Nuovo Canzoniere Italiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuovo Canzoniere Italiano
Paese d'origine Italia Italia
Genere Folk
Periodo di attività 1962-?

Il Nuovo Canzoniere Italiano è un gruppo di artisti e studiosi che partire dal 1962 a Milano diedero vita a una rivista e a un gruppo musicale, raccogliendo in parte l'eredità del gruppo torinese di Cantacronache dalla cui esperienza provenivano Fausto Amodei e Michele Luciano Straniero. I diversi ricercatori, musicisti e intellettuali, sia attraverso la stessa rivista che con numerosi spettacoli e pubblicazioni discografiche, si proponevano l'obiettivo di riscoprire e riproporre la ricca tradizione del canto sociale italiano, che negli anni del boom economico stava rischiando di scomparire.

Con Roberto Leydi, Sandra Mantovani e i due artisti già citati viene quindi avviato dapprima un gruppo più strettamente musicale (denominato appunto "Gruppo del Nuovo Canzoniere Italiano") a reinterpretare i repertori legati alla protesta sociale, al lavoro, alla Resistenza, ecc. Molto presto l'iniziativa si allarga, annoverando in breve tempo diverse figure destinate a divenire fondamentrali per il N.C.I., la cui discografia si accresce con la collana dei Dischi del Sole (emanazione fonografica delle Edizioni Avanti!), dedicata in gran parte alle documentazioni dirette dei diversi canti, con registrazioni effettuate sul campo, in continuità con il lavoro precedentemente svolto da Gianni Bosio e da Ernesto de Martino.

Il 20 giugno 1964, al Festival dei Due Mondi di Spoleto, nell'ambito dello spettacolo Bella ciao. Un programma di canzoni popolari italiane a cura di Filippo Crivelli, Franco Fortini e Roberto Leydi, Michele Straniero cantò i versi di O Gorizia, tu sei maledetta, canzone di trincea della Grande Guerra. L'esecuzione suscitò grande scandalo, e due giorni dopo costò una denuncia per vilipendio alle forze armate italiane a Straniero e ai responsabili della manifestazione[1].

Alcuni componenti[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Oltre a queste ce n'erano altre.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Per una storia dello spettacolo Bella ciao e, più in generale, del Nuovo Canzoniere Italiano, si veda Cesare Bermani, Una storia cantata. 1962-1997: trentacinque anni di attività del Nuovo Canzoniere Italiano/Istituto Ernesto de Martino, Milano, Jaca Book, 1997

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica