Enda Kenny

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enda Kenny
EndaKenny.jpg

Irlanda Taoiseach della Repubblica d'Irlanda
In carica
Inizio mandato 9 marzo 2011
Predecessore Brian Cowen

Dati generali
Partito politico Fine Gael

Enda Kenny (Castlebar, 24 aprile 1951) è un politico irlandese, dal giugno 2002 leader del Fine Gael e dal 9 marzo 2011 Taoiseach dell'Irlanda.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Kenny venne eletto per la prima volta membro del Dáil nel 1975, all'età di 24 anni, quando subentrò nel seggio del padre dopo la sua morte[1]. Kenny venne successivamente rieletto nel 1994 e nel 1997 fu ministro del turismo[1]. Nonostante la lunga presenza parlamentare, non era una figura di primo piano nella vita politica irlandese[1].

Leader del Fine Gael[modifica | modifica sorgente]

A causa del suo profilo, la scelta di Kenny candidarsi alla leadership del Fine Gael nel 2001 destò una certa sorpresa[1]. Kenny fu sconfitto da Michael Noonan, ma dopo la grave sconfitta elettorale del 2002 Noonan fu costretto a dimettersi e Kenny divenne leader del partito[1]. Kenny cominciò a riorganizzare profondamente il partito, che guadagnò seggi sia alle elezioni locali che alle elezioni europee del 2004[1]. Kenny rafforzò anche i rapporti con gli altri partiti europei di centro-destra e nel 2006 fu eletto vicepresidente del Partito Popolare Europeo[1].

Il Fine Gael ottenne un buon risultato alle elezioni parlamentari del 2007, ma il Fianna Fáil riuscì a mantenere la maggioranza[1]. La leadership di Kenny fu messa in discussione da una parte del suo partito, che lo riteneva un buon organizzatore e mediatore ma un leader poco carismatico e telegenico[1]. Kenny riuscì tuttavia a sconfiggere la mozione di sfiducia nei suoi confronti[1]. Anche grazie all'insoddisfazione popolare nei confronti del governo del Fianna Fáil, alle elezioni parlamentari del 2011 il Fine Gael ottenne il suo miglior risultato di sempre e si affermò come primo partito del paese[1].

Taoiseach[modifica | modifica sorgente]

Dal 9 marzo 2011 Kenny ha ottenuto la guida di un governo di coalizione con i laburisti[2]. Il governo dispone della più ampia maggioranza parlamentare nella storia del paese[1].

Il governo Kenny sta gestendo le conseguenze della crisi finanziaria nel paese ed ha approvato una serie di riforme richieste dall'Unione europea e del Fondo Monetario Internazionale, raggiungendo gli obiettivi di riduzione del deficit pubblico posti al paese[1]. Il governo ha rifiutato di rivedere il livello molto basso di tassazione sulle imprese[1].

Nel luglio 2011 Kenny ha attaccato duramente il Vaticano per la sua gestione e il suo atteggiamento verso i casi di pedofilia all'interno della Chiesa irlandese[1].

Vita personale[modifica | modifica sorgente]

Il padre di Kenny era stato un giocatore di calcio gaelico e successivamente parlamentare[1].

Kenny è sposato con un'ex addetta stampa del Fianna Fáil[1]. La coppia ha tre figli[1].

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Kenny è appassionato di sport, in particolare di trekking e ciclismo[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s (EN) Judith Crosble, The stayer, European Voice, 20 ottobre 2011. URL consultato il 20 novembre 2011.
  2. ^ L'Irlanda annuncia un governo di coalizione, Il Post, 6 marzo 2011. URL consultato il 20 novembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 227755309 LCCN: no2012002619