Stephanie Louise Kwolek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stephanie Louise Kwolek (New Kensington, 31 luglio 1923) è una chimica statunitense. Ha vinto numerosi premi per il suo lavoro nel campo della chimica dei polimeri ed è nota soprattutto per aver inventato un particolare tipo di fibra sintetica, il kevlar.[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kwolek è nata in un sobborgo di Pittsburgh, in Pennsylvania, nel 1923.[2] Suo padre, John Kwolek[2], morì quando lei aveva solo dieci anni.[3] Kwolek ha attribuito al padre il suo interesse per la scienza mentre l'interesse per la moda alla madre Nellie Zajdel Kwolek.[2][3]

Nel 1946, Kwolek si è laureata in Chimica presso il college femminile dell'Università Carnegie Mellon.[3] Aveva pianificato di diventare un medico e sperava di poter guadagnare denaro sufficiente tramite un lavoro temporaneo in un laboratorio di chimica per poter poi frequentare la scuola di medicina.[3]

Nel 1946, Hale Charch, uno dei futuri colleghi di Kwolek, non appena la incontrò[3], le offrì una posizione alla DuPont, un'azienda di Buffalo (New York)[4]. Anche se Kwolek aveva inizialmente programmato di lavorare alla DuPont solo temporaneamente, trovò questa sua occupazione abbastanza interessante da farla rimanere lì anziché intraprendere la carriera medica. Nel 1950 Kwolek si trasferì a Wilmington per poter proseguire il suo lavoro alla DuPont.[4] Nel 1959 vinse un premio assegnatole dalla American Chemical Society (ACS).[5]

Il kevlar[modifica | modifica sorgente]

Il kevlar.

Durante il suo lavoro allo stabilimento DuPont, Kwolek inventò il Kevlar. Nel 1964, in previsione di una carenza di benzina, il suo gruppo di lavoro aveva iniziato a cercare una fibra leggera ma resistente per pneumatici.[3] Dopo alcuni test su cui la Kwolek aveva insistito, il kevlar, una soluzione per condensazione costituita dai monomeri 1,4-fenilendiammina e cloruro di tereftaloile, dimostrò le sue caratteristiche e fu brevettato nel 1973. A seguito dell'invenzione del nuovo materiale, sia il supervisore che il direttore del laboratorio compresero il significato dell'innovazione portata da Kwolek ed iniziò a svilupparsi un nuovo campo della chimica dei polimeri.

Pensionamento, premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986, Stephanie Kwolek prese la pensione come ricercatrice associata alla DuPont, ma ha continuato a svolgere consulenze per l'azienda ed ha proseguito le collaborazioni con il National Research Council e con il National Academy of Sciences.[4] Durante i suoi 40 anni da ricercatrice, ha conseguito dai 17[6] ai 28 brevetti.[7]

Nel 1995[4][7], è diventata la quarta donna a ricevere un riconoscimento da parte del National Inventors Hall of Fame.[8] Nel 1996, ha ricevuto la National Medal of Technology and Innovation e nel 2003 è stata aggiunta alla National Women's Hall of Fame.[2] La American Chemical Society le ha inoltre assegnato il riconoscimento "Creative Invention" nel 1980[9] e la Medaglia Perkin nel 1997.[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wholly Aromatic Carbocyclic Polycarbonamide Fiber Original Kevlar patent awarded in 1974 to Stephanie Kwolek
  2. ^ a b c d Stephanie Kwolek, Soylent Communications. URL consultato il 09 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  3. ^ a b c d e f Inventing Modern America: Insight — Stephanie Kwolek:, Lemelson-MIT program. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  4. ^ a b c d Invent Now, National Inventors Hall of Fame. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  5. ^ Margaret W. Rossiter, Women Scientists in America, Baltimore, Maryland, Johns Hopkins University Press, 1998, p. 267. ISBN 0-8018-5711-2. URL consultato il 9 giugno 2011.
  6. ^ Jim Quinn, "I was able to be Creative and work as hard as I wanted.", American Heritage Publishing. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  7. ^ a b The New York Times Company, The History of Kevlar — Stephanie Kwolek:, About.com. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  8. ^ University of Delaware, Citation conferring an Honorary Doctor of Science degree on Stephanie Louise Kwolek:, UDaily, 31 maggio 2008. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  9. ^ Stephanie Louise Kwolek Biography, Bookrags. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).
  10. ^ American Chemical Society, JCE Online: Biographical Snapshots: Snapshot, Journal of Chemical Education. URL consultato il 9 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2009).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 6826452