1,4-fenilendiammina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1,4-fenilendiammina
formula di struttura
Nome IUPAC
1,4-diamminobenzene
Nomi alternativi
p-fenilendiammina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H8N2
Massa molecolare (u) 108,14
Aspetto solido bianco-grigio
Numero CAS [106-50-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,135
Solubilità in acqua 47 g/l a 25 °C
Temperatura di fusione 140 °C (413 K)
Temperatura di ebollizione 267 °C (540 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point 156 °C (429 K)
vaso chiuso
Temperatura di autoignizione 567 °C (840 K)
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 301 - 311 - 331 - 319 - 317 - 410
Consigli P 280 - 273 - 304+340 - 302+352 - 305+351+338 - 309+310 [1]

La 1,4-fenilendiammina, o p-fenilendiammina (letto para-fenilendiammina), è una diammina aromatica.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco-grigio dall'odore ammoniacale. È una sostanza che può dare allergia (prurito, rossore) a chi ne è ipersensibile; si scioglie bene nei solventi organici e parzialmente in acqua, a cui impartisce una reazione basica, il pH di una sua soluzione satura in acqua è circa 9.

Nella sintesi organica, è un intermedio per la produzione di numerosi composti. Trova impiego come monomero nella produzione del kevlar e come agente scurente delle tinture per capelli.

Trova anche impiego come rivelatore in fotografia analogica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della 1,4-fenilendiammina su IFA-GESTIS
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia