Tony Blair

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tony Blair
TonyBlairBasra.JPG

Primo Ministro del Regno Unito
Durata mandato 2 maggio 1997 –
27 giugno 2007
Capo di Stato Elisabetta II
Predecessore John Major
Successore Gordon Brown

Presidente del Consiglio europeo
Durata mandato 1º gennaio 1998 –
30 giugno 1998
Predecessore Jean-Claude Juncker
Successore Viktor Klima

Durata mandato 1º luglio 2005 –
31 dicembre 2005
Predecessore Jean-Claude Juncker
Successore Wolfgang Schüssel

Leader del Partito Laburista del Regno Unito
Durata mandato 1994 –
2007
Predecessore Margaret Beckett
Successore Gordon Brown

Dati generali
Partito politico Partito Laburista
Tendenza politica Terza via
Alma mater St John's College, Oxford

Anthony Charles Lynton Blair detto Tony Blair (Edimburgo, 6 maggio 1953) è un politico britannico. È stato Primo Ministro del Regno Unito dal 2 maggio 1997 al 27 giugno 2007, giorno delle sue dimissioni. Dalla stessa data ricopre l'incarico di inviato per la pace nel Medio Oriente del Quartetto per il Medio Oriente, su mandato di ONU, Unione europea, USA e Russia[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Blair è nato a Edimburgo, secondo figlio di Leo Blair e Hazel Corscadden. Gli antenati della madre, originari dell'Ulster e della Scozia, si erano stabiliti nella Contea del Donegal. Il padre Leo, figlio di due attori inglesi, Charles Parsons (conosciuto come Jimmy Lynton) e Mary Augusta Ridgway Bridson, era stato adottato dallo scozzese James Blair, operaio nei cantieri navali.

Leo Blair studiò Diritto ed esercitò la professione di avvocato, prima di diventare ricercatore universitario. Col tempo divenne un militante del Partito Conservatore. Pensò anche di candidarsi al Parlamento a Durham, dove si era trasferito con la famiglia. La carriera di Leo Blair fu però di fatto interrotta da un ictus quando Tony aveva undici anni.

Tony Blair, dopo aver passato a Durham gran parte della sua infanzia e aver frequentato nella stessa città la Choristers School, frequentò a Edimburgo il Fettes College, indicato a volte come la Eton scozzese. Al Fettes conobbe Charlie Falconer, che avrebbe poi nominato Lord Cancelliere. In seguito, studiò Diritto al St John's College dell'Università di Oxford. Durante gli anni universitari, suonò la chitarra e fece il cantante in un gruppo rock chiamato Ugly Rumours.

Dopo la laurea, Blair iniziò la pratica legale nello studio di un altro futuro Lord Cancelliere, Derry Irvine. Nello studio di Irvine conobbe la sua futura moglie Cherie Booth.

Tony sposò Cherie il 29 marzo 1980. La moglie avrà una brillante carriera legale, divenendo Queen's Counsel (nel sistema britannico, il titolo di Queen's Counsel, o QC è riservato a una ristretta élite di avvocati ai vertici della professione forense). I coniugi Blair hanno quattro figli Euan, Kathryn, Nicky e Leo. Leo, oltre a portare il nome del nonno, ha un'altra particolarità: è nato da un Primo Ministro britannico in carica. Un simile evento era accaduto l'ultima volta l'11 luglio 1849, quando John Russel divenne padre di Francis.

I figli dei Blair sono stati educati alla fede cattolica. Lo stesso Primo Ministro frequenta ogni domenica la messa assieme alla famiglia. Durante il suo mandato alla Cattedrale di Westminster era stato anche visto assistere alla messa da solo. Blair è considerato uno dei primi ministri più religiosi nella storia contemporanea del paese e il più legato alla Chiesa cattolica, alla quale si convertì ufficialmente dopo la fine del suo mandato di Primo Ministro; la conversione è avvenuta il 21 dicembre 2007.

Leo, il più giovane figlio dei Blair è stato al centro di un dibattito pubblico riguardo al vaccino MMR contro morbillo, orecchioni e rosolia, dal momento che il padre ha rifiutato di dichiarare se ha ricevuto o meno il controverso trattamento. In seguito è emerso che il ragazzo ha ricevuto un vaccino non disponibile nel sistema sanitario nazionale.

Euan e Nicky hanno frequentato la London Oratory School a Fulham, una scuola cattolica. I Blair furono criticati per averla preferita alle scuole di Islington, dove abitavano. Euan Blair ha ricevuto un'ampia e indesiderata attenzione da parte dei media quando, nel luglio del 2000 durante i festeggiamenti per la fine della scuola secondaria, fu sorpreso dalla polizia in una piazza di Londra, Leicester Square, in stato di ubriachezza, poco dopo che il padre aveva proposto di comminare una sanzione pecuniaria a coloro che tenessero simili comportamenti. Dopo aver lasciato l'Università di Bristol, Euan ha ottenuto un incarico all'House Committee on Rules, sotto la direzione di David Dreier, un membro del congresso repubblicano.

Primi passi nella politica[modifica | modifica sorgente]

Poco dopo la laurea, nel 1975, Blair aderì al Labour Party. Nel corso dei primi anni ottanta, s'impegnò per il partito nel collegio di Hackney South e Shoreditch, dove si schierò con la "soft left", che sembrava in procinto di prendere il controllo del Labour. Cercò di essere candidato per il consiglio del Borough di Hackney, ma i suoi tentativi fallirono. Attraverso suo suocero, l'attore Tony Booth, prese quindi contatto con il parlamentare laburista Tom Pendry, cercando suggerimenti sul modo migliore per essere eletto alla Camera dei Comuni.

Pendry gli suggerì di concorrere per la candidatura laburista alle elezioni suppletive che si sarebbero svolte nel 1982 per il seggio di Beaconsfield, dove Pendry conosceva un importante membro del partito. Beaconsfield era una circoscrizione sicura del Partito Conservatore. Blair ottenne la candidatura, ma ricevette solo il 10% dei voti. La campagna gli consentì comunque di farsi conoscere all'interno del partito e di impressionare favorevolmente il leader laburista Michael Foot. In questo periodo Blair tendeva a descrivere se stesso come un socialista di tipo classico, in accordo con gli orientamenti dello stesso Foot. Ne fa fede una lettera che scrisse al leader del partito nel luglio del 1982, resa pubblica nel giugno del 2006.

Nel 1983 Blair si rese conto che l'appena creato collegio elettorale di Sedgefield, vicino a Durham, era privo di un candidato per il Labour. L'elettorato della zona era tradizionalmente d'ispirazione laburista e quindi oggetto del desiderio di diversi parlamentari del partito, eletti in seggi che erano stati soppressi nella ridefinizione delle circoscrizioni. Blair riuscì a trovare una corrente del partito locale che non si era ancora pronunciata sul candidato e, con il cruciale aiuto di John Burton, ottenne il loro appoggio. All'ultimo momento riuscì a farsi includere nella lista dei candidabili e, infine, a essere selezionato, battendo il parlamentare Les Huckfield.

Alle elezioni generali del 1983, il candidato Blair sposò le linee politiche, decisamente di sinistra, che caratterizzavano il Labour Party nei primi anni ottanta. Il manifesto elettorale laburista per le elezioni del 1983 era fortemente connotato in questo senso e Blair appoggiò molte proposte in esso contenute, come il ritiro dalla Comunità economica europea (sebbene in precedenza avesse dichiarato di essere personalmente favorevole alla permanenza del Regno Unito nella CEE) e come il disarmo nucleare unilaterale. Nonostante la grave sconfitta del partito a livello nazionale, il risultato a Sedgefield confermò le attese, eleggendo Blair alla Camera.

Pronunciò il primo discorso da parlamentare il 6 luglio 1983. In un passaggio, affermò: "Non sono socialista perché la lettura di un libro di testo ha acceso la mia fantasia e neppure perché provengo da una tradizione accettata senza riflettere; lo sono perché credo che il socialismo sia l'ideale più vicino a un'esistenza che sia insieme, razionale e morale. Esso è per la cooperazione, non per la competizione; per l'amicizia, non per la paura. Esso sostiene l'uguaglianza". Dieci anni dopo, il 14 settembre del 1993, ministro dell'interno-ombra di un Labour ancora all'opposizione, Blair delinea in un'intervista al periodico cristiano Third Way il profilo del futuro New Labour dichiarando la necessità di coniugare il valore della eguaglianza, con quello della libertà responsabile presente nella tradizione cristiana.[2]

Bill Clinton incontra Blair a Firenze il 20 novembre 1999

Il New Labour e il governo[modifica | modifica sorgente]

Il 21 luglio 1994, dopo la morte del suo predecessore, John Smith, avvenuta nel maggio dello stesso anno, è divenuto capo del Partito Laburista del Regno Unito. Tre anni dopo, con una grande vittoria elettorale, ha riportato al governo il partito laburista, ponendo termine a 18 anni di governi conservatori. Nella storia del partito laburista britannico, è il primo ministro che si è mantenuto più a lungo in carica, nonché l'unico che abbia condotto il partito alla vittoria in tre elezioni politiche consecutive. Blair, il più giovane Primo Ministro del Regno dopo Lord Liverpool (in carica dal 1812 al 1827), ha impegnato le Forze armate britanniche in quattro guerre, in Kosovo, Sierra Leone (operazione Palliser e operazione Barras), Afghanistan e Iraq.

Blair ha impresso una profonda svolta in senso riformista alla sinistra britannica, durante la sua leadership il partito laburista ha adottato il nome di “New Labour” per marcare la discontinuità con le impostazioni ideologiche dei decenni passati, dogmaticamente indirizzate alla nazionalizzazione del sistema economico. Una linea sostenuta anche in Italia dalle correnti liberalsocialiste.[3]

Il primo ministro ha spesso presentato la sua visione politica come la “moderna socialdemocrazia” o, con una formula spesso ripetuta anche in Italia, come la “Terza Via” (sottinteso: tra il neoliberismo della destra e le politiche assistenziali della “vecchia” sinistra). I critici di sinistra asseriscono però che Blair abbia tradito i principi dei padri fondatori del Labour e che il suo governo si sia spostato troppo a destra, non prestando sufficiente attenzione a tradizionali principi laburisti come la redistribuzione della ricchezza.

Sul fronte politico interno Tony Blair diresse i suoi sforzi verso un processo di "devolution" del potere per conferire maggiori autonomie e un parlamento proprio alla Scozia e, in misura minore, a Irlanda del Nord e Galles. Blair si impegnò in misura considerevole anche verso la risoluzione della questione dell'Irlanda del Nord, riuscendo, nell'aprile del 1998, dopo lunghi negoziati, a far siglare sia dai cattolici che dai protestanti nordirlandesi il cosiddetto "Accordo del Venerdì Santo", che prevedeva un'amministrazione dell'Irlanda del Nord a potere condiviso, e che entrò effettivamente in vigore nel 1999.

Dall'11 settembre 2001 e dal conseguente inizio della Guerra al terrorismo, gli affari internazionali hanno occupato una parte maggiore dell'agenda politica di Blair. Forze Britanniche hanno partecipato alla Guerra in Afghanistan contro i Talebani alla fine del 2001, come alla ben più complessa Guerra in Iraq nei primi mesi del 2003 e alle seguenti operazioni di peacekeeping, confermando così il tradizionale ruolo del Regno Unito come maggiore alleato degli Stati Uniti.

