Samantha Cristoforetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Samantha Cristoforetti
Samantha Cristoforetti portrait.jpg
Astronauta dell'ESA/ASI
Nazionalità Italia Italia
Status In attività
Data di nascita 26 aprile 1977 ( Milano ) in Lombardia
Data della scelta 2009 (gruppo ESA)
Primo lancio 23/11/14 22:01
Altre attività Pilota
Tempo nello spazio 4 mesi e 6 giorni
Numero EVA 0
Missioni

2 (Sojuz TMA-15M)

Samantha Cristoforetti (Milano, 26 aprile 1977) è un'aviatrice, ingegnere e astronauta italiana, prima donna italiana negli equipaggi dell'Agenzia Spaziale Europea e prima donna italiana nello spazio.

Samantha Cristoforetti
26 aprile 1977
Nato a Milano
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Aeronautica Militare
Specialità Astronauta
Pilota militare
Anni di servizio 2001-
Grado Capitano
Studi militari

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Milano nel 1977[1] ma originaria di Malè (Trentino), dove è cresciuta[2], ha compiuto gli studi superiori dapprima a Bolzano e poi a Trento[3], laureandosi in ingegneria meccanica all'Università Tecnica di Monaco di Baviera, in Germania.

Nel 2001 è ammessa all'Accademia Aeronautica di Pozzuoli, uscendone nel 2005 come ufficiale del ruolo navigante normale e con la laurea in Scienze aeronautiche presso la Federico II[4][5]. Successivamente si specializza negli Stati Uniti presso la Euro-Nato Joint Jet Pilot Training di Wichita Falls in Texas[6].

Nel suo curriculum operativo figura il servizio presso il 61º Stormo di Galatina, il 32º Stormo (Aeroporto di Amendola) e il 51º Stormo di Istrana, prima nell'ambito della Squadriglia Collegamenti (2007-2008) e poi del 132º Gruppo Cacciabombardieri (2009), e l'abilitazione al pilotaggio degli aeromobili Aermacchi SF-260, Cessna T-37 Tweet, Northrop T-38 Talon, Aermacchi MB-339A, Aermacchi MB-339CD e AMX[6].

A maggio 2009 è selezionata come astronauta dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA) come prima donna italiana e terza europea in assoluto dopo la britannica Helen Sharman (1991) e la francese Claudie Haigneré (2001)[7], risultando tra le sei migliori di una selezione alla quale avevano preso parte 8 500 candidati[7].

La prima missione cui Cristoforetti prende parte, della durata di circa 6-7 mesi, è denominata ISS Expedition 42/43 Futura[8] e prevede, il 22 novembre 2014, il raggiungimento della Stazione Spaziale Internazionale a bordo di un veicolo Sojuz[9]; si tratta della prima missione di una donna italiana nello spazio[10][11], e del settimo astronauta italiano, preceduta sulla ISS da Umberto Guidoni, Paolo Nespoli, Roberto Vittori e Luca Parmitano. Nel programma della missione vi sono esperimenti sulla fisiologia umana, analisi biologiche e la stampa 3D in assenza di peso in modo da sperimentare anche la possibilità di stampare pezzi di ricambio per la stazione stessa senza dover dipendere dagli invii da terra[12][13]. Inoltre la stessa Cristoforetti rimane periodicamente attiva sui social network per comunicare e condividere la bellezza e le scoperte dallo spazio.

Cristoforetti parla italiano (madrelingua), tedesco, inglese, francese[12], nonché il russo, utilizzato nelle comunicazioni tra la stazione spaziale e il centro di controllo a terra presso il cosmodromo di Bajkonur[12].

Il 12 febbraio 2015, durante la terza serata del Festival di Sanremo, è stata presentata un'intervista fattale poche ore prima da Carlo Conti in collegamento con la stazione spaziale internazionale.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 6 marzo 2013. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[14]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Le è stato dedicato un asteroide, 15006 Samcristoforetti[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Samantha Cristoforetti — Astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Europea, 7 maggio 2010. URL consultato l'8 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2013).
  2. ^ Dalla Val di Sole allo spazio in in Trentino, 2 agosto 2012. URL consultato l'8 aprile 2014 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2014).
  3. ^ Marco Marangoni, Samantha Cristoforetti si addestra per la missione spaziale di novembre, Alto Adige, 17 febbraio 2014. URL consultato il 24 novembre 2014.
  4. ^ Il Capitano Cristoforetti sull'ISS nel 2014, Aeronautica Militare, 3 luglio 2012. URL consultato l'8 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).
  5. ^ http://www.asi.it/it/flash/abitare/samantha_cristoforetti
  6. ^ a b Il Capitano Cristoforetti sulla Stazione Spaziale Internazionale, da aeronautica.difesa.it, 03/07/2012
  7. ^ a b Come si diventa astronauta? Lo spiega Samantha Cristoforetti in Gravità zero, 10 febbraio 2011. URL consultato l'8 aprile 2014 (archiviato dall'originale il 16 febbraio 2011).
  8. ^ Disegna la missione di Samantha Cristoforetti, Agenzia Spaziale Italiana, 4 dicembre 2013. URL consultato il 9 aprile 2014.
  9. ^ L'astronauta dell'ESA Samantha Cristoforetti volerà sulla Stazione Spaziale nel 2014, Agenzia Spaziale Europea, 3 luglio 2012. URL consultato l'8 aprile 2014.
  10. ^ Astronauti ESA: due italiani, per la prima volta una donna, Agenzia Spaziale Italiana, 20 maggio 2009. URL consultato l'8 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2010).
  11. ^ La prima donna italiana nello spazio andrà in orbita nel 2014 in La Stampa, 3 luglio 2012. URL consultato l'8 aprile 2014.
  12. ^ a b c Tommaso Lorenzini, Samantha Cristoforetti, la prima italiana nello spazio: "Basta saper fare un po' di tutto" in Libero, 4 aprile 2014. URL consultato il 9 aprile 2014.
  13. ^ Samantha Cristoforetti è in orbita nello spazio
  14. ^ http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=328391
  15. ^ (EN) M.P.C. 91791 del 5 gennaio 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]