Cartello di Tijuana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartello di Tijuana
Area di origine Messico
Aree di influenza Bassa California[1], Stati Uniti meridionali
Periodo 1989 - in attività

Il Cartello di Tijuana o Organizzazione Arellano Felix è una organizzazione criminale messicana originaria di Tijuana dedita al narcotraffico. La sua influenza copre la parte nordoccidentale del Messico ed è in rivalità con altri due grandi cartelli: il Cartello di Juárez di Juárez, Chihuahua e Navojoa, Sonora nel centro, ed il Cartello del Golfo ad est. Il cartello è stato descritto come "uno dei più grandi e più violenti gruppi criminali messicani".[2] Il Cartello di Tijuana è stato rappresentato nel combattimento contro il rivale Cartello di Juárez nel film del 2000 Traffic.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Cartello di Tijuana è inoltre conosciuto come Organizzazione Arellano Felix (AFO), dal momento in cui arrivò al comando la famiglia di Ramón Eduardo Arellano Félix. Il 18 settembre del 1997, Ramón Arellano Félix divenne il 451° ad essere aggiunto dall'FBI nella lista dei dieci latitanti più ricercati.

L'organizzazione ha la reputazione di essere estremamente violenta. Ramón ordinò un'esecuzione di massa dove persero la vita 18 persone a Ensenada in Bassa California, il 17 settembre del 1998. Ramón è stato assassinato in uno scontro a fuoco con la polizia a Mazatlán, Sinaloa, il 10 febbraio del 2002.

Nel 1998 come attestato della collaborazione tra il Cartello Arellano-Felix (con base a Tijuana, Mexico) ed il Cartello di Sonora (conosciuto anche con il nome di Cartello Caro-Quintero) nasce il sodalizio criminale, noto come Federazione.

La famiglia Arellano Félix è formata da sette fratelli:

Hanno anche quattro sorelle. La famiglia ha ereditato l'organizzazione dal loro zio Miguel Ángel Félix dopo la sua incarcerazione.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte, nel 1997, di Amado Carrillo Fuentes del Cartello di Juárez, il Cartello di Tijuana cercò di guadagnarsi un appoggio a Sonora.[2]

Il 26 aprile 2008 quattordici membri di bande messicane dedite al narcotraffico sono stati uccisi e altri otto sono stati feriti durante uno scontro a fuoco avvenuto al confine con gli Stati Uniti. Fazioni rivali del Cartello di Tijuana hanno combattuto a colpi di arma da fuoco nelle prime ore del mattino, è stata una delle più sanguinose sparatorie nella guerra messicana per il narcotraffico che dura ormai da tre anni.

Catture e prove[modifica | modifica wikitesto]

Nel Ottobre del 1997, un C-130A delle forze aeree degli Stati Uniti ritirato e venduto alle linee aeree postali del Messico è stato sequestrato dagli ufficiali federali del Messico, contestando che fosse stato utilizzato dal cartello per trasportare droga dal Sud e Centro America, come all'interno del Messico. Gli inquirenti hanno collegato il proprietario dell'aereo, Jesus Villegas Covallos, a Ramón Arellano Félix.[2]

Il 14 agosto del 2006, Francisco Javier Arellano Félix è stato fermato dagli agenti della Guardia Costiera degli Stati Uniti fuori la costa della Bassa California del Sud.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Localizzazione geografica dei principali gruppi criminali in Messico al 31 giugno 2013, Il circuito delle mafie, Limes Novembre 2013 p.96 di Edoardo Guerrero Gutierrez
  2. ^ a b c Tim Steller, Mexican drug runners may have used C-130 from Arizona in The Arizona Daily Star, Archived at California State University Northridge, 15 aprile 1998. URL consultato il 26 settembre 2007.