Blair e George W. Bush alla Casa Bianca il 16 aprile 2004

Nell'ottobre 2004 Blair aveva dichiarato la sua intenzione di presentarsi alle elezioni per ottenere un terzo mandato da Primo Ministro, ma che non avrebbe cercato di ottenerne un quarto.

Il Labour ha così vinto, nel 2005, per la prima volta nella sua storia, una terza elezione generale consecutiva, anche se ha visto il suo margine di vantaggio alla Camera dei Comuni ridursi a 66 seggi. Anche se la maggioranza alla Camera Bassa è rimasta ampia e il governo non correva alcun rischio di essere sfiduciato, l'erosione dell'elettorato laburista ha rinsaldato l'ipotesi di un avvicendamento alla guida del governo, dove il nome più probabile era quello del Cancelliere dello Scacchiere Gordon Brown. In effetti, il 10 maggio 2007 Blair ha poi annunciato le sue dimissioni da Primo Ministro e da Capo del Partito Laburista. Il 24 giugno 2007 Brown venne eletto capo del Partito Laburista e il 27 giugno 2007 divenne Primo Ministro del Regno Unito.[4]

Fede religiosa[modifica | modifica sorgente]

Verso la fine del suo mandato erano insistenti le voci che parlavano di una conversione di Tony Blair al credo cattolico, già professato da tutta la sua famiglia. La particolare condizione politica inglese che vede il capo di Stato (la regina) a capo della Chiesa Anglicana hanno fatto sì che Blair posticipasse la sua conversione a dopo la fine del suo mandato. Blair ha anche incontrato il Papa Benedetto XVI. La conversione è avvenuta il 21 dicembre 2007.[5]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • Privy Councillor (1994)
  • Congressional Gold Medal (2003)
  • Laurea Honoris Causa in Legge, Queen's University Belfast (2008)
  • Dan David Prize (2009)
  • Liberty Medal (2010)
Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Nel quarto episodio della quindicesima stagione dei Simpson, Tony Blair doppia se stesso nella scena all'aeroporto, dove dà loro il benvenuto in Inghilterra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Blair appointed Middle East envoy, BBC News, 27 giugno 2007.
  2. ^ (EN) Roy Mc Cloughry, Christianity and New Labour, Critica Sociale, 1993. URL consultato il 6 aprile 2008.
  3. ^ Tony Blair: "La mia vocazione per l'uomo" Intervista a Critica Sociale
  4. ^ Guido Mariani, Tony Blair, le consulenze d'oro dell'ex primo ministro in Lettera43.it, 3 luglio 2014.
  5. ^ Tony Blair joins Catholic faith, BBC News, 21 dicembre 2007. URL consultato il 22 dicembre 2007.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tony Blair, Il mio nuovo laburismo: scritti politici 1980-1997; a cura di Enrico Sartor, L'Aquila, Textus, 1997.
  • Léonard Anthony, Rachid Nekkaz, Millenarium: quale avvenire per l'umanità?, testimonianze di Tony Blair etc., Milano, Baldini & Castoldi, 2000 (I saggi) ISBN 88-8089-841-8.
  • Andrea Romano, The boy: Tony Blair e i destini della sinistra, Milano, Mondadori, 2005 (Frecce) ISBN 88-04-53412-5.
  • Tony Blair, Un viaggio, Milano, Rizzoli, 2010 (Saggi stranieri) ISBN 978-88-17-04314-4

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Consiglio europeo Successore Flag of Europe.svg
Jean-Claude Juncker gennaio - giugno 1998 Viktor Klima I
Jean-Claude Juncker luglio - dicembre 2005 Wolfgang Schüssel II
Predecessore Primo ministro del Regno Unito Successore Flag of the United Kingdom.svg
John Major 1997-2007 Gordon Brown

Controllo di autorità VIAF: 84213389 LCCN: no95058170