Giacomo Manzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo scultore, padre di Pio Manzù e Cavaliere di Gran Croce, vedi Giacomo Manzù.

Giacomo Manzoni (Milano, 26 settembre 1932) è un compositore, critico musicale e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1948 inizia gli studi di Composizione a Messina sotto la guida di Gino Contilli. Si trasferisce a Milano nel 1950, diplomandosi nel 1956 in Composizione al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e laureandosi in Lingue e letterature straniere all'Università Bocconi. Nello stesso 1956 è redattore della rivista di musica contemporanea "Il Diapason", dal 1958 al 1966 critico musicale su l'Unità, dal 1962 docente di Armonia e contrappunto al Conservatorio della sua città. Ha anche insegnato dal 1969 al 1974 al Conservatorio G. B. Martini di Bologna, tornando poi al Conservatorio di Milano dove rimase fino al 1991. Dal 1988 tiene un corso di perfezionamento in Composizione alla Scuola di Musica di Fiesole.

Nel 2007, nell'ambito della Biennale di Venezia Musica, Giacomo Manzoni ha ricevuto il Leone d'Oro alla carriera per la musica. Manzoni, secondo la motivazione, è "il compositore e intellettuale della musica che ha attraversato cinquant´anni di attività approfondendo e rinnovando continuamente il suo linguaggio con un atteggiamento sperimentale mosso da un'intima necessità espressiva. Traduttore di alcune fra le più importanti opere di Schönberg e di Adorno, Manzoni è stato anche un punto di riferimento come maestro: da lui non è derivata una "scuola", dunque una sola linea estetica e compositiva, ma una molteplicità di allievi che hanno seguito strade anche molto diverse dalla sua e ai quali ha donato soprattutto una lezione di libertà. Le sue composizioni rappresentano un capitolo cruciale nella vicenda artistica della musica del nostro tempo e ne riflettono, sino agli esiti più recenti, le inquietudini e le risposte, in una ricerca linguistica che non ha cessato di interrogarsi e trasformarsi".

Grande conoscitore della letteratura mitteleuropea, ha tradotto in Italiano gli scritti di Arnold Schoenberg, dal Manuale di Armonia agli Elementi di composizione musicale agli Esercizi preliminari di contrappunto, nonché numerosi scritti di Theodor Adorno, Bertolt Brecht e Thomas Mann; è inoltre autore di una famosa Guida all’ascolto della musica sinfonica (1961). Per quanto riguarda la vita privata, fu sposato con Eugenia Tretti, sorella del regista cinematografico Augusto Tretti, dalla quale ebbe il figlio Nicola, insegnante di filosofia al Liceo Classico Statale S. Quasimodo di Magenta e anch'egli grande amante della musica, che è stato il marito di Daria Bignardi. Lo zio di Giacomo Manzoni, invece, fu il famoso umorista milanese Carlo Manzoni.

L'opera[modifica | modifica sorgente]

Opere teatrali[modifica | modifica sorgente]

Musica per orchestra (con o senza solisti)[modifica | modifica sorgente]

1a esecuzione: Roma, RAI, 21 maggio 1971 - direttore Bruno Maderna Organico: I gruppo (ottoni): 3.2.3.1. Il gruppo (archi): 8 Vl. 4 Vle 3 Vc. 2 Cb. llI gruppo (orchestra da camera): 2.1.2.1. / 2.1.-.-. / 2 Perc. (Crot. G.C. P. a pedale 5 P.s. Tmb. mil. Trg. T-t. 4 T-toms) Cemb. (amplif.) Chit. (amplif.) Org. el. A. 2 Vl. Vla Vc. Cb. Coro I: 6/8 s., 6/8 t., 6/8 e., 6/8 b. Coro lI: 10/12s., 11/15t., 8/10c., 11/14b. Durata: 32’ ca. Partitura (131802)

  • Hölderlin (frammento) per coro e orchestra (1972)

