Vincenzo Licciardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vincenzo Licciardi (Napoli, 27 giugno 1965) è un criminale italiano, coinvolto in inchieste di camorra ed accusato di essere a capo di un'organizzazione criminale napoletana denominata "Alleanza di Secondigliano"[1].

Capo della famiglia Licciardi di Secondigliano, è stato arrestato dalla Squadra Mobile della Questura di Napoli il 7 febbraio 2008 in una villa a Cuma, nella provincia di Napoli, dove si trovava insieme alla moglie[2]. Era tra i 30 ricercati più pericolosi d'Italia ancora in libertà e aveva ricevuto anche un mandato di cattura internazionale. Dopo il suo arresto fu succeduto dal boss Gennaro Cirelli detto Gerry.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Napoli, colpo al clan Licciardi sequestrati beni per 300 milioni, Repubblica.it
  2. ^ Camorra, arrestato il boss Vincenzo Licciardi in la Repubblica, 08 febbraio 2008. URL consultato il 18/09/2008.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie