Walter Siti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walter Siti
Premio Premio Strega 2013

Walter Siti (Modena, 20 maggio 1947) è un critico letterario, saggista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Formatosi alla Scuola Normale Superiore di Pisa, ha insegnato nelle Università di Pisa, Cosenza, L'Aquila, e attualmente è in pensione. Ha pubblicato due volumi di critica letteraria, Il realismo dell'avanguardia (Einaudi, 1973) e Il neorealismo nella poesia italiana (Einaudi, 1980); ha pubblicato inoltre su varie riviste italiane e straniere («Nuovi argomenti», «Paragone», «Rivista di letteratura italiana» e altre) saggi su Montale, Penna, Pierpaolo Pasolini e sulla poesia italiana contemporanea. È il curatore delle opere complete di Pasolini per la collana editoriale "I Meridiani", della Mondadori.

A partire dagli anni '90 ha cominciato a pubblicare anche romanzi, in cui la visione della realtà sociale spesso si sublima, e viene filtrata, da storie d'amore omosessuale. Nel 2007 è stato finalista del premio letterario Premio Bergamo; nel 2009 ha vinto il premio letterario Dedalus.

Dal novembre del 2008 tiene sulla "Stampa" di Torino una rubrica di televisione intitolata "La finestra sul niente".

Nel 2012 è nel cast del programma di Italia 1 La Scimmia come preside.

Nel 2013 vince il Premio Strega con il romanzo Resistere non serve a niente edito da Rizzoli.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Saggi[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

  • Benvenuta Rachele, in Questo terribile intricato mondo. Racconti politici, Torino, Einaudi, 2008. ISBN 978-88-06-19272-3.
  • Walter Siti incontra Ercole, in Corpo a corpo. Interviste impossibili, Torino, Einaudi, 2008. ISBN 978-88-06-19387-4.
  • Requiem per una sceneggiatura non scritta, in Malaitalia. Dalla mafia alla cricca e oltre, Parma, Guanda, 2010. ISBN 978-88-6088-999-7.
  • Il sogno di Ercole, in "L'immaginazione", settembre-ottobre 2010.
  • Diario, in "Nuovi Argomenti", ottobre-dicembre 2010.
  • Aspetta, non spingere in "Granta", 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 92274 LCCN: n84155976 SBN: IT\ICCU\CFIV\026752