Carlo Lucarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Lucarelli a Lucca Comics & Games 2008

Carlo Lucarelli (Parma, 26 ottobre 1960) è uno scrittore, regista, sceneggiatore, conduttore televisivo e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò presso il Liceo Classico Torricelli di Faenza. Il suo esordio letterario avvenne con il giallo Carta bianca del 1990, il primo di una lunga serie di noir a sfondo poliziesco, genere per il quale è conosciuto anche all'estero. Tra gli altri, ricordiamo "Almost Blue", suo bestseller da cui è stato tratto anche un film e il romanzo giallo-noir Laura di Rimini (2001). Ha collaborato con Dario Argento alla sceneggiatura del film Non ho sonno (2001). Scrive anche per diversi giornali o riviste (il manifesto, L'Europeo, Il Messaggero, L'Unità, xL) ed ha vinto numerosi premi letterari[1].

Si è occupato di molteplici attività: per la televisione è stato autore di un programma condotto da Adriano Celentano, conduttore del programma Blu notte dal 1998 e per il fumetto ha firmato il soggetto del n.153 di Dylan Dog (La strada verso il nulla). Ha anche scritto la sceneggiatura per numerosi spettacoli di Feste medievali: La gabbia della dannazione eterna (1996) e Belfagor, ovvero la vanità del Diavolo (2002), entrambi rappresentati alle Feste medievali di Castrocaro, e Korn lo sfracello di Dio (2006), alle Feste medievali di Brisighella.

Ha fondato "Gruppo 13" un'associazione di scrittori di romanzi gialli della Romagna e cura la rivista telematica: Incubatoio 16. Insegna anche scrittura creativa alla Scuola Holden a Torino e nel carcere Due Palazzi di Padova. Dopo un breve periodo di pausa, nel 2006 è ritornato in televisione, ideando la fiction L'ispettore Coliandro (diretta dai fratelli Manetti), e con Milonga Station. Nel 2008 è andata in onda una serie di quattro film tv tratti dai romanzi de Il Commissario De Luca.

Nel 2008 ha pubblicato per Einaudi il romanzo storico L'ottava vibrazione. Per l'attività svolta Carlo Lucarelli si può annoverare tra gli appartenenti alla tradizione di giornalismo investigativo italiano: infatti dal 1999 conduce Blu notte - Misteri italiani, programma in onda su Rai 3 in prima serata che analizza in modo approfondito fatti di cronaca, indagini su disastri e su omicidi seriali dell'ultimo cinquantennio della storia italiana.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Lucarelli al Festivaletteratura di Mantova nel 2005

Romanzi e racconti[modifica | modifica wikitesto]

Serie con il commissario De Luca[modifica | modifica wikitesto]

Serie con l'ispettore Coliandro[modifica | modifica wikitesto]

  • Nikita (in I delitti del Gruppo 13. Antologia illustrata dei giallisti bolognesi. 10 racconti), Bologna, Metrolibri, 1991. ISBN 88-7248-021-3
  • Falange armata, Bologna, Metrolibri, 1993. ISBN 88-7248-066-3
  • Coliandro (brevi storie a fumetti illustrate da Onofrio Catacchio), Bologna, Granata, 1994. ISBN 88-7248-058-2
  • Il giorno del lupo, Bologna, Granata, 1994. ISBN 88-7248-097-3
  • L'ispettore Coliandro (raccolta dei romanzi Nikita, Falange armata e Il giorno del lupo), Torino, Einaudi, 2009.

Serie con l'ispettore Grazia Negro[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Garganelli al ragù della Linina, Roma, Gambero rosso, 1995.
  • Compagni di sangue, con Michele Giuttari, Firenze, Le lettere, 1998. ISBN 88-7166-405-1
  • Mistero in blu, Torino, Einaudi, 1999. ISBN 88-06-14743-9.
  • Misteri d'Italia. I casi di Blu notte, Torino, Einaudi, 2002. ISBN 88-06-15445-1.
  • Serial Killer. Storie di ossessione omicida, con Massimo Picozzi, Milano, A. Mondadori, 2003. ISBN 88-04-51634-8
  • Nuovi misteri d'Italia. I casi di Blu notte, Torino, Einaudi, 2003. ISBN 88-06-16740-5.
  • La mattanza. Dal silenzio sulla mafia al silenzio della mafia, Torino, Einaudi, 2004. ISBN 88-06-17247-6.
  • Scena del crimine. Storie di delitti efferati e di investigazioni scientifiche, con Massimo Picozzi, Milano, A. Mondadori, 2005. ISBN 88-04-53722-1
  • Tracce criminali. Storie di omicidi imperfetti, con Massimo Picozzi, Milano, A. Mondadori, 2006. ISBN 88-04-55139-9.
  • La nera. Storia fotografica di grandi delitti italiani dal 1946 ad oggi, con Massimo Picozzi, Milano, A. Mondadori, 2006. ISBN 88-04-56049-5.
  • Piazza Fontana, Torino, Einaudi, 2007. ISBN 978-88-06-18524-4.
  • Storie di bande criminali, di mafie e di persone oneste. Dai Misteri d'Italia di Blu notte, Torino, Einaudi, 2008. ISBN 978-88-06-19502-1.
  • Navi a perdere. Milano, Ambiente, 2008. ISBN 978-88-89014-84-4.
  • La faccia nascosta della luna. Storie di delitti e misteri tra musica, cinema e dintorni, Torino, Einaudi, 2009. ISBN 978-88-06-19541-0.
  • G8. Cronaca di una battaglia, Torino, Einaudi, 2009. ISBN 978-88-06-19583-0.
  • Il genio criminale. Storie di spie, ladri e truffatori, con Massimo Picozzi, Milano, A. Mondadori, 2009. ISBN 978-88-04-58875-7.
  • I veleni del crimine, Einaudi, Stile libero big, 2010. ISBN 978-88-06-20420-4

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema e fiction[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006: Tenco a Tempo di Tango

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La biografia di Carlo Lucarelli sul sito carlolucarelli.net
  2. ^ La presentazione della serie a fumetti sul sito della Star Comics
  3. ^ Radio Bellablù
  4. ^ Dee Giallo - Radio Deejay
  5. ^ Dee Giallo podcast
  6. ^ dal sito del Premio Nazionale Giuseppe Fava
  7. ^ 17-06-2010.Il Premio Ilaria Alpi entra nel vivo. In diretta su Rainews 24 | Ufficio stampa

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85419751 LCCN: n95051687 SBN: IT\ICCU\CFIV\108929