Octavio Paz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Octavio Paz Lozano
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la letteratura 1990

Octavio Paz Lozano (Città del Messico, 31 marzo 191420 aprile 1998) è stato un poeta, saggista e diplomatico messicano, premio Nobel per la letteratura nel 1990.

È considerato il poeta di lingua spagnola più importante della seconda metà del Novecento. Nell'arco dell'intero secolo è superato per fama solo da Juan Ramón Jiménez, Vicente Huidobro, César Vallejo e Pablo Neruda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paz, una delle figure più importanti della letteratura contemporanea, sia come poeta che come saggista, visse a lungo in Spagna, dove sostenne la lotta dei repubblicani durante la Guerra civile spagnola (anche se, in seguito, prenderà le distanze dal comunismo), e in Francia, dove ebbe modo di avvicinarsi al surrealismo.

Durante la permanenza in Francia lavorò a fianco di André Breton e Benjamin Péret.

Nel 1945, Paz entrò nel servizio diplomatico messicano. In quell'epoca, Paz scrisse Il labirinto della solitudine, un saggio sull'identità messicana. Si sposò con Elena Garro, dalla quale ebbe una figlia. Ottenne il posto di ambasciatore in Messico e in India nel 1962. Lasciò l'incarico nel 1968, dopo il Massacro di Tlatelolco.

Nel 1956 vince il Premio Xavier Villaurrutia e nel 1981 a Paz fu conferito il Premio Cervantes.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luna silvestre (1933)
  • Non passeranno (1936)
  • Radici dell'uomo (1937)
  • Pietra di sole (1957)
  • Libertad bajo palabra (1958)
  • Salamandra (1962)
  • Versante Est (1969)
  • Poesie (1979)
  • Vento cardinale e altre poesie (1984)
  • Árbol adentro (1987)
  • El fuego de cada día (raccolta di poesie)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Il labirinto della solitudine (1950)
  • El arco y la lira (1956)
  • Las peras del olmo (1957)
  • Cuadrivio (1965)
  • Puertas al campo (1966)
  • Corriente alterna (1967)
  • Claude Levi-Strauss o el nuevo festín de Esopo (1967)
  • Marcel Duchamp o el castillo de la pureza (1968)
  • Apparenza nuda (1973)
  • Congiunzioni e disgiunzioni (1969)
  • Postdata (1969, seguito di "El laberinto de la soledad")
  • El signo y el garabato (1973)
  • Los hijos de limo (1974)
  • El ogro filantrópico (1979)
  • In/mediaciones (1979)
  • Sor Juana Ines de la Cruz o las trampas de la fe (1982)
  • Tiempo nublado (1983)
  • Sombras de obras (1983)
  • Hombres en su siglo (1984)
  • Pequeña crónica de grandes días (1990)
  • La otra voz (1990)
  • Convergencias (1991)
  • Al paso (1992)
  • La duplice fiamma. Amore ed erotismo (1993)
  • Itinerario (1994)
  • Vislumbres de la india (1995)
  • In india ([1995])

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Versiones y diversiones (raccolta di traduzioni poetiche)
  • Sendas de Oku di Matsuo Basho (1957)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio
— 1986

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 41844743 LCCN: n79076107