Crispano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crispano
comune
Crispano – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Napoli-Stemma it.png Napoli
Amministrazione
Sindaco Carlo Esposito (PD) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 40°57′00″N 14°17′00″E / 40.95°N 14.283333°E40.95; 14.283333 (Crispano)Coordinate: 40°57′00″N 14°17′00″E / 40.95°N 14.283333°E40.95; 14.283333 (Crispano)
Altitudine 37 m s.l.m.
Superficie 2 km²
Abitanti 12 585[1] (31-12-2010)
Densità 6 292,5 ab./km²
Comuni confinanti Caivano, Cardito, Frattamaggiore, Frattaminore,
Altre informazioni
Cod. postale 80020
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 063030
Cod. catastale D170
Targa NA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti Crispanesi
Patrono san Gregorio Magno
Giorno festivo 12 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Crispano
Posizione del comune di Crispano nella provincia di Napoli
Posizione del comune di Crispano nella provincia di Napoli
Sito istituzionale

Crispano è un comune italiano di 12.568 abitanti della provincia di Napoli in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Situato a nord di Napoli costituisce un unicum urbano con i comuni contermini.

Cenni Storici[modifica | modifica sorgente]

Elenco di alcuni dei signori feudatari di Crispano:

  • 1303: Ruggero del Gaudio.
  • 1306: Filippo di Leonardo di Crispano otteneva l’intervento regio contro Marino d’Eboli, la cui moglie era signora feudale di Crispano, poiché il detto Marino lo molestava nel possesso dei suoi beni. Da un elenco di signori feudatari, all’epoca della regina Giovanna I, vi era il conte Giovanni d’Asperch come feudatario di Crispano
  • 1393: il feudo è di proprietà di Carlo Ruffo, conte di Montalto e Corigliano
  • 1399: Carlo Ruffo vendette Crispano a Gurello Aurilia, dottore in Legge e consigliere del re Ladislao, nonché Protonotaro del Regno
  • 1406: Gurello Aurilia trasferisce il feudo al secondogenito Roberto
  • 1417: Bartolomeo del Duca
  • 1616: Don Sancio de Strada acquista il casale di Crispano divenendone il marchese, in seguito la proprietà passa a Donna Teresa de Strada sposata con Don Diego Soria
  • 1699: dal matrimonio di Giovanna di Soria con il marchese di San Marcellino, Giovanni Tovar, Crispano passa ai Tovar
  • 1712: dal matrimonio di Donna Teresa Tovar con Fulcantonio Ruffo il feudo passa ai principi di Scilla.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Secondo Giovanni Flechia, esperto di toponimi vissuto nell'Ottocento, il nome deriva dalla gens crispia, ma il primo documento ufficiale in cui compare il termine "Crispanum" è datato 936 d.c.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Crispano in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Crispano")