Alessandro Portelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alessandro Portelli (Roma, 21 marzo 1942) è uno storico, critico musicale ed anglista italiano. Attualmente è professore ordinario di letteratura anglo-americana all'Università La Sapienza di Roma.

È uno dei principali teorici della storia orale[1][2], ha pubblicato testi tradotti in varie lingue (il più importante è The Death of Luigi Trastulli and other stories[3]) e ha pubblicato un saggio di storia orale sulla strage delle Fosse Ardeatine[4] che ha ottenuto il premio Viareggio nel 1999.

Ha raccolto poesie e canzoni popolari statunitensi e diversi saggi sulla letteratura afroamericana.[5] Ha collaborato con l'Istituto Ernesto De Martino, per il quale ha effettuato ricerche sulla musica popolare, curando diverse registrazioni per I dischi del sole.[5]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mentre è ancora studente universitario, inizia a scrivere testi per canzoni, ed alcuni di essi, proposti allo staff della casa discografica Parade, vengono musicati ed incisi; da ricordare in particolare la collaborazione con Edoardo Bennato per i testi di Era solo un sogno e Le ombre (incisi dal cantautore partenopeo nel 1966), e quella con i Calipop per Credevo e Al momento dell'addio (su musiche di Gianni Dell'Orso).

Contemporaneamente inizia a collaborare con Giovanna Marini e con il Circolo Ernesto De Martino; scrive inoltre su riviste musicali, recensendo in particolare i dischi della nuova canzone di protesta americana (da Bob Dylan a Joan Baez e Phil Ochs), contribuendo in maniera determinante alla loro conoscenza e diffusione in Italia. Dopo la laurea, nel 1969 si trasferisce per un anno negli Stati Uniti; al ritorno inizia la collaborazione con il Nuovo Canzoniere Italiano, e diventa anche docente di letteratura anglo-americana all'Università di Arezzo.

Continua però il lavoro nel mondo musicale: dal punto di vista della produzione, scopre il Canzoniere del Lazio, mentre nel 1973 fonda insieme a Giovanna Marini il Circolo Gianni Bosio, con l'obiettivo di promuovere anche in Italia il recupero della musica popolare. In questo periodo è tra i fondatori e redattori della rivista "I Giorni Cantati", legata all'attività del Circolo stesso.

Proprio con questi obiettivi collabora con le etichette I dischi dello zodiaco e Albatros: per quest'ultima segue la pubblicazione italiana degli album di Woody Guthrie e di Pete Seeger, traducendone anche i testi in italiano, mentre per I dischi dello zodiaco si occupa in particolare dell'antologia di dischi Italia. Le stagioni degli anni '70, che riordinano moltissimi materiali originali sulla cultura di protesta e i repertori della tradizione popolare. Come giornalista musicale collabora alla rivista Muzak, lavorando insieme a Riccardo Bertoncelli; inoltre conduce molti programmi radiofonici in Rai, occupandosi di musica folk americana, e scrive alcuni volumi tuttora fondamentali in questo campo (come gli studi su Woody Guthrie e quelli su Joe Hill.

Negli anni Ottanta inizia ad insegnare a La Sapienza di Roma; dirada poi il suo impegno nel campo musicale, dedicandosi alla politica attiva e, in seguito, al teatro: ha infatti collaborato anche alla scrittura di spettacoli teatrali (negli ultimi anni in maniera particolare con Ascanio Celestini). Tra il 2006 e il 2007 è stato Consigliere comunale di Roma per il Partito della Rifondazione Comunista[6] e, sino al 2008, delegato del Sindaco Walter Veltroni per la "memoria storica"; in tale veste ha contribuito ad implementare particolarmente le attività della Casa della memoria e della storia, inaugurata il 24 marzo 2006.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Multimediarchitecture
  2. ^ [collegamento interrotto]
  3. ^ Alessandro Portelli. The Death of Luigi Trastulli and other stories, State Univ. of New York Press, 1991
  4. ^ Alessandro Portelli. L'ordine è stato eseguito, Donzelli 1999, tradotto in inglese e in spagnolo
  5. ^ a b Notizia biografica in Alessandro Portelli, La canzone popolare in America, ed. De Donato, Bari, 1975.
  6. ^ Alessandro Portelli

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Enciclopedia della canzone italiana", di Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), ed. Curcio, 1990; alla voce Portelli Alessandro, di Ernesto Bassignano, pag. 338
  • "Canoni americani. Oralità, letteratura, cinema, musica" di Alessandro Portelli, ed. Donzelli 2004, VI-376 p.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24614806