San Paolo Bel Sito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Paolo Bel Sito
comune
San Paolo Bel Sito – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Napoli-Stemma it.png Napoli
Amministrazione
Sindaco Manolo Cafarelli (lista civica) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 40°55′00″N 14°33′00″E / 40.916667°N 14.55°E40.916667; 14.55 (San Paolo Bel Sito)Coordinate: 40°55′00″N 14°33′00″E / 40.916667°N 14.55°E40.916667; 14.55 (San Paolo Bel Sito)
Altitudine 50 m s.l.m.
Superficie 2,97 km²
Abitanti 3 546[1] (31-12-2010)
Densità 1 193,94 ab./km²
Frazioni Livardi, Scaravito
Comuni confinanti Liveri, Nola
Altre informazioni
Cod. postale 80030
Prefisso 081
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 063069
Cod. catastale I073
Targa NA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti sampaolesi
Patrono san Sebastiano
Giorno festivo 20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Paolo Bel Sito
Posizione del comune di San Paolo Bel Sito nella provincia di Napoli
Posizione del comune di San Paolo Bel Sito nella provincia di Napoli
Sito istituzionale

San Paolo Bel Sito (Santu Paulo in napoletano) è un comune italiano di 3.546 abitanti della provincia di Napoli in Campania.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Nel censimento del 1991 la popolazione registrata era di 3.013 abitanti, mentre dall'ultimo censimento del 2001 risulta una popolazione di 3.356 abitanti, con un incremento demografico pari all'11,38%. Sono presenti 1.075 nuclei familiari. Abitanti censiti[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli originari abitanti di San Paolo provenivano dalla retrostante collina di Castel Cicala, dalla cui sommità discesero - attratti dalle migliori condizioni dei luoghi - per dedicarsi alla coltura dei campi. Nacquero così i primi nuclei abitativi denominati San Paolo, Liber (Liveri) e Bardi (l'attuale frazione di Livardi). Il nucleo più importante dovette essere proprio San Paolo, così denominato in onore del Santo egiziano San Paolo di Tebe, vissuto verso la seconda metà del III secolo d.C. (228 circa-335 circa) e considerato dalla tradizione cristiana il primo santo Eremita.

Col tempo le attività dei tre originari nuclei abitativi si diversificarono, e mentre gli abitanti di San Paolo si dedicarono prevalentemente all'artigianato e quelli di Livardi all'agricoltura quelli di Liveri invece iniziarono a coltivare le arti liberali. San Paolo Bel Sito si sviluppa lungo l'asse Nola-Lauro-Palma Campania che ricalca, secondo alcuni studiosi, il tracciato dell'antica via Popilia. Importanti rinvenimenti archeologici nelle località Vigna, Montesano e Campo Stella, testimoniano l'intensa occupazione dell'area sia in epoca protostorica che romana. All'età del Bronzo Antico è riferibile l’eccezionale scoperta degli scheletri di due individui morti a causa dell’eruzione vulcanica cosiddetta delle “Pomici di Avellino” (XIX-XVIII secolo a.C.). Altri rinvenimenti si riferiscono ad un abitato del Bronzo Finale (XI-X secolo a.C.), ai resti di un tempio italico (IV-III secolo a.C.), a quelli di una villa romana del tardo periodo repubblicano-prima età imperiale nonché a sepolcreti con tombe sannitiche e romane. L’insediamento odierno di San Paolo sembra abbia avuto origine in epoca tardo medievale – come attestano fonti coeve del XIII e XIV secolo – dall’unione e dalla successiva fusione di due nuclei abitativi separati, ognuno con la propria chiesa parrocchiale, presenti sul territorio.

L'appellativo “Bel Sito” fu aggiunto al toponimo originario dopo l'unità d’Italia, per distinguere questo paese da altri con simile nome. Con tale appellativo, trasposizione del termine greco ghè kalè (terra bella) da cui deriverebbe il nome di Cicala, si sono volute ricordare le origini del paese. La felice posizione geografica, congiunta alla bellezza naturale del paesaggio, contribuì, dalla fine del XVIII fino agli inizi del XX secolo, a far assumere al paese il ruolo di ricercato luogo di villeggiatura da parte dell’aristocrazia partenopea.

Testimonianza di questo passato recente sono molte di quelle nobili dimore ed una in particolare, villa Montesano, posta su una modesta altura appena fuori dal centro abitato del paese. Vi soggiornò Domenico Cimarosa, che qui compose “Il matrimonio segreto[3]. La villa è ricordata per l'incendio nel quale andarono distrutti molti documenti dell'Archivio di Stato di Napoli, qui trasferiti durante la seconda guerra mondiale.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Edifici storici[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a San Paolo Bel Sito[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Centro agricolo (nocciole, olive, ortaggi, frutta), dell'allevamento (bovini) e industriale (alimentari).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Villa Montesano

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]