Terrorismo palestinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parte del conflitto israelo-palestinese
e della serie dei conflitti arabo-israeliani
Israele con Cisgiordania, Striscia di Gaza e Alture del Golan

██ Israele e Gerusalemme Est

██ Cisgiordania, Striscia di Gaza, Alture del Golan a e Fattorie di Sheb'a a

Parti in causa
Flag of Palestine.svg
Palestina
Israele
Israele
Storia
Accordi di Camp David · Conferenza di Madrid · Accordi di Oslo/Oslo II · Protocollo di Hebron · Memorandum di Wye River/Memorandum di Sharm el-Sheikh · Summit di Camp David · Summit di Taba · Road Map · Conferenza di Annapolis
Aspetti rilevanti nella trattativa
Insediamenti israeliani
Barriera di separazione israeliana · Stato ebraico · Terra di Israele  · Status di Gerusalemme
Flag of Palestine.svg     Leader attuali     Israele
Maḥmūd ʿAbbās
Salām Fayyāḍ
Benjamin Netanyahu
Shimon Peres
Mediatori internazionali
Quartetto · Lega Araba · Egitto
Nazioni Unite Unione europea Russia Stati Uniti Flag of the Arab League.svg Egitto
Altre proposte
Iniziativa di pace araba · Piano di pace Elon · Piano Lieberman · Accordo di Ginevra · Hudna · Piano di disimpegno unilaterale israeliano · Piano di riallineamento israeliano
a Le Alture del Golan e le Fattorie di Sheb'a non rientrano nei processi di pace israelo-palestinesi.

Con "terrorismo palestinese" ci si riferisce all'attività di liberazione nazionale di stampo terroristico posta in essere dai gruppi armati palestinesi e agli atti di violenza commessi dagli stessi.

Gli Stati Uniti[1] e l'Unione europea[2] hanno designato l'Organizzazione Abu Nidal, le Brigate dei Martiri di al-Aqsa, Hamas, la Jihad islamica, Fronte per la Liberazione della Palestina, Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP), il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina - Comando Generale (FPLP-CG), come organizzazioni terroristiche. Il Congresso degli Stati Uniti ha stabilito nel 1987 che anche l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina era da considerarsi un'organizzazione terroristica[3], tuttavia, la decisione è stata de facto annullata nel 1993, in seguito alla firma degli accordi di Oslo).

Elenco delle fazioni politiche e dei gruppi armati palestinesi[modifica | modifica sorgente]

Sotto-gruppi dell'OLP[modifica | modifica sorgente]

  • Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP) (fondata nel 1967)
    • Sinistra separatista palestinese
    • Iscritto l'OLP nel 1968 e divenne il secondo più grande della fazione OLP, dopo al-Fatah di Arafat , ma si ritirò nel 1974, accusando il gruppo di abbandonare l'obiettivo di abolire lo Stato di Israele
  • Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina (FDLP) (fondato 1969)
    • Gruppo Marxista-leninista ritiene che gli obiettivi nazionali palestinesi possono essere raggiunti solo attraverso la rivoluzione delle masse.
  • Organizzazione Abu Nidal (ANO), anche noto come Al Fatah - il Consiglio rivoluzionario (FRC), (fondata nel 1974)
    • Era guidata da Abu Nidal fino alla sua morte avvenuta nel mese di agosto 2002.
  • Fatah (fondata all'inizio del 1960)

Gruppi associati con Fatah[modifica | modifica sorgente]

Gruppi secessionisti dell'OLP[modifica | modifica sorgente]

Attentati[modifica | modifica sorgente]

In Israele e Palestina[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Attentati suicidi palestinesi, Intifada e Seconda intifada.

Alcuni attentati rivendicati fuori da Israele e relativi responsabili[4][modifica | modifica sorgente]

Possibili coinvolgimenti in altri attentati[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Foreign Terrorist Organizations (FTOs)" - U.S. Department of State
  2. ^ "Council Common Position 2004/500/CFSP of 17 May 2004" - EU list of "persons, groups and entities involved in terrorist acts"
  3. ^ "The Congress determines that the PLO and its affiliates are a terrorist organization (1987)" - U.S. Code Collection
  4. ^ da Il Sole 24 ore