il Post

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
il Post
Logo di il Post
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale online
Formato sito web, blog
Fondatore Luca Sofri
Fondazione 19 aprile 2010[1]
Sede Milano
Direttore Luca Sofri
Sito web http://www.ilpost.it/
 

il Post è un quotidiano online italiano, edito dal 2010 e diretto da Luca Sofri.

La redazione è composta dai giornalisti Arianna Cavallo, Francesco Costa, Giulia Balducci ed Emanuele Menietti, oltre che da Luca Sofri e una serie di collaboratori.[2]

È sostenuto da una società di imprenditori. Il principale socio investitore è Banzai che cura il progetto grafico, gli aspetti tecnologici e la raccolta pubblicitaria.

Il modello di business si basa sugli inserzionisti, dato che la lettura del quotidiano è gratuita e non richiede iscrizione.

Logo e nome[modifica | modifica sorgente]

Il logo del progetto ha richiami grafici diretti alle testate degli storici quotidiani statunitensi, a cui il nome del progetto fa riferimento: post come il Washington Post[3] ma anche come i post dei blog, l'unità di misura della scrittura su internet.

La testata si richiama nei contenuti all'Huffington Post[4] e allo stile di testate online statunitensi come Slate o The Daily Beast. Sofri ha presentato il progetto come "Un prodotto elitario per maggioranze: alla fine siamo sempre ai fatti e alle opinioni, anche se non c'è più separazione: i fatti insieme alle opinioni", e lo ha indicato innovatore perché "per metà aggregatore (altro termine equivoco), per metà editore di blog".[5]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

La redazione del Post al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia nel 2011.

Aperto dal 19 aprile 2010, è stato ideato come un aggregatore dei migliori contenuti della stampa italiana e internazionale, selezionati e commentati dalla redazione, affiancati da contenuti originali prodotti dalla stessa redazione e da numerosi collaboratori, come Debora Serracchiani, Andrea Romano, Ivan Scalfarotto, Giuseppe Civati, Flavia Perina, Antonio Dini. La testata ospita anche i blog di alcuni illustratori e vignettisti, tra cui Makkox che pubblica periodicamente vignette di attualità.

Nel 2010 il Post ha vinto la terza edizione del Premio Ischia Social Network per l'informazione online, assegnato nel corso del Premio Ischia Internazionale di Giornalismo.[6]

Secondo alexa.com risulta essere tra i primi duecento siti web più visitati in Italia.[7] Secondo Audiweb a gennaio 2012 ha registrato un aumento dei visitatori giornalieri del 61 per cento rispetto al gennaio dell'anno precedente, uno dei tassi di crescita più alti in Italia tra i giornali online.[8]

Da maggio del 2012 è l'unico quotidiano italiano - online o cartaceo - a pubblicare ogni giorno le strisce a fumetti dei Peanuts e di Doonesbury.[9]

Nel maggio 2013, a seguito di una ricapitalizzazione a fronte delle perdite della società - rispettivamente di 360mila e di 480mila euro nel 2011 e 2012 - la presidenza del CdA è passata a Paolo Ainio, amministratore delegato di Banzai Spa, che attualmente detiene la maggioranza relativa del capitale. La notizia è stata pubblicata il 23 luglio da Italia Oggi in un breve articolo, nel quale si dava anche conto della nuova ripartizione delle quote societarie, come segue: Banzai 30,53%, Kme e View different Inc circa 24% ciascuno, Giorgio Gori 10,9% e Sofri 8%.[10][11] Il giorno successivo Paolo Ainio ha scritto a Italia Oggi, giudicando "romanzata" la ricostruzione delle vicende societarie del Post fatta dalla testata, e precisando come in seguito all'avvenuto riassetto sia Banzai sia Sofri avessero aumentato le loro quote, passando rispettivamente al 24% e al 22%. Il giornalista Claudio Plazzotta, autore dell'articolo, ha a sua volta replicato che la ricostruzione era frutto della lettura della nota integrativa al bilancio 2012 de Il Post srl, da cui i dati erano presi, e che le percentuali di controllo citate nell'articolo (Banzai ventures al 30,53% e Sofri all'8%) sono quelle riportate nella visura camerale del 22 luglio 2013.[12]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Testata registrata presso il Tribunale di Milano il 28 settembre 2009.
  2. ^ il Post - Chi siamo. URL consultato il 7 giugno 2012.
  3. ^ Nasce "Il Post", il giornale on-line di Luca Sofri, Varese News, 16 aprile 2010.
  4. ^ Cinzia Zambrano, Nasce il Post, il giornale on line diretto da Luca Sofri, l'Unità, 16 aprile 2010.
  5. ^ Luca Sofri, In questi Post, ilPost, 19 aprile 2010.
  6. ^ Premio Ischia Social Network: vince il Post.it di Luca Sofri. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  7. ^ Statistiche su ilpost.it da Alexa. URL consultato il 28 settembre 2011.
  8. ^ Audiweb, partenza fiacca a gennaio, ItaliaOggi, 2 marzo 2012.
  9. ^ "Non chiamarmi capo!", Il Post, 14 maggio 2012
  10. ^ Paolo Ainio (Banzai) presidente del Post al posto di Luca Sofri, Italia Oggi, 23 luglio 2013.
  11. ^ Ainio di Banzai presidente del Post di Sofri, Affaritaliani.it, 23 luglio 2013.
  12. ^ Banzai cresce bene, modificate le quote societarie, Italia Oggi, 24 luglio 2013. URL consultato il 4 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]