Gordon Moore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gordon Moore

Gordon Moore (San Francisco, 3 gennaio 1929) è un imprenditore e informatico statunitense, cofondatore della Fairchild Semiconductor nel 1957 e dell'Intel nel 1968.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a San Francisco, in California, frequentò gli studi di chimica e fisica presso l'Università della California, Berkeley e il California Institute of Technology, fu in quest'ultima che ottenne il Dottorato di Ricerca in Chimica. Nel 1956 fu reclutato come ricercatore presso la neonata compagnia californiana Shockley Semiconductor. In questo luogo scoprì il significato della parola "semiconduttore" (da quel momento nell'arco di 10 anni sarebbe diventato uno dei più grandi visionari del mondo dei semiconduttori). Il rapporto con il suo capo non fu dei migliori e questo portò lui e altri 7 suoi colleghi ad abbandonare nel 1957 la Shockley Semiconductor ed a fondare un'altra compagnia di silicio: Fairchild Semiconductor.

Qui lavorò per 11 anni ed è proprio in questo periodo (1965) enunciò la sua più sensazionale scoperta, che prese il nome di Legge di Moore. Nel 1968 lasciò la Fairchild Semiconductor, insieme ad un suo collega Robert Noyce, per fondare un'altra società di semiconduttori: la Intel. All'età di 72 anni lasciò il board of directors per raggiunti limiti di età ed ora rimane Presidente Onorario di Intel.

Moore inoltre è stato direttore di Gilead Sciences Inc., membro del National Academy of Engineering e IEEE. Nel 1990 ricevette la National Medal of Technology and Innovation direttamente dal Presidente George H. W. Bush.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 265564053 LCCN: n92077777