Francesco Forgione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il santo omonimo, vedi Padre Pio da Pietrelcina.
Francesco Forgione
Francesco Forgione.jpg

Presidente della Commissione parlamentare antimafia
Durata mandato 15 maggio 2006 –
8 maggio 2008
Predecessore Roberto Centaro
Successore Beppe Pisanu

Francesco Forgione (Catanzaro, 15 agosto 1960) è un politico italiano, presidente della Commissione parlamentare Antimafia dal 2006 al 2008.

on. Francesco Forgione
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Catanzaro
Data nascita 15 agosto 1960
Titolo di studio Diploma superiore
Professione Giornalista
Partito PRC
Legislatura XV Legislatura
Gruppo Rifondazione Comunista - Sinistra Europea
Coalizione L'Unione
Circoscrizione Sicilia 2
Incarichi parlamentari

Presidente della Commissione d'Inchiesta sul Fenomeno della Criminalità Organizzata Mafiosa o Similare;
Componente - VI Commissione (Finanze)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia sociologia a Fisciano, interrompendo gli studi prima di conseguire la laurea. Nel 1982 viene eletto consigliere nel comune natio di Tiriolo (Cz) nelle liste del Partito di Unità Proletaria per il comunismo.

Da dirigente regionale del PCI in Calabria, dal 1984 al 1991 è impegnato a denunciare la presenza di imprese legate alla mafia crotonese nella costruzione della base militare americana dei cacciabombardieri F16 a Isola Capo Rizzuto. Successivamente, componente della segreteria regionale comunista, si impegna contro la costruzione della centrale a carbone di Gioia Tauro e gli interessi mafiosi ad essa collegati nella Piana di Gioia Tauro.

Con la nascita del quotidiano del PRC Liberazione ne diviene caporedattore e poi direttore responsabile.

Nel 1994 diventa componente della Direzione nazionale di Rifondazione Comunista, di cui fu segretario regionale in Sicilia dal 1994 al 2001.

Deputato della Regione Siciliana 1996-2006[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 viene eletto deputato all'Assemblea Regionale Siciliana ed è capogruppo del PRC all'ARS e vice presidente della Commissione regionale Antimafia. Viene rieletto nel 2001.

Impegno antimafia[modifica | modifica wikitesto]

È noto per il suo impegno contro la mafia, che lo ha portato a scrivere i libri Oltre la cupola, massoneria, mafia e politica (1994) e Amici come prima, storie di mafia e politica nella seconda repubblica (2003);Porto franco,politici,manager e spioni nella Repubblica della 'ndrangheta(2012); inoltre, nel dicembre 2004 è stato aggredito e minacciato verbalmente a Palermo mentre raccoglieva firme per protestare contro Cosa Nostra[1]. Dal 2004 al 2006 ha collaborato con la rete televisiva Telejato, protagonista nelle denunce antimafia nel palermitano.Nell'anno accademico 2008-2009 è stato docente a contratto per titoli, di storia e sociologia delle organizzazioni criminali all'Università dell'Aquila.

Presidente della Commissione parlamentare Antimafia[modifica | modifica wikitesto]

Con le elezioni politiche del 2006 approda alla Camera, sempre tra le file di Rifondazione Comunista, risultando eletto nella circoscrizione Sicilia 2.

Poco dopo viene eletto presidente della Commissione parlamentare Antimafia, durante la sua presidenza la commissione ha redatto per la prima volta una relazione annuale sulla 'Ndrangheta[2].

Candidatura alla Camera nel 2008 e l'adesione a SEL[modifica | modifica wikitesto]

Poiché la lista La Sinistra - l'Arcobaleno, di cui il PRC faceva parte, non supera il quorum, alle elezioni politiche del 2008 Forgione non è stato rieletto[3].

Recentemente ha aderito a Sinistra Ecologia Libertà e fa parte dell'Assemblea nazionale del partito[4].

Elezioni politiche italiane del 2013[modifica | modifica wikitesto]

Alle Elezioni politiche italiane del 2013 è candidato al Senato della Repubblica nelle Regioni Sicilia e Liguria come capolista di Sinistra Ecologia Libertà[5] ma non viene eletto,la sua candidatura è stata inclusa tra le 23 persone scelte dall'assemblea nazionale del partito senza passare dalle primarie[6].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Commissione parlamentare Antimafia Successore
Roberto Centaro 15 maggio 2006- 8 maggio 2008 Beppe Pisanu

Controllo di autorità VIAF: 29843758