Gianni Biondillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biondillo a sx, con Marco Ardemagni al centro e a destra Luca Crovi

Gianni Biondillo (Milano, 3 febbraio 1966) è uno scrittore e architetto italiano. Autore di romanzi, testi per il cinema e la televisione, articoli di tema artistico, letterario e politico, saggi su Pasolini e Proust. È membro del blog collettivo Nazione Indiana.

Nel 2010 viene classificato, insieme ad altri 4 autori come finalista del Premio Bergamo, concorso letterario lombardo, che lo vede classificato al secondo posto dopo la vincitrice Gaia Rayneri.

Opere[modifica | modifica sorgente]

L'ispettore Ferraro[modifica | modifica sorgente]

Altri romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

  • Come fu che alla fine ho ascoltato (e amato) i Radiohead (in AA.VV., Narradiohead. Storie e visioni rock, Baldini-Castoldi-Dalai, 2008)
  • Strane storie (Guanda, 2012, ISBN 9788860888365)
    Raccolta di 17 racconti (inediti o pubblicati in altre antologie).
  • Pene d'amore: sette racconti erotici (a cura di Gianni Biondillo) (Guanda, 2008, ISBN 978-88-6088-406-0 - Tea, 2010, ISBN 978-88-502-2141-7)
    Racconti di Gianni Biondillo, Andrea Bajani, Valerio Evangelisti, Marcello Fois, Raul Montanari, Gianluca Morozzi e Tiziano Scarpa.

Saggi[modifica | modifica sorgente]

Libri per ragazzi[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni della sua carriera ha collaborato con la RAI per la stesura dei testi della fiction Un posto al sole

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo su Libero - http://www.liberoquotidiano.it/news/887384/Premi--Giorgio-Scerbanenco--2011-assegnato-a-Gianni-Biondillo.html