 anni di lotta. Da allora nacque la spartizione delle zone di influenza con i sopracitati due capibastone.

Negli anni Settanta molti boss del reggino vogliono trarre profitto dal traffico di droga e dai sequestri di persona, attività nuove per la mafia calabrese, a cui si oppone insieme a Don Antonio Macrì. In quel periodo nasce anche la Santa, un'organizzazione interna alla 'Ndrangheta di cui potevano far parte solo i capi più importanti delle 'ndrine, e che potevano conferire con autorità esterne quali forze dell'ordine e magistrati...

Prima guerra di 'Ndrangheta, arresto e morte[modifica | modifica sorgente]

Scoppiò tra il 1974 e il 1976 così la Prima guerra di 'ndrangheta: a Reggio Calabria Tripodo si scontrò con i suoi sottoposti i fratelli De Stefano. Questi raggiunsero il monopolio per le opere edili a nord di Reggio Calabria, estromettendo la ndrina dei Tripodo dagli appalti delle opere pubbliche, grazie anche al supporto dei Piromalli e dei Mammoliti. Rubarono inoltre anche una partita di tabacco di contrabbando appartenente al capobastone, Tripodo, nel 1974 reagì tentando di uccidere Giovanni De Stefano. Anche i De Stefano tentarono l'uccisione del capobastone senza successo. Fu arrestato il 21 febbraio 1975 e incarcerato alla prigione di Poggioreale a Napoli.

Non vide la fine della guerra, poiché fu ucciso il 26 agosto 1976 in cella su richiesta di Paolo De Stefano dalla Nuova Camorra Organizzata di Raffaele Cutolo che lavorava con loro nel traffico di droga. I De Stefano divennero la 'ndrina predominante a Reggio Calabria. Durante il periodo della sua lunga latitanza fu compare d'anello di Totò Riina nel matrimonio che si celebrò a Corleone nella primavera del 1974. All'inizio degli anni Settanta la Rai produce e manda in onda uno sceneggiato televisivo Nessuno deve sapere ispirato alla leggendaria primula rossa di San Giovanni di Sambatello. Su di lui c'è un fascicolo di oltre 1000 pagine in cui le sue attività furono definite, dal giudice Marino del tribunale di Locri,delle vere "Opere d'arte della malavita". Nel 1957 la malavita reggina viene coinvolta dall'operazione Marzano e don Mico viene inviato al confino ad Ustica per 5 anni. Da Ustica il giovane boss scrisse al Questore e al Prefetto di Reggio chiedendo un sussidio, da lui chiamato "mazzetta" poiché non aveva il denaro per potersi mantenere.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]