Punto di infiammabilità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il punto di infiammabilità o punto di fiamma (in inglese flash point) di un combustibile è la temperatura più bassa alla quale si formano vapori in quantità tale che in presenza di ossigeno (aria) e di un innesco danno luogo al fenomeno della combustione.[1]

Classificazione dei liquidi infiammabili[modifica | modifica sorgente]

I liquidi infiammabili si classificano ai fini della sicurezza e ai sensi del Decreto Ministeriale del 31 luglio 1934 in base alla temperatura di infiammabilità in:

  • Categoria A (Ti < 21 °C): benzina, alcoli; sono i prodotti più pericolosi in quanto estremamente infiammabili anche a temperatura ambiente e devono essere tenuti lontani da possibili inneschi;
  • Categoria B (21 °C ≤ Ti ≤ 65 °C): gasolio;
  • Categoria C (Ti > 65 °C): glicerina, bitume.

Si precisa che, riguardo alle installazioni terrestri fisse e mobili di motori a combustione interna accoppiati a macchine generatrici di energia elettrica o macchine operatrici (D.M. 22/10/2007), il gasolio è da considerarsi di categoria C, in seguito alla circolare della Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica del Dipartimento dei Vigili del fuoco del 16 marzo 2009, prot. n. 756-032101.01.4188.000, che lo classifica "liquido combustibile di categoria C [...] a prescindere dall'effettiva temperatura d'infiammabilità".

Misurazione del punto di fiamma[modifica | modifica sorgente]

Per misurare il punto di fiamma di un carburante liquido si usa il dispositivo di Pensky-Martens.

Esempi di punto di fiamma di un carburante[modifica | modifica sorgente]

La benzina è un carburante utilizzato nei motori ad accensione comandata. Il carburante dovrebbe premiscelarsi con l'aria per raggiungere il suo limite infiammabile e scaldarsi oltre il suo punto di fiamma, per poi accendersi. Il carburante non dovrebbe preincendiarsi in un motore caldo. Pertanto, la benzina possiede un basso punto di fiamma e un'alta temperatura di autoignizione.

Il motore diesel è progettato per funzionare come motore ad accensione per compressione. L'aria compressa viene scaldata fino alla temperatura di autoignizione; la deflagrazione della carica combustibile avviene nel momento di massima pressione, in presenza di una miscela aria-carburante nebulizzata. In questo caso non vi sono sorgenti di accensione. Di conseguenza al carburante diesel è richiesto un alto punto di fiamma e una bassa temperatura di autoignizione.

Parametri[modifica | modifica sorgente]

  • Benzina:
    • punto di fiamma: > -40 °C
    • Temperatura di autoaccensione: circa 250 °C
  • Gasolio:
    • punto di fiamma: > 55 °C (gasolio per autotrazione); > 65 °C (gasolio per riscaldamento).
    • Temperatura di autoaccensione: circa 220 °C

Da notare che non ci sono delle temperature di autoaccensione definite per la benzina e il gasolio; esse si aggirano intorno ai parametri indicati. La benzina senza piombo ha un punto di fiamma inferiore a quella normale (anche -40 °C) e una temperatura di autoaccensione superiore ai 250 °C.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "flash point"

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]