Edmund White

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edmund White

Edmund Valentine White III, noto come Edmund White (13 gennaio 1940) è uno scrittore, critico letterario e saggista statunitense. Attualmente insegna scrittura narrativa ed è direttore di scrittura creativa alla Princeton University.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cincinnati, Ohio, è cresciuto a Chicago e successivamente ha lavorato a New York come giornalista e non solo.

Nel 1970 ha trascorso sei mesi a Roma e dal 1983 al 1990 ha vissuto in Francia.

Il suo lavoro più famoso è forse Un giovane americano, il primo volume di una trilogia narrativa autobiografica che è continuata con La bella stanza è vuota e La sinfonia dell'addio.

La maggior parte dei personaggi descritti nelle opere sono omosessuali, come l'autore, ma gli argomenti affrontati risultano di più ampio spettro.

White è stato un influente critico letterario e culturale ed ha discusso apertamente della propria sieropositività al virus HIV, che ha ucciso negli anni '80 e '90 molti degli amici e degli artisti da lui conosciuti.

Nel 2007 Tiziano Sossi ha realizzato il film intervista Edmund White. A conversation in New York.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Forgetting Elena (1973)
  • Nocturnes for the King of Naples (1978)
  • States of desire (1980) (trad. di Andrea Fossati, Stati del desiderio. Guida alle città e agli uomini americani, Zoe, Forlì, 1999)
  • A boy's own story (1982) (trad. di Sandro Melani, Un giovane americano, Einaudi, Torino 1990)
  • Caracole (1985)
  • The beautiful room is empty (1988) (trad. di Sandro Melani, E la bella stanza è vuota, Einaudi, Torino 1992)
  • Skinned alive: stories (1995) (trad. di Elena Giustarini e Mauro Trotta, Scorticato vivo, introduzione di David Leavitt, DeriveApprodi, Roma 2002)
  • Our Paris: sketches from memory (1995), memorie
  • The farewell symphony (1998) (trad. di Sandro Melani, La sinfonia dell'addio, Baldini e Castoldi, Milano 1998)
  • The married man (2000) (trad. di Sandro Melani, L'uomo sposato, Baldini e Castoldi, Milano 2001)
  • Fanny: a fiction (2003)
  • My lives (2006) (trad. di Giorgio Testa, My lives, Playground, Roma 2007), memorie
  • Chaos: A Novella and Stories (2007) (trad. di Giorgio Testa, Caos, Playground, Roma 2009)
  • Hotel de Dream: A New York Novel (2007) (trad. di Giorgio Testa, Hotel de Dream, Playground, Roma 2008)
  • City boy: my life in New York during the 1960s and 1970s (2009) (trad. di Alessandro Bocchi, Ragazzo di città, Playground, Roma 2010), memorie
  • Jack Holmes and his friend (2012) (trad. di Fabio Viola, Jack Holmes e il suo amico, Playground, 2012)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • The joy of gay sex (1977, con Charles Silverstein) (trad. di Bruna Zamarian, Le gioie dell'omosessualità, Bologna, 1985)
  • The darker proof: stories from a crisis (1987, a cura di, con Adam Mars-Jones) sulla crisi dell'AIDS
  • The Faber Book of Gay Short Fiction (1991, a cura di), antologia di racconti
  • Jean Genet (1993) (trad. a cura di Nicolò Stabile e Maria Antonia Tamburello, Ladro di stile. Le diverse vite di Jean Genet, Il Saggiatore, Milano 1997; Net, Milano 2006), biografia
  • The burning library: writings on art, politics and sexuality, 1969-1993 (1994)
  • In another part of the forest: an anthology of gay short fiction (1994, a cura di), antologia di racconti
  • Altars (1994, con Robert Mapplethorpe) (trad. Altari, Leonardo, Milano 1995)
  • Marcel Proust (1998) (trad. di Diana Mengo, Ritratto di Marcel Proust, Lindau, Torino 2010), biografia
  • I gay, colloquio di Anna Di Lellio con Edmund White, «Liberal» [allegato al n. 60], Roma 1999, intervista
  • The flâneur: a stroll through the paradoxes of Paris (2000) (trad. di Francesco Bruno, Il flâneur. Vagabondando tra i paradossi di Parigi, Guanda, Parma 2005)
  • The art of the story (2000, a cura di), antologia
  • A fine excess: contemporary literature at play (2001, a cura di)
  • Arts and letters (2004)
  • Rimbaud (2008) (trad. di Giorgio Testa, La doppia vita di Rimbaud, minimum fax, Roma 2009), biografia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 102030733 LCCN: n79082217