Cantacronache

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cantacronache
Da sinistra a destra: Sergio Liberovici, Fausto Amodei, Michele Luciano Straniero e Margot
Da sinistra a destra: Sergio Liberovici, Fausto Amodei, Michele Luciano Straniero e Margot
Paese d'origine Italia Italia
(Torino)
Genere Folk
Musica d'autore
Periodo di attività 19571963
Etichetta Cedi, Albatros

Cantacronache è stato un gruppo di musicisti, letterati e poeti, sorto a Torino nel 1957 con lo scopo di valorizzare il mondo della canzone attraverso l'impegno sociale. Oltre i fondatori Sergio Liberovici e Michele L. Straniero, vi si distinsero, con diversi ruoli e apporti interni, Emilio Jona, Fausto Amodei, Giorgio De Maria, Margot Galante Garrone, Mario Pogliotti.

Sono considerati tra i precursori dell'esperienza dei cantautori italiani; così si è espresso su di loro Umberto Eco:

« Se non ci fossero stati i Cantacronache e quindi se non ci fosse stata anche l'azione poi prolungata, oltre che dai Cantacronache, da Michele L. Straniero, la storia della canzone italiana sarebbe stata diversa. Poi, Michele non è stato famoso come De André o Guccini, ma dietro questa rivoluzione c'è stata l'opera di Michele: questo vorrei ricordare »
(Umberto Eco[1])

Storia di Cantacronache[modifica | modifica sorgente]

L'attività del gruppo era orientata in primo luogo alla creazione di un nuovo tipo di canzone che prendesse le distanze dai canoni della canzonetta di consumo stabilizzatasi nell'Italia nel dopoguerra e ben espressa dal nascente Festival di Sanremo. Il proposito di "evadere dall'evasione" per la stesura di materiali inediti trovava i suoi modelli negli chansonniers francesi, nei repertori di Bertolt Brecht e Kurt Weill, nella tradizione dei cantastorie italiani.

Ben presto il gruppo di Cantacronache si concentrò nella produzione di testi e musiche che descrivevano, e spesso denunciavano, una realtà molto diversa da quella fotografata dalla canzone italiana di allora e dall'industria discografica.

Nell'arco di circa cinque anni sarebbero nate decine di nuove canzoni con l'apporto, per i testi, di scrittori e intellettuali di spicco come Italo Calvino, Franco Fortini, Gianni Rodari, Umberto Eco, oltre a Straniero e ai già citati Jona e De Maria. Le musiche erano perlopiù di Liberovici e di Amodei (a sua volta cantautore in senso moderno), ma contributi non secondari furono dati da altri compositori dell'area "colta" quali Fiorenzo Carpi, Giacomo Manzoni, Valentino Bucchi.

Tra gli interpreti si avvicendarono Franca Di Rienzo, Pietro Buttarelli, Edmonda Aldini, Silverio Pisu, Glauco Mauri, oltre gli stessi autori Amodei, Straniero, Margot, Mario Pogliotti e Duilio Del Prete.

Il brano forse più famoso del repertorio è, ancora oggi, Per i morti di Reggio Emilia, composto e inciso da Fausto Amodei all'indomani della strage di Reggio Emilia del 7 luglio 1960. Celebri anche Dove vola l'avvoltoio? e Oltre il ponte, entrambe con testo di Italo Calvino e musica di Sergio Liberovici, e La zolfara (testo di Michele L. Straniero e musica di Fausto Amodei), portata contemporaneamente al successo da Ornella Vanoni.

Il gruppo di Cantacronache si dedicò contestualmente anche al recupero della canzone politica e della Resistenza, proponendo anche su disco brani sociali della tradizione anarchica, socialista e perfino giacobina italiana. Lavori analoghi vennero svolti sui repertori di protesta di quei paesi che nei primi anni sessanta vivevano situazioni politico-sociali fortemente critiche anche in rapporto agli equilibri mondiali (Algeria, Cuba, Spagna, Congo, Angola).

Negli anni trionfali del Festival di Sanremo e della musica leggera, la proposta di Cantacronache fece fatica ad affermarsi al di là di ristretti ambienti fortemente politicizzati, e nel 1962 il gruppo si sciolse. Due dei suoi membri, Amodei e Straniero, proseguirono l'attività di riscoperta del canto sociale all'interno del Nuovo Canzoniere Italiano.

Molte delle incisioni del gruppo, realizzate tra il 1957 e il 1963 su vari 45 giri EP o singoli (prima su etichetta Italia Canta e poi su DNG), furono ristampate in quattro LP pubblicati dalla etichetta discografica Albatros della Vedette nel 1971.

