Enzo Sellerio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enzo Sellerio (Palermo, 25 febbraio 1924Palermo, 22 febbraio 2012) è stato un editore e fotografo italiano.

Figlio di Antonio, ordinario di fisica tecnica, e di Olga Andes, dopo essersi laureato in giurisprudenza nel 1944, diviene assistente di Istituzioni di Diritto Pubblico alla Facoltà di Economia e Commercio di Palermo nel 1947. Nel frattempo scopre la fotografia e dopo una breve esperienza giornalistica e spronato dal suo amico Bruno Caruso partecipa, nel 1952, ad un concorso fotografico regionale dove vince il primo premio, 50.000 lire; nello stesso anno le sue fotografie vengono pubblicate sulla rivista Sicilia, un periodico quadrimestrale di livello europeo.

Nel 1955 il primo reportage, “Borgo di Dio”, è considerato oggi uno dei capolavori della fotografia neorealista in Italia. Negli anni a seguire una serie di personali lo portano ben presto ai vertici della fotografia nazionale ed internazionale.

Nel 1969, spinto da un'idea chiacchierando con Leonardo Sciascia e Antonino Buttitta, fonda, assieme alla moglie Elvira Giorgianni la "Sellerio Editore", casa editrice che annovera tra le sue pubblicazioni i più grandi scrittori contemporanei.

È scomparso nel 2012 all'età di 87 anni[1].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Inventario Siciliano, E.O, 1977.
  • Milloss al Massimo, Federico Motta Editore, 2000.
  • Enzo Sellerio. Fotografie (1950-1989), Federico Motta Editore, 2000.
  • Per volontà o per caso, Edizioni della Meridiana, 2004.
  • Fermo immagine, Alinari IDEA, 2007.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto l’editore Enzo Sellerio Ilsecoloxix.it

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 186428