Giancarlo De Cataldo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giancarlo De Cataldo 2010
David di Donatello David di Donatello per la migliore sceneggiatura 2006
David di Donatello David di Donatello per la migliore sceneggiatura 2011

Giancarlo De Cataldo (Taranto, 1956) è un magistrato, scrittore, drammaturgo e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Taranto, Giancarlo De Cataldo è Giudice di Corte d'Assise a Roma, città nella quale vive dal 1974, anno in cui vi si iscrisse alla Facoltà di Giurisprudenza.

Scrittore, traduttore, autore di testi teatrali e sceneggiature televisive, ha pubblicato come autore diversi libri, per lo più di genere giallo. Collabora con La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Messaggero, Il Nuovo, Paese Sera e Hot!. Il suo libro più significativo è Romanzo criminale (2002), dal quale è stato tratto un film, diretto da Michele Placido, e una serie televisiva, diretta da Stefano Sollima.

Nel giugno del 2007 è uscito nelle librerie Nelle mani giuste, ideale seguito di Romanzo criminale, ambientato negli anni '90, dal periodo delle stragi del '93, a Mani Pulite e alla fine della cosiddetta Prima Repubblica. I due libri hanno alcuni personaggi in comune come il Commissario Nicola Scialoja e l'amante, ex prostituta, Patrizia.

Ha scritto la prefazione per l'antologia noir La legge dei figli della Casa Editrice Meridiano Zero, e ha curato l'introduzione al romanzo Omicidi a margine di qualcosa di magico, scritto da Gino Saladini, edito da Gangemi.

Nel 2006 cura per la Rai il progetto Crimini, una serie tv scritta da grandi autori italiani, chiamati a trasporre in film di 100 minuti l’estrema diversità, e il fascino, delle realtà locali italiane. Nel 2010 va in onda una seconda serie e il primo episodio è La doppia vita di Natalia Blum di Gianrico Carofiglio girato a Bari con Emilio Solfrizzi. Giancarlo De Cataldo dichiara in merito: "è più facile spiegare le contraddizioni di un paese attraverso il giallo che la storia d’amore".

Del 2010 è I Traditori, romanzo ambientato durante il Risorgimento italiano.

Dal novembre 2013, assieme agli scrittori Andrea De Carlo e Taiye Selasi, è giudice del talent show di Rai Tre Masterpiece, primo talent show letterario al mondo,[1] che permetterà al vincitore di pubblicare il suo primo romanzo con Bompiani.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Acido fenico. Ballata per Mimmo Carunchio camorrista. (2001)

Televisione e Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Al via Masterpiece, il primo talent letterario al mondo, valdichianaoggi.it. URL consultato il 19 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]