Laurea honoris causa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una laurea honoris causa, o ad honorem (locuzioni latine per "laurea a scopo di onore"), è un titolo accademico onorifico conferito da una università (o da altra istituzione equivalente) a una persona che si sia distinta in modo particolare, nella materia di laurea, nel corso della propria vita.[1]

Honoris causa un ateneo può anche conferire una laurea alla memoria di uno studente defunto che aveva intrapreso il percorso di studi senza poterlo concludere. Tale titolo è stato spesso assegnato, per esempio, ad universitari arruolati nell'esercito e caduti in tempo di guerra.

Legislazione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il dettato dell'art. 169 del testo unico approvato con regio decreto 1592/1933, può essere conferita soltanto a persone che, per opere compiute o pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Facoltà per cui è concessa. Inoltre, l'articolo 331 autorizza i rettori delle università "a conferire a titolo d'onore la laurea o il diploma agli studenti militari caduti in guerra e agli studenti che, dopo la guerra, sono caduti per la redenzione della patria e per la difesa della vittoria".

Metodologie di conferimento[modifica | modifica wikitesto]

Tipicamente questa laurea viene conferita nel corso di una cerimonia in pompa magna, in concomitanza con le usuali cerimonie di laurea. Il ricevente viene invitato a tenere un discorso di accettazione davanti alla facoltà riunita e agli altri laureati, evento che spesso costituisce il punto saliente della cerimonia.

Le università possono nominare ogni anno diversi riceventi per questi titoli onorifici. Le candidature passano attraverso vari comitati prima di essere approvate definitivamente dal Ministro per l'Università e la Ricerca. I nominati vengono avvertiti solo dopo un'approvazione ed un invito formale.

Utilizzo e titolo relativo[modifica | modifica wikitesto]

Colui che riceve una laurea honoris causa è laureato a tutti gli effetti. L'assegnazione di una laurea honoris causa permette di fregiarsi della qualifica accademica di dottore. Per analogia iuris vengono rilasciati honoris causa anche lauree specialistiche e dottorati di ricerca, con le rispettive qualifiche di dottore magistrale e dottore di ricerca.

L'ordinamento italiano è uno dei rari casi al mondo in cui il titolo honoris causa è principalmente associato al diploma di laurea. Nella maggioranza degli altri paesi il riconoscimento di particolari meriti scientifici è comunemente premiato con il conferimento del titolo di dottore di ricerca honoris causa. Tale incongruenza è da mettere in relazione alla particolarità dell'uso del titolo di "dottore" nell'ordinamento italiano rispetto all'uso internazionale.

Attribuzioni discutibili[modifica | modifica wikitesto]

Recentemente[non chiaro], alcune università sono state accusate[da chi?] di concedere titoli accademici onorari in cambio di donazioni in denaro o per mera pubblicizzazione del proprio ateneo: gli accusatori sostengono che tali elargizioni svalutano il valore del titolo e rappresentino un poco nobile tentativo di rimpinguare le casse universitarie o di ottenere l'attenzione dei mezzi di comunicazione di massa e del pubblico[2].

Lauree honoris causa sono state attribuite al cantautore Vasco Rossi dalla Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano, al conduttore di programmi televisivi Michele Mirabella dall'Università di Ferrara, al motociclista Valentino Rossi dall'Università di Urbino, alla cantautrice Ivana Spagna dall'Università di Roma (5 dicembre 2008), all'attore comico Roberto Benigni da nove diversi Atenei: Ben Gurion 1999 (Filosofia), Bologna 2002 (Lettere), Milano 2003 (Psicologia) Firenze (Filologia Moderna) e Lovanio (Lettere) 2007, Malta (Lettere) e Touro University (Arti della Comunicazione) 2008, Unical Cosenza 2011 (Filologia Moderna), Salonicco (Letteratura Italiana) 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Accademia della Crusca, Laurea ad honorem o laurea honoris causa?, 11 marzo 2011. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  2. ^ BeppeGrillo.it, Lauree: iniziano i saldi del 16 giugno 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

università Portale Università: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di università