Ferdinando Russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando un politico del XX secolo con questo nome, vedi Ferdinando Russo (politico 1930) oppure Ferdinando Russo (politico 1935).
Ferdinando Russo

Ferdinando Russo (Napoli, 25 novembre 1866Napoli, 30 gennaio 1927) è stato un poeta e autore di canzoni napoletane italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Gennaro, ufficiale del dazio, e di Cecilia De Blasio, non completò gli studi ed entrò come correttore di bozze alla Gazzetta di Napoli, fondando nel 1886 Il Prometeo, un periodico letterario e poi, abbandonato il giornale, entrando a lavorare al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Si impose come giornalista per la vita quotidiana della città, che descrisse nei suoi articoli oltre che nelle sue poesie, ma ebbe successo anche nel mondo della canzone prima come autore di svariate macchiette come 'O cantastorie e L'elegante, (quest'ultima interpretata dal cantante molto in voga in quel periodo, Nicola Maldacea) e poi raggiungendo la celebrità con la canzone Scetate (1887).

Avviò una proficua collaborazione con alcuni musicisti come Mario Pasquale Costa, Salvatore Gambardella, Rodolfo Falvo, Vincezo Valente ed Emanuele Nutile, con i quali produsse canzoni napoletane di successo come Mamma mia che vuò sapè, Serenata a Pusilleco, Tammurriata Palazzola.

Non andò mai d'accordo con Salvatore Di Giacomo del quale fu anzi rivale, fu criticato sovente da Benedetto Croce, ma ammirato da Giosuè Carducci che volle incontrarlo nel 1891 a Napoli.

Nel 1902 sposò a Bologna Elisa Rosa Pennazzi, ma il matrimonio, anche a causa della ossessiva gelosia della donna, naufragò.

Tra le sue raccolte poetiche vanno ricordate, in ordine di pubblicazione: Poesie napoletane (1910), Villanelle napoletane (1933) e la postuma Suspiro 'e Pulcinella.

Morì nel 1927 nella sua casa di Via Cagnazzi, mentre scriveva i versi di una nuova canzone napoletana. Nonostante i contrasti avuti in vita, alla sua morte apparirono a firma di Salvatore Di Giacomo su "il mezzogiorno", quotidiano napoletano, queste commoventi battute " O mio caro, amatissimo Ferdinando, addio dunque: addio, fratello mio generoso e buono; addio, sincero amico, eterno fanciullo a cui sorrise l’eterna poesia."

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 47573512