Clan Contini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Contini
Aree di influenza Poggioreale, Vasto, San Carlo all'Arena
Periodo anni 1990 - in attività
Boss Eduardo Contini
Sottogruppi Alleanza di Secondigliano
Alleati Clan Abate
Clan Rullo
Rivali Clan Mazzarella
Clan Giuliano
Clan Caldarelli
Attività racket
riciclaggio
traffico di droga

Il clan Contini è un clan camorristico operante sul territorio della città di Napoli, e più precisamente nella zona della stazione centrale.

Cenni Storici[modifica | modifica sorgente]

L'organizzazione creata da Eduardo Contini è basata sulla sua grande abilità imprenditoriale oltre che alla scelta dell'uso delle armi solo in casi estremi. La caratteristica che ha reso il sodalizio quasi invulnerabile rispetto agli altri clan partenopei è stata l’assenza di scissioni interne e di collaboratori di giustizia.

Nessuno ha mai "tradito" Eduardo Contini e nessuno ha mai deciso di scalare i vertici creando una frattura in seno all’organizzazione, un particolare unico in seno alla camorra.

Prima del suo arresto[1][2] Eduardo Contini compariva nella lista dei 30 ricercati più pericolosi d'Italia.

Avvenimenti recenti[modifica | modifica sorgente]

  • Il 27 gennaio 2010 viene arrestato l'attuale reggente[senza fonte] del clan Paolo Di Mauro, ricercato dal 2003, ed inserito anch'egli nell'elenco dei trenta latitanti più pericolosi.
  • Il 12 agosto 2013 viene arrestato il capo-clan pluripregiudicato Umberto Falanga, latitante dal 2011, mentre era in vacanza a Cattolica.[3]
  • Il 23 gennaio 2014 si conclude un'operazione che ha portato a 90 ordinanze di custodia cautelare e al sequestro di beni del valore di 250 milioni di euro a presunti affiliati al clan[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Camorra, colpo alle cosche. Catturato il boss Contini
  2. ^ Preso Contini, super boss della camorra
  3. ^ Video: colpo grosso contro camorra, arrestato latitante a Rimini. Era in ferie con famiglia | altarimini.it
  4. ^ Pizza connection in salsa campana. Così la camorra spa gestiva i ristoranti romani, 23-01-2014. URL consultato il 23-01-2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]