Autobomba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una autobomba identifica un autoveicolo (generalmenre una autovettura) al cui interno viene collocato un ordigno e/o altro materiale esplosivo (per es. il tritolo), la cui detonazione viene realizzata a distanza, di solito attraverso un radiocomando.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente utilizzata negli anni sessanta-settanta dal terrorismo mediorientale (in particolare in Libano e a Beirut), l'autobomba aveva inizialmente dei rudimentali meccanismi di detonazione, come quello che veniva collegato al sistema di accensione del motore della vettura. Questa tecnica è stata ripresa e perfezionata da svariate associazioni criminali sud-americane ed europee, in particolare da organizzazioni criminali, come ad esempio "Cosa Nostra", con particolare rilievo nelle stragi che hanno provocato la morte di Rocco Chinnici e Paolo Borsellino,[1] e nell'attentato contro Carlo Palermo nella Strage di Pizzolungo. Sempre a Cosa nostra sono attribuite le autobombe utilizzate per la strage di via dei Georgofili e di via Palestro.

Negli ultimi anni ha preso vigore, soprattutto in Iraq e a Bagdad, la tecnica terroristica dell'"autobomba-suicida", in cui il telecomando viene sostituito da un "autista-kamikaze", che conduce la vettura carica di esplosivo fino a provocarne la detonazione nei pressi dell'obiettivo prefissato.[2] Un esempio ne è il camion-cisterna guidato da due kamikaze, utilizzato contro la missione militare italiana nella strage di Nassiriya del 2003.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gnosis, 1995
  2. ^ Specchio economico, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]