Tutta la collezione dei dischi e dei libri dedicati a Cantacronache è attualmente consultabile presso la Biblioteca Comunale delle Lame[2] di Bologna (contenente l'enorme archivio storico-musicale del Canzoniere delle Lame).

Il documentario storico Cantacronache 1958-1962: politica e protesta in musica (trailer) narra l'esperienza culturale e artistica del gruppo, attraverso le interviste ad alcuni dei suoi componenti (Emilio Jona, Fausto Amodei, Margherita Galante Garrone) e altri testimoni (Andrea Liberovici, Giovanni Straniero, Mirco Carrattieri, Giovanna Marini). Il documentario è stato realizzato da Michele Bentini, Sandra Cassanelli, Liviana Davì, Elisa Dondi, Rossella Fabbri, Chiara Ferrari, Sara Macori, Alice Tonini nell'ambito del Master in Comunicazione Storica dell'Università di Bologna nel 2011 in collaborazione con l'Istituto storico Parri Emilia-Romagna.

L'eredità di Cantacronache[modifica | modifica sorgente]

Cantacronache è stato, storicamente, il primo esempio di cantautorato "impegnato" in Italia. L'esperienza dei torinesi è stata assorbita, di pari passo, dalla coeva generazione di cantautori (Luigi Tenco, Fabrizio De André, Francesco Guccini) come lo sarà poi da quella successiva (Francesco De Gregori).

Sia durante l'arco di tempo interessato, sia nel corso degli anni a seguire molti artisti di fama hanno ripreso il senso di quell'esperienza e proposto nuove versioni di quelle canzoni:

Discografia[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

  • 1958 - Cantacronache 1 - La zolfara/Patria mia/Viva la pace/Dove vola l'avvoltoio?, tutti i brani sono cantati da Pietro Buttarelli (Italia Canta, EP 45/C/0001)
  • 1958 - Cantacronache 2 - Raffaele/Ssst!/Le cose vietate/Tutti gli amori, i brani sono cantati da Fausto Amodei (1 e 3) e da Michele L. Straniero (2 e 4) (Italia Canta, EP 45/C/0002)
  • 1959 - Cantacronache 3 - Oltre il ponte/Tredici milioni/Partigiano sconosciuto/Partigiani fratelli maggiori, i brani sono cantati da Pietro Buttarelli (1 e 4) e da Michele L. Straniero (2 e 3) (Italia Canta, EP 45/C/0006)
  • 1959 - Cantacronache 4 - Qualcosa da aspettare/Il giuramento/Il povero Elia/La canzone del popolo algerino, tutti i brani sono cantati da Fausto Amodei (Italia Canta, EP 45/C/0008)
  • 1960 - Cantacronache 5 - Ballata del soldato Adeodato/Cantata della donna nubile/Storia di Capodanno/Valzer della credulità, tutti i brani sono cantati da Edmonda Aldini (Italia Canta, EP 45/C/0009)
  • 1960 - Cantacronache 6 - Il ratto della chitarra/Una carriera/Ero un consumatore/Per i morti di Reggio Emilia, tutti i brani sono cantati da Fausto Amodei (Italia Canta, EP 45/C/0016)
  • 1961 - Il Cantacronache ben temperato (7) - Tiro a segno/La ruota/Questa democrazia/Uno uguale a me, tutti i brani sono cantati da Mario Pogliotti (Italia Canta, SP 33/C/0027)
  • 1963 - Le canzoni di Fausto Amodei 1 - Il tarlo/Lettera dalla caserma/Una vita di carta/Ballata ai dittatori, tutti i brani sono cantati da Fausto Amodei (DNG, GEP 80001)
  • 1963 - Le canzoni di Fausto Amodei 2 - Canzone alla mia chitarra/Il giorno dell'eguaglianza/Il gallo/Il censore, tutti i brani sono cantati da Fausto Amodei (DNG, GEP 80002)

LP[modifica | modifica sorgente]

  • 1971 - Cantacronache 1 (Albatros, VPA 8123)
  • 1971 - Cantacronache 2 (Albatros, VPA 8124)
  • 1971 - Cantacronache 3 (Albatros, VPA 8125)
  • 1971 - Cantacronache 4. Canti di protesta del popolo italiano - Canti della resistenza (Albatros, VPA 8133)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanni Straniero e Carlo Rovello, Cantacronache. I cinquant'anni della canzone ribelle, 2008, Editrice Zona, pag. 8
  2. ^ La Biblioteca LAME nel sito del Comune di Bologna

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica