Giorgio Orelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Orelli (Airolo, 25 maggio 192110 novembre 2013) è stato uno scrittore, poeta e traduttore svizzero, di lingua italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo gli studi universitari a Friburgo (sotto la guida, in particolare, di Gianfranco Contini), Orelli si trasferisce a Ravecchia (Bellinzona), dove diventa docente di letteratura italiana, dapprima alla Scuola Cantonale di Commercio, poi al Liceo Cantonale. La sua poesia, in parte appartenente al filone post-ermetico, a tratti avvicinata a quella Linea Lombarda anceschiana che, però, fatica a contenerlo, è ricca di grazia musicale (notevole è l'attenzione - non solo poetica, ma anche critica - di Orelli per la dimensione fonosimbolica) e si caratterizza per una sua ironica ambiguità. Giorgio Orelli, oltre ad essere uno dei più importanti poeti in lingua italiana del dopoguerra, è un profondo conoscitore della letteratura italiana (che viene sviscerata nel saggio Accertamenti verbali), traduttore (Goethe) e narratore. Ha vinto il Gran Premio Schiller e nel 2001 gli è stato assegnato il Premio Chiara alla carriera. Una curiosità: Giorgio Orelli è cugino dello scrittore Giovanni Orelli.

Poesia[modifica | modifica sorgente]

Prosa[modifica | modifica sorgente]

Traduzioni[modifica | modifica sorgente]

Saggistica[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46783777 LCCN: n79021820