Condoleezza Rice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Condoleezza Rice
Condoleezza Rice cropped.jpg

66° Segretario di Stato degli Stati Uniti
Durata mandato 26 gennaio 2005 - 20 gennaio 2009
Predecessore Colin Powell
Successore Hillary Clinton

20° Consigliere per la sicurezza nazionale
Durata mandato 20 gennaio 2001 - 26 gennaio 2005
Predecessore Sandy Berger
Successore Stephen Hadley

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica conservatrice
Firma Firma di Condoleezza Rice

Condoleezza Rice (Birmingham, 14 novembre 1954) è una politica statunitense.

È stata il 66º Segretario di Stato degli Stati Uniti, nella seconda amministrazione di George W. Bush, la prima donna afroamericana a ricoprire tale carica, la seconda persona afroamericana dopo Colin Powell (che ricoprì la carica dal 2001 al 2005) e la seconda donna dopo Madeleine Albright (che ricoprì il ruolo dal 1997 al 2001 durante la presidenza di Bill Clinton).

La Rice rivestì il ruolo di Consigliere per la sicurezza nazionale (National Security Advisor) nella prima amministrazione Bush. Prima di entrare in politica, è stata docente di scienze politiche e rettore alla Stanford University. Nella presidenza di George H. W. Bush, Condoleezza Rice è stata consigliere dei rapporti con l'Unione Sovietica e l'Europa dell'est nel periodo della dissoluzione dell'Unione Sovietica e la riunificazione della Germania.

Educazione e carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Alabama e cresciuta nei dintorni di Titusville (sobborgo della città di Birmingham), la Rice è l'unica figlia di un reverendo presbiteriano, John Wesley Rice Jr., e della moglie Angelena Ray. Il reverendo Rice era consigliere alla Ullman High School e ministro della Chiesa presbiteriana di Westminster, fondata dal proprio padre, e Angelena era insegnante di scienze, musica e oratoria nella medesima scuola[1].

Condoleezza (il cui nome deriva dall'espressione italiana, usata in musica classica, "con dolcezza"[2]) imparò a suonare il pianoforte dalla propria madre, la quale diceva che "la musica fa diventare amici", e lo suona tuttora in modo eccellente[3][4].

Maturò le sue prime esperienze toccando con mano le ingiustizie delle leggi e degli atteggiamenti discriminatori esistenti a Birmingham. Entrò all'università all'età di quindici anni, giovanissima, laureandosi in scienze politiche presso l'Università di Denver nel 1974. Nel 1975, ottenne un master presso l'Università di Notre Dame (Indiana).

Dal 1981, la Rice iniziò la carriera accademica all'Università di Stanford, prima come assistente di Scienze politiche (1981-1987), poi come professore associato (1987-1993), infine come professore ordinario di Scienze Politiche (1993-luglio 2000). È stata rettore della Stanford University dal 1991 al 1993.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Entra alla Casa Bianca nel 1989, nominata Responsabile della direzione Russia e Paesi dell'est dall'allora consigliere per la sicurezza nazionale, il generale Brent Scowcroft.

Nel 1990 è la principale consigliera del Presidente George H. W. Bush per gli affari sovietici.

Il 17 dicembre 2000 diventa Consigliere per la Sicurezza Nazionale di George W. Bush, è la prima donna a ricoprire questo incarico.

Massimo D'Alema insieme a Condoleezza Rice il 16 giugno 2006.

È stata nominata da Bush, il 16 novembre 2004, a succedere Colin Powell alla Segreteria di Stato degli Stati Uniti d'America; nel ruolo di Consigliere per la Sicurezza Nazionale viene rimpiazzata da Stephen Hadley.

Il 26 gennaio 2005 il Senato conferma la nomina con 85 voti a favore e 13 contro. Il grande numero di voti contrari (si tratta del più alto numero di voti contrari per la nomina di un segretario di Stato dal 1825) provenne da quei senatori che volevano così esprimere biasimo per "il fallimento della Rice e dell'amministrazione Bush in Iraq e nella lotta al terrorismo". Il punto fondante di tale critica, secondo tali senatori, era che la Rice aveva agito irresponsabilmente equiparando il regime di Hussein al terrorismo islamico[5]

Al 9 gennaio 2009, il segretario di Stato Rice ha visitato un totale di 85 paesi[6].

La Rice è stata criticata per la sua attività durante la presidenza di George W. Bush sia all'interno degli Stati Uniti sia all'estero in relazione alla guerra contro l'Iraq. Proteste, ad esempio, si sono avute per una sua visita all'Università di Princeton[7] e al Boston College[8]. Analoghe manifestazioni di protesta si sono avute anche all'estero[9].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo (Colombia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Thomson-Gale, Condoleezza Rice Notable Biography, Encyclopedia of World Biography. URL consultato il 6 aprile 2009.
  2. ^ Condoleezza Rice: My life. Times. Books. October 16 2010.
  3. ^ Condoleezza Rice piano. Brahms Piano Quintet, 2nd movement. At the Benedict Music Tent in Aspen CO. Aspen Music Festival and School. August 2, 2008.
  4. ^ Italia-Usa. Un messaggio di Amicizia di Condoleezza Rice. America oggi. 19 settembre 2007.
  5. ^ (EN) Senator Robert Byrd, Standing for the Founding Principles of the Republic: Voting No on the Nomination of Dr. Rice as Secretary of State, 25 gennaio 2005. URL consultato il 9 aprile 2009.
  6. ^ (EN) Travels With the Secretary, 9 gennaio 2009. URL consultato il 6 aprile 2009.
  7. ^ (EN) Michael Juel-Larsen, Students, community members protest Rice's visit, The Daily Princetonian, 30 settembre 2005. URL consultato il 6 aprile 2009.
  8. ^ (EN) Steve Almond, Condoleezza Rice at Boston College? I quit, The Boston Globe, 12 maggio 2006. URL consultato il 6 aprile 2009.
  9. ^ (EN) Rice visit meets with protests, BBC News, 31 marzo 2006. URL consultato il 6 aprile 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America Successore
Colin Powell 2005-2009 Hillary Diane Rodham Clinton

Controllo di autorità VIAF: 74770818 LCCN: n82242801