1a esecuzione: Venezia, XXXV Festival di Musica Contemporanea, Teatro la Fenice, 17 settembre 1972 - direttore Andrzej Markowski Organico: 3.3.3.3. / 4.3.3.1. / 2 Perc. (G.C. 5 P. s. Trg. T-t. 5 T-toms ) / Archi (24 Vl. 10 Vle 8 Vc. 6 Cb.) Durata: 21’ ca. Partitura (132006)

  • Lessico (per doppia orchestra di 24 o 52 archi) (1978)

1a esecuzione: Piacenza, Conservatorio, 23 maggio 1978 - direttore Mario Gusella Organico: 14 Vl. 4 Vle 4 Vc. 2 Cb. oppure: 28 Vl. 10 Vle 8 Vc. 6 Cb. Durata: 14’ ca. Partitura (132762)

  • Malinamusik (per orchestra, dalla colonna sonora del film) (1990)

1a esecuzione: Roma, Auditorium RAI, 14 settembre 1991 - Orchestra Sinfonica RAI di Roma, direttore Marcello Panni Organico: 1.1.2 (Il CI.b.).2 (Il Cfg.). / 3.1.1.-. / Tp. 2 Perc. (2 Cencerros Claves Crot. ad libitum G.C. P. a 2 4 P.s. 2 Tmb. Trg. piccolo T-t. 4 T-toms 4 W.bl.) / Archi (12.10.8.6.3.) Durata: 12/13’ ca. Partitura (135722)

1a esecuzione: Berlin, Komische Oper, 6 ottobre 1977 - direttore Andrzej Markowski, solista Maurizio Pollini Organico: 4.4.3.4. / 4.3.3.1. / Tp. 2 Perc. (3 Crot. 3 P.s. Trg.) / Archi Durata: 20’ ca. Partitura (132600)

  • Modulor per quattro orchestre (1979)

1a esecuzione: Venezia, Biennale Musica, Teatro La Fenice, 7 ottobre 1979 - direttore Gianluigi Gelmetti Organico complessivo: 5.4.5.4. / 6.4.4.1. / 4 Perc. (Bambù 3 Cencerros Claves 2 Crot. G.C. Gui. Lst. metallica Maracas P. chiodato 3 P.s. Rag. 3 T.BI. Tmb. mil. Trg. 2 T-t. 3 T-toms) / Archi (28Vl. 12Vle 10Vc. 8Cb.) Durata: 23’ ca. Partitura (132962)

  • Moi, Antonin A. su testi di Antonin Artaud ordinati da Giacomo Manzoni per soprano leggero, lettore e orchestra (1997)

1a esecuzione: Firenze, 12 giugno 1997 - Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, direttore Arturo Tamayo, soprano Alda Caiello, recitante Sandro Lombardi Organico: 3(III anche Ott.).3.4(IV anche Cfg.). / 4.3.3(I anche Trbn.b.in Mib [a 4 pistoni]).1. / Tp. 4 Perc. (Bamboo Chimes [sonorità acuta], Cast., 5 Cencerros, Claves acute, 3 Crot. acuti ad libitum, G.C., 5 P.s., ruggito del leone, Tmb.lo basco piccolo, Tmb. piccolo [più acuto del tom], T.-t., 5 T.-tom, 4 W.bl. [registro medio acuto], Xilomar. [5 ottave]) / Archi - soprano - lettore - nastro magnetico Durata: 26’ Partitura (137762)

  • Ode per orchestra (1982)

1ªesecuzione: Milano, RAI, 11 marzo 1983 - direttore Ernest Bour Organico: 4.3.4.3. / 4.4.3.1. / Tp. 5 Perc. (2 Cencerros Claves Frst. G.C. Glock. Gui. 2 Maracas P. P. chiodato 5 P.s. Rag. 2 Tmb. 2 Trg. T-t. 3 T-toms Xil.) / Archi Durata: 18’ circa Partitura (133479)

