Corrado Stajano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Corrado Stajano
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Cremona
Data nascita 24 settembre 1930
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione giornalista
Partito PDS (indipendente)
Legislatura XII Legislatura

Corrado Stajano (Cremona, 24 settembre 1930) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza all’Università Statale di Milano, è stato collaboratore, redattore, inviato della rivista Il Mondo di Mario Pannunzio, di Tempo Illustrato, Panorama, Il Giorno, Il Messaggero. Dal 1987 al 2003 è stato articolista e inviato del Corriere della Sera. Dal 2003 al 2006 ha tenuto una rubrica sull’Unità. Dal gennaio 2010 scrive di nuovo sul Corriere della Sera. Ha lavorato a lungo per la Rai, autore di documentari televisivi di argomento politico, sociale, culturale. Tra gli altri: In nome del popolo italiano; Le radici della libertà; Nascita di una formazione partigiana, tutti con Ermanno Olmi. E poi: La repubblica di Salò (con Gianfranco Campigotto) e La forza della democrazia (con Campigotto e Marco Fini), dalla strage di Piazza Fontana del 1969 al terrorismo. Ha scritto numerosi libri (vedi sotto). Professore a contratto nella Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Padova nell’anno accademico 1985-1986, senatore della Repubblica come indipendente nelle liste del Partito democratico della sinistra nella XII legislatura (1994-1996). Ha fatto parte della Commissione Giustizia e della Commissione Antimafia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il sovversivo. Vita e morte dell’anarchico Serantini, Torino, Einaudi, 1975; Pisa, BFS, 2002. ISBN 88-86389-69-8.
  • La pratica della libertà, ritratto critico di Franco Antonicelli, in Franco Antonicelli, La pratica della libertà. Documenti, discorsi, scritti politici 1929-1974, Torino, Einaudi, 1976.
  • La forza della democrazia. La strategia della tensione in Italia (1969-1976), con Marco Fini, Torino, Einaudi, 1977.
  • Africo. Una cronaca italiana di governanti e governati, di mafia, di potere e di lotta, Torino, Einaudi, 1979.
  • Terremoto. Le due Italie sulle macerie del Sud: volontari e vittime, camorristi e disoccupati, notabili e razzisti, borghesi e contadini, emigranti e senzatetto, con Giovanni Russo, Milano, Garzanti, 1981.
  • L’Italia nichilista. Il caso di Marco Donat Cattin, la rivolta, il potere, Milano, Mondadori 1982; Torino, Einaudi, 1992. ISBN 88-06-12936-8.
  • Mafia. L'atto d'accusa dei giudici di Palermo, a cura di, Roma, Editori Riuniti, 1986. ISBN 88-359-2954-7.
  • Un eroe borghese. Il caso dell’avvocato Giorgio Ambrosoli assassinato dalla mafia politica, Torino, Einaudi, 1991. ISBN 88-06-12501-X.
  • Il disordine, Torino, Einaudi, 1993. ISBN 88-06-12855-8.
  • La cultura italiana del Novecento, a cura di, 3 voll., Roma-Bari, Laterza, 1996.
  • Promemoria. Uno straniero in patria tra Campo de’ Fiori e Palazzo Madama, Milano, Garzanti, 1997. ISBN 88-11-73922-5. (Premio Viareggio)
  • Ameni inganni. Lettere da un paese normale, con Gherardo Colombo, Milano, Garzanti, 2000. ISBN 88-11-73882-2.
  • Patrie smarrite. Racconto di un italiano, Milano, Garzanti, 2001. ISBN 88-11-59725-0.
  • I cavalli di Caligola. L’Italia riveduta e corretta, Milano, Garzanti, 2005. ISBN 88-11-59767-6.
  • Maestri e Infedeli. Ritratti del Novecento, Milano, Garzanti, 2008. ISBN 978-88-11-68082-6.
  • La città degli untori. [Alla ricerca del cuore e dell’anima di una metropoli], Milano, Garzanti, 2009. ISBN 978-88-11-68362-9. (Premio Bagutta)
  • L’Italia ferita. Storie di un popolo che vorrebbe vivere secondo le regole della democrazia, Pordenone, Cinemazero, 2010. ISBN 978-88-904011-1-4.
  • La stanza dei fantasmi. Una vita del Novecento, Milano, Garzanti, 2013. ISBN 978-88-11-68295-0.

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • La fatica di leggere, 1970
  • In nome del popolo italiano, 1971
  • Le radici della libertà, 1972
  • Nascita di una formazione partigiana, 1973
  • La forza della democrazia, 1977

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]