Francesco Piccolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Piccolo (Caserta, 1964) è uno scrittore e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha scritto romanzi e raccolte di racconti: Allegro occidentale, E se c'ero dormivo, Il tempo imperfetto, Storie di primogeniti e figli unici, (tutti pubblicati da Feltrinelli), L'Italia spensierata (Laterza) e La separazione del maschio (Einaudi). Con Storie di primogeniti e figli unici ha vinto il Premio Giuseppe Berto e il Premio letterario Piero Chiara. Il suo penultimo libro, edito da Einaudi, si intitola Momenti di trascurabile felicità, una raccolta di aneddoti sulla felicità delle piccole cose quotidiane[1].

Ha lavorato anche per il cinema scrivendo sceneggiature, tra cui My Name Is Tanino, Paz! (tratto dai fumetti di Andrea Pazienza), Ovunque sei, Il caimano, Nemmeno in un sogno, Caos calmo, Giorni e nuvole e Habemus Papam.

Collabora con riviste e quotidiani e tiene una rubrica su l'Unità[2]. Vive a Roma e cura il laboratorio di sceneggiatura al D.A.M.S. della terza Università di Roma.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Soggetto[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Scrittore[3][modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Momenti di (non) trascurabile leggerezza da Elapsus.it
  2. ^ Commenti: rubrica di Piccolo su l'Unità on-line, unita.it. URL consultato il 15-03-2011.
  3. ^ http://www.sbn.it/opacsbn/opac/iccu/base.jsp/. URL consultato il 9-11-2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]