Antonio Iovine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Iovine

Antonio Iovine (San Cipriano d'Aversa, 20 settembre 1964) è un criminale italiano. Soprannominato o'ninno Iovine, insieme a Michele Zagaria e Francesco Schiavone, è uno dei principali boss camorristici del Clan dei Casalesi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Antonio Iovine iniziò presto la sua carriera criminale, difatti il soprannome o' ninno (il bambino) gli venne affibbiato proprio perché venne arrestato in giovane età. Iovine proviene anche da una famiglia di tradizione camorristica; suo fratello Carmine venne ucciso nel 1994, sua sorella Anna è stata arrestata per estorsione[1], suo parente era anche Mario Iovine, fedelissimo di Antonio Bardellino, ucciso in Portogallo nel 1991.[2]

Condanne[modifica | modifica sorgente]

Il 19 giugno 2008, nel processo d'appello del maxiprocesso Spartacus, viene condannato in contumacia alla pena dell'ergastolo, insieme ad altri componenti del clan dei Casalesi.

Arresto[modifica | modifica sorgente]

Datosi alla macchia nel 1996 e inserito nell'elenco dei trenta latitanti più pericolosi d'Italia, il 17 novembre 2010 ha terminato una latitanza durata 14 anni, tratto in arresto dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Napoli in un covo a Casal di Principe, nella quinta traversa di via Cavour, in casa di Marco Borrata, considerato un suo fiancheggiatore.[3][4]

Carcere[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'arresto, Iovine venne trasferito nel carcere di Badu 'e Carros (Nuoro), lo stesso dove venne detenuto anche Attilio Cubeddu, in regime di 41 bis. Il 6 dicembre 2010 ebbe un riservatissimo colloquio con il Procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. Voci parlarono della possibilità di un pentimento di Iovine, ma Grasso smentì prontamente la notizia.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Casalesi, in manette per estorsione la sorella quarantaduenne del latitante Iovine
  2. ^ Iovine, Zagaria e Diana: i tre capiclan dei Casalesi
  3. ^ Arrestato il boss Antonio Iovine in Corriere della Sera, 17 novembre 2010. URL consultato il 17-11-2010.
  4. ^ Conchita Sannino, Colpo al cuore dei Casalesi arrestato Antonio Iovine in la Repubblica, 17 novembre 2010. URL consultato il 17-11-2010.
  5. ^ Colloquio con Iovine, l'ira di Grasso in la Repubblica, 8 dicembre 2010. URL consultato il 26-10-2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie