Tradate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tradate
comune
Tradate – Stemma
La stazione di Tradate
La stazione di Tradate
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Sindaco Laura Fiorina Cavalotti (PD) dal 21-05-2012
Territorio
Coordinate 45°42′00″N 8°55′00″E / 45.7°N 8.916667°E45.7; 8.916667 (Tradate)Coordinate: 45°42′00″N 8°55′00″E / 45.7°N 8.916667°E45.7; 8.916667 (Tradate)
Altitudine 303 m s.l.m.
Superficie 21,19 km²
Abitanti 18,169[1] (1 gennaio 2011)
Densità 0,86 ab./km²
Frazioni Abbiate Guazzone, Ceppine
Comuni confinanti Appiano Gentile (CO), Cairate, Carbonate (CO), Castelnuovo Bozzente (CO), Locate Varesino (CO), Lonate Ceppino, Venegono Inferiore
Altre informazioni
Cod. postale 21049
Prefisso 0331
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012127
Cod. catastale L319
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti tradatesi
Patrono Santo Stefano
Giorno festivo 26 dicembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Tradate
Posizione del comune di Tradate nella provincia di Varese
Posizione del comune di Tradate nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Tradate (Tradàa in dialetto varesotto) è una città di 18.169 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il giorno 28 gennaio 1958 con decreto presidenziale al comune di Tradate venne concesso il titolo di città. Trent'anni prima, in data 6 maggio 1928, Vittorio Emanuele III ebbe confermato l'unificazione del comune di Tradate con quello di Abbiate Guazzone, ampliandone il territorio.

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

L'origine del nome Tradate ha un principio incerto. Vi sono infatti due diverse interpretazioni riguardo alla sua nascita:

  • lo storico Gerhard Rohlfs individua l'origine del nome dal nome proprio di persona "Theodorus";
  • secondo Antonio Olivieri, invece, la denominazione Tradate è legata al nome germanico "Teuderad" che si trasformò poi in "Tederate", appellativo ritrovato nel Codex Longobardorum.

Il nome Tradaa (utilizzato tuttora nel dialetto locale) lo ritroviamo scritto nelle pergamene risalenti al XII e XIII secolo che, nel Liber Notitiae Sanctorum Mediolani, riportano anche il nome Tradate.

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Descritto dai documenti presenti in archivio comunale: «... Il primo campo dello scudo è di colore che indica la fazione guelfa alla quale appartenne le repubblica milanese, sotto cui la signoria Tradate si mantenne fino al succedersi del Dominio Ducale. Il campo inferiore è bipartito, a sinistra in fondo rosso caricato dallo stemma Pusterla (aquila nera in campo d'oro) ed a destra, in fondo argento caricato dell'insegna Viscontea».

Su sfondo azzurro nella parte superiore, si staccano due viti che sono simbolo del precedente stemma abbiatese. Al centro, le due lettere "J" e "T" indicano le iniziali di un famoso scultore del quindicesimo secolo, Jacopino da Tradate. Le zone rimanenti sono rimando al vecchio stemma di Tradate.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Castello Pusterla Melzi
  • Chiesa Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo di Abbiate Guazzone
  • Chiesa Prepositurale di Santo Stefano, la maggiore chiesa cittadina, la quale è affiancata da un alto campanile. L'interno custodisce alcune opere d'arte, tra cui un Battesimo di Cristo nel Giordano posto nel battistero e una Madonna col Bambino tra due Santi, posta nel transetto.
    • Chiesa di Santa Maria in Castello, costruita dai Pusterla nel Trecento e fu rimaneggiata nell'Ottocento.
    • Chiesa dei Santi Nazzaro e Celso, piccolo edificio di antica fondazione, posto ai margini della frazione di Abbiate Guazzone.
  • Chiesa di San Bernardo, di incerta fondazione, si trova al confine tra Tradate Lonate Ceppino. Al suo interno si trova un affresco risalente al 1522 raffigurante il santo cui la chiesa è intitolata.
  • Chiesa di Sant'Anna.
  • Chiesa della Madonna Assunta.
  • Parco di Villa Centenari: in cui è presente un percorso botanico e un’area giochi per i bambini; il tutto ai piedi della storica villa che ospita un bar e la sede del centro anziani[2].
  • Parco di villa Inzoli: una grande area verde da 16 mila metri quadri messa a disposizione della città inaugurata il 22 aprile 2012[3], è presente inoltre una piccola fattoria didattica organizzata da un'associazione che promuove numerose iniziative durante tutto l'anno.
  • Santuario della Madonna delle Vigne.
  • Santuario del Santissimo Crocifisso, importante edificio di culto, presenta all'interno un pregevole pultito ligneo ed un altrettanto interessante organo, oltre che una tela attribuita al Morazzone.
  • Villa Sopranzi, poi divenuta Castello Stroppa, attualmente ospita l'Istituto dei Pavoniani.

Aree naturali[modifica | modifica sorgente]

Di notevole importanza nel territorio comunale è presente il Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate (chiamato popolarmente Pianbosco), è un Parco Regionale e Naturale che si estende su una vasta area di 48 km² tra la Provincia di Varese e di Como. Il suo territorio tocca 15 comuni. Negli ultimi anni è nato il progetto di “Parco Didattico Scientifico” al fine di stimolare ragazzi di ogni età verso lo sviluppo di una conoscenza e coscienza scientifica, e per comprendere e preservare la natura del parco. La creazione della nuova struttura permette di accogliere visitatori, proponendo programmi di educazione ambientale indirizzati ad ogni grado scolastico e stilati in considerazione di obiettivi didattici ed educativi. La progettazione didattica affronta argomenti riguardanti le tematiche ambientali, privilegiando l'apprendimento per esperienza e coinvolgendo i ragazzi nella comprensione dei delicati equilibri alla base dell'ambiente. Nel parco nel territorio Tradatese è presente anche l'osservatorio astronomico FOAM13[4].

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5] NOTA: i dati riportati in tabella antecedenti al 1930 si basano su una virtuale addizione con quelli di Abbiate Guazzone, e sono quindi una semplice rielaborazione a posteriori non riflettente la realtà originale.

Frazioni e rioni[modifica | modifica sorgente]

Tradate è attualmente ripartita in tre frazioni:

I rioni cittadini sono sette:

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

La città di Tradate offre un sistema scolastico statale e non statale completo, dalle scuole dell'infanzia sino all'istruzione secondaria di secondo grado dal liceo, all'istituto tecnico e professionale. Per questo motivo Tradate è il polo scolastico di riferimento per i paesi dell'area Tradatese.

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

  • Biblioteca civica "Frera"[6]. La Biblioteca Comunale rappresenta uno dei principali strumenti di promozione culturale del territorio cittadino. Vengono offerti diversi servizi, tra cui: Consultazione e prestito di una numerosa gamma di volumi e pubblicazioni; una emeroteca in cui trovare i più diffusi quotidiani, e riviste di carattere generale o specialistico; libri e riviste per bambini e ragazzi; La possibilità di richiedere in prestito volumi appartenenti al patrimonio librario delle biblioteche della zona che aderiscono al ‘Sistema Interbibliotecario Sovracomunale´.

Musei[modifica | modifica sorgente]

  • Museo Civico della motocicletta "Frera"[7].

Religione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Arcidiocesi di Milano.

Tradate è composta da tre parrocchie che formano la comunità pastorale del "S. Crocefisso": S. Stefano Prot. in Tradate, Santi Pietro e Paolo in Abbiate Guazzone e S. Anna in Ceppine. Fanno tutte parte della zona pastorale di Varese dell'Arcidiocesi di Milano e seguono il rito ambrosiano.

Persone legate a Tradate[modifica | modifica sorgente]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Nel comune di Tradate sono presenti due stazioni ferroviarie gestite dalle Ferrovie Nord Milano sulla linea Saronno-Varese-Laveno: Tradate e Tradate-Abbiate Guazzone. La prima, più grande, a tre binari è situata in centro al paese e vi si fermano sia treni locali che treni diretti. La seconda, più piccola, a due binari è situata in località Abbiate Guazzone e vi si fermano solo treni locali. I treni provenienti da entrambe le direzioni sono segnalati dal suono di due campanelle. Il paese è inoltre attraversato dalla Strada statale 233 Varesina. nell'ambito della Autostrada Pedemontana è prevista una strada a scorrimento veloce che colleghi lo svincolo di Mozzate con la città di Tradate.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica sorgente]

Ospedali[modifica | modifica sorgente]

Tradate è servita dalle seguenti strutture:

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1993 2002 Dario Galli Lega Nord Sindaco
2002 2007 Stefano Candiani Lega Nord Sindaco
2007 2012 Stefano Candiani Lega Nord Sindaco
2012 in carica Laura Fiorina Cavalotti centrosinistra Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

La scuola statale secondaria di primo grado Galileo Galilei è gemellata con la scuola di pari grado di Trévoux, Francia Francia

Dal 21 ottobre 2006, il comune è invece gemellato con quattro piccoli comuni francesi, uniti nel Canton de Loriol:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] - Popolazione residente al 1 gennaio 2011.
  2. ^ Tradate - Pronto il parco di Villa Centenari | Saronno/Tradate | Varese News
  3. ^ Tradate - Elicottero e animali per il nuovo parco di Villa Inzoli | Saronno/Tradate | Varese News
  4. ^ osservatorio FOAM13
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Comune di Tradate | Uffici Comunali
  7. ^ Comune di Tradate | News

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]