Fabio Carpi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David di Donatello David di Donatello per la migliore sceneggiatura 1997

Fabio Carpi (Milano, 19 gennaio 1925) è uno sceneggiatore e regista cinematografico italiano, attivo anche in televisione.

Nel 1971 aderì all'appello contro il commissario Luigi Calabresi.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Film per la televisione e documentari[modifica | modifica sorgente]

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Astarte (1944)
  • Ancora annota Europa (1944)
  • Libera scelta (1957 Mantovani)
  • Le vacche svizzere (1957 Carucci)
  • Dove sono i cannibali (1958 Lerici)
  • Cinema italiano del dopoguerra (1958 Schwarz)
  • Michelangelo Antonioni (1962 Guanda)
  • I luoghi abbandonati (1962 Mondadori, 2013 editori internazionali riuniti)
  • Relazioni umane (1964 Mondadori)
  • La digestione artificiale (1967 Mondadori)
  • Il circo di Pechino (1977 Cooperativa scrittori)
  • Mabuse (1982 Bompiani)
  • L'animale malato (1986 Carucci)
  • Nevermore (1995 Baldini & Castoldi)
  • Patchwork (1998 Bollati Boringhieri, vincitore del premio Bagutta)
  • Nobel. la sceneggiatura (2001 Gremese)
  • Le intermittenze del cuore (2004 Gremese)
  • Bonaparte (2006 Portaparole)
  • L'ultima tappa del giro di Francia (2008 Aragno)
  • Come sono andate le cose (2006 Aragno)
  • Pulce secca (2009 Greco & Greco)
  • Come ho fatto i miei film. diari. primo volume (2011 Portaparole)
  • Il grande ballo della letteratura (2013 editori internazionali riuniti)
  • Il cinema secondo me (2013 editori internazionali riuniti)
  • Una voce superflua nel coro (2014 editori internazionali riuniti)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]