1a esecuzione: Parma, Teatro Regio, 9 maggio 1986 - direttore Günther Neuhold, flauto Roberto Fabbriciani, basso Giancarlo Luccardi Organico: 4.4.4.4. / 6.4.4.2. / Tp. 5 Perc. (Cast. 3 Cencerros, Claves 3 Crot. Frst. G.C. Glock. Gui. P. 4 P.s. 2 Tmb. 2 Trg. 2 T-t., 4 T-toms 4 W.bI. Xil.) 2 A. / Archi Flauto solo (Ott., Fl. in Do, Fl. in Sol, FI.b. o cb.) Basso Gruppo da camera ad libitum: Fl. Ob. Ci. Fg. 2 Cor. Trb. 2 Trbn. 2 Perc. 8 Vl. 3 Vle 2 Vc. Cb. (con 5a corda) Coro misto interno ad libitum (organico approssimativo): 8 s., 8 e., 8 t., 8 b. Durata: 22’ ca. Partitura (134112)

  • Adagio e solenne per orchestra (1990) (Dedicato alla Repubblica di San Marino)

1a esecuzione: San Marino, Teatro Titano, 12 maggio 1991 - Orchestra Sinfonica della Repubblica di San Marino, direttore Gheorghi Dimitrov Organico: 2 (Il anche Ott.). 2 (Il anche C.i.). 3 (IIl CI.b.). 2. / 4.2.2.1. / Tp. 3 Perc. (Claves acute G.C. 2 P. 5 P.s. 2 Tmb. Trg. T-t. grande 4 T-toms 5 W.bl. acuti) Mar. / Archi (almeno 12.12.8.6.4.) Durata: 7’ ca. Partitura (135601)

  • Allen per lettore e orchestra da camera, Testo tratto dal "Diario Indiano" di Allen Ginsberg (1996)

1a esecuzione: Roma, Acquario Romano, Festival di Nuova Consonanza, 16 novembre 1996 - Nuova Orchestra Scarlatti, recitante P. Calabresi, direttore E. Marocchini Organico: Fl.(anche Ott.) Ob. Cl.(anche Cl.b.) Fg. Cor. / Archi (6.5.4.3.2.) Durata: 12’ ca. Partitura (137541)

  • Il deserto cresce (Tre metafore da Friedrich Nietzsche per coro e orchestra) (1992)

Testi di F. Nietzsche nella traduzione italiana di Giacomo Manzoni 1a esecuzione: Ravenna, 4 luglio 1993, Orchestra Filarmonica e Coro della Scala, dir.R.Muti Organico: 3(II e III anche Ott.).3.4(IV Cl.b.).3(III anche Cfg.). / 4.3.3.1. / 4 Perc. (5 Cencerros, Crot. acuto, Flauto a coulisse, Flex., G.C., P., 4 P.s., Tmb.lo basco, 2 Tmb. [più acuti dei Tom], 4 T.-tom, Trg. piccolo, Vibr. con l’arco, 4 W.bl., Xilomar.) / Archi (16.16.14.12.9.)* / Coro misto. (È possibile l’esecuzione con: 16.14.12.10.8.). Durata: 25’ Partitura (136198)

  • Finale e Aria (per soprano e orchestra con quartetto d’archi su una poesia di lngeborg Bachmann) (1991)

1a esecuzione: Milano, RAI, 23 aprile 1992, Orchestra Sinfonica della RAI di Milano, direttore V. Fedosseiev, soprano Sarah Leonard Organico: 3 (Il anche Fl. in Sol, llI anche Ott.).2.3 (IlI CI.b.).2 (Il anche Cfg.). / 4.3.2.-. / Tp. 3 Perc. (Cast. 4 Cencerros Claves Crot. G.C. Glock. P. a 2 5 P.s. 2 Tmb. Trg. T-t. 3 T-toms Vibr. W.bl. Xilomar.) / Archi / Quartetto d’archi Durata: 17’ ca. Partitura (135799)

