Elvira Sellerio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elvira Giorgianni coniugata Sellerio (Palermo, 28 maggio 1936Palermo, 3 agosto 2010) è stata un'editrice italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di un prefetto, si laurea in giurisprudenza; nel 1970, sulla spinta di un'idea ispirata da una discussione con Leonardo Sciascia e Antonino Buttitta, Elvira Giorgianni, assieme al marito, il fotografo Enzo Sellerio, decise di fondare la "Sellerio Editore", casa editrice[1] che annovera tra le sue pubblicazioni grandi scrittori contemporanei come Sciascia, Gesualdo Bufalino e Andrea Camilleri. Nel 1991 la Sellerio ha ricevuto il "Premio Bellisario" intitolato a Marisa Bellisario.

Dopo la separazione dal marito, nel 1983, Elvira si occupò dei settori della saggistica e della narrativa, mentre Enzo Sellerio si dedicò alle pubblicazioni di libri d'arte e fotografia.

È stata anche consigliere d'amministrazione della Rai nel 1993-1994, all'epoca dei cosiddetti "Professori".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note e Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vedi Nostra Signora dei Libri in Giulio Angioni, Il dito alzato, Sellerio, 2012, pp. 171-173