Giancarlo Vigorelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giancarlo Vigorelli (Milano, 21 giugno 1913Marina di Pietrasanta, 16 settembre 2005) è stato un giornalista, scrittore e critico letterario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Saggista, considerato uno dei maggiori critici letterari italiani,[1] ha sviluppato negli anni un profondo studio delle opere manzoniane, divenendo uno dei principali conoscitori delle opere dello scrittore lombardo. Fonda e dirige la rivista L'Europa letteraria e diventa vicepresidente dell'Istituto Luce.[2] Nel periodo fascista venne destituito dall'insegnamento, avendo condiviso le posizioni sull'Ermetismo.

Collabora negli anni con varie testate nazionali, nelle vesti di giornalista culturale, come La Stampa, Frontespizio, diviene critico letterario del settimanale Tempo, conquistando nel 1960 il Premio Saint Vincent per il giornalismo. Negli anni gli viene consegnato il Premio Nazionale Letterario Pisa alla carriera. Nel 1975 Vigorelli scrisse sul quotidiano Il Giorno: «Anche Fo sa di avere in pancia l'incubo dei suoi trascorsi fascisti», riferendosi all'adesione alla Repubblica Sociale Italiana di Dario Fo: il celebre drammaturgo querelò il giornalista e il quotidiano per diffamazione e la vicenda si concluse con la pubblicazione di una rettifica.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Bandello (1942, biografia di Matteo Bandello)
  • Eloquenza dei sentimenti (1943)
  • Un omaggio a Prezzolini (1954)
  • Il Manzoni e il silenzio dell'amore (1954)
  • Gronchi: battaglie d'oggi e di eri (1956)
  • Domande e risposte per la nuova Cina (1958)
  • Carte francesi (1959)
  • Il gesuita proibito (1963, prima presentazione in Italia della vita e delle idee di Pierre Teilhard de Chardin)
  • La terrazza dei pensieri (1967)
  • Il peccato e le altre opere - Ritratto di Boine (1971)
  • Manzoni pro e contro (1976)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
— Roma, 2 marzo 1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricordo di Vigorelli su sindacatoscrittori.it
  2. ^ Biografia di Giancarlo Vigorelli su zam.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]