  • Multipli (per orchestra da camera) (1973)

1a esecuzione: Washington, Library of Congress, 23 febbraio 1973 - direttore Bruno Martinotti Organico: -.2.-.1. / 2.-.-.-. / Cemb. / Archi (13 Vl. 4 Vle 3 Vc. 2 Cb.) Durata: 8’ ca. Partitura (132059)

  • Nuovo incontro (per Violino solo ed orchestra d'archi) (1984)

1a esecuzione: Firenze, 47º Maggio Musicale, Teatro Comunale, 5 giugno 1984 - direttore James Judd, solista Carlo Chiarappa Organico: minimo 6 Vl. l 6 Vl. Il 4 Vle 3 Vc. 1 Cb. massimo 12 Vl. l 1 0 Vl. Il 8 Vle 6 Vc. 4 Cb. Durata: 14’ ca. Partitura (133737)

  • Poesie dell’assenza (per voce recitante maschile e orchestra da camera, alla memoria di Luigi Nono) su poesie di Giorgio Caproni (1990)

1a esecuzione: Parma, 12 settembre 1993, Orchestra “A.Toscanini”, L. de Berardinis voce recitante, G.Neuhold direttore. Organico: 2.2(II anche Ott.).2.2(Cl.b.). / 2.1.1.-. / Tp. 2 Perc. (Claves acute, Crot. ad libitum molto acuto, G.C., P., 4 P.s., Tmb. [più acuto dei T.-tom], T.-t., 4 T.-tom, Trg. piccolo, 3 W.bl. acuti) / Archi Durata: 15’ Partitura (135946)

  • Scene sinfoniche per il Doktor Faustus con coro fuori scena (oppure su CD). Testo di Giacomo Manzoni su spunti di Thomas Mann (1984)

1a esecuzione: Milano, Teatro alla Scala, 3 ottobre 1984 - direttore Aldo Ceccato Organico: 3.3.4.3. / 4.4.3.1. / Tp. 5 Perc. (Cast. 3 Cencerros Claves 3 Crot. Frst. G.C. Gui. Maracas P. 5 P.s. Rag. 3T. Bl. 2 Tmb. Tmb.lo Trg. T-t. 4 T-toms 4 W. bl.) Glock. Xil. Mar. Cel. A. Ondes Martenot (o tastiera elettronica/dischetto) Org. o Org. el. Pf. / Archi Strumenti interni: Perc. (5 P.s. Trg. T-t. grande) Pf. Coro misto (disponibile su CD) Durata: 20’ ca. Partitura (133790)

  • Studio per il finale del Doktor Faustus per coro e orchestra. Testo di Giacomo Manzoni su spunti di Thomas Mann (1985)

1a esecuzione: Venezia, Biennale Musica, Teatro la Fenice, 26 settembre 1985 - direttore Jan Latham-König Organico: 3.3.4.3. / 4.4.3.1. / Tp. 4 Perc. (Cast. 3 Cencerros Claves 3 Crot. Frst. G.C. Gui. Maracas P. 5 P.s. Rag. 3 T. BI. 2 Tmb. Tmb.lo Trg. T-t. 4 T-toms 4 W. bl.) Glock. Xil. Mar. Cel. A. Ondes Martenot (o tastiera elettronica) / Archi Coro misto Durata: 6’ ca. Partitura (133935)

  • Studio da concerto per violino, 24 fiati, timpani e percussione (2007)

Musica da camera[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Scritti di Giacomo Manzoni[modifica | modifica sorgente]

Scritti su Giacomo Manzoni[modifica | modifica sorgente]

  • Autori vari: Omaggio a Giacomo Manzoni, Ricordi, Milano 1992

Controllo di autorità VIAF: 98031759 LCCN: n82219009 SBN: IT\ICCU\CFIV\005365