Edmund Randolph

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edmund Randolph
EdmundRandolph.jpeg

Segretario di Stato degli Stati Uniti
Durata mandato 2 gennaio 1794 - 20 agosto 1795
Predecessore Thomas Jefferson
Successore Timothy Pickering

Procuratore generale degli Stati Uniti
Durata mandato 26 settembre 1789 - 26 gennaio 1794
Successore William Bradford

Governatore della Virginia
Durata mandato 1º dicembre 1786 - 1º dicembre 1788
Predecessore Patrick Henry
Successore Beverley Randolph

Dati generali
Partito politico Federalista
Firma Firma di Edmund Randolph

Edmund Randolph (Williamsburg, 10 agosto 1753Millwood, 12 settembre 1813) è stato un politico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu il secondo segretario di Stato degli Stati Uniti sotto il presidente degli Stati Uniti d'America George Washington (1º presidente).

Nato da un'importante famiglia della Virginia, i Randolph, i suoi genitori furono Ariana Jennings Randolph e John Randolph. Venne educato al College di William e Mary. Lavorò come avvocato con suo padre e suo zio Peyton Randolph, il presidente del primo congresso Continentale, fino alla morte di quest'ultimo (Ottobre 1775).

Durante la Guerra di indipendenza americana prestò servizio nella Continental Army, successivamente, dopo la morte dello zio, nel novembre del 1776 diventò sindaco della città di Williamsburg.[1] In seguito divenne anche rettore dell'istituto dove venne educato.

Vita politica[modifica | modifica wikitesto]

Come delegato dello stato della Virginia, presentò al Congresso Continentale (era il delegato più giovane[2]) il piano della Virginia (progetto quasi interamente di James Madison), ovvero la proposta di un parlamento diviso in due parti dove vi fosse carattere di proporzionalità fra parlamentari e popolazione fra i vari Stati componenti degli Stati Uniti (preferendo dunque di fatto gli Stati più popolosi rispetto agli altri).[3]

Il piano venne poi preferito all'alternativo piano del New Jersey; la Costituzione degli Stati Uniti è dunque una versione modificata della proposta fatta da Edmund, egli fu uno dei sedici delegati (all'Assemblea Costituzionale) che non la firmarono.

Durante il mandato come Procuratore generale degli Stati Uniti affrontò diversi casi importanti, come il caso Chisholm contro Georgia, la prima decisione di notevole importanza emessa dalla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposò nel 29 agosto 1776 Elizabeth Nicholas (figlia di Robert Carter Nicholas) da cui ebbe 6 figli, fra cui Peyton Randolph (governatore della Virginia dal 1811 al 1812).

Corrispondeva con il ministro francese, Joseph Fauchet, ma le lettere furono intercettate dalla marina britannica e consegnate a Washington; le missive raccontavano segreti di stato ed esprimevano in un linguaggio non consono pareri sulle questioni interne. Ciò costò le sue dimissioni nell'agosto 1795, mentre le spiegazioni fornite a proposito da Randolph non vennero accettate.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Venne eretto un monumento in suo onore nel 1940 a Millwood[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edward S. Mihalkanin, American statesmen: secretaries of state from John Jay to Colin Powell, Greenwood Publishing Group, 2004, p. 416, ISBN 978-0-313-30828-4.
  2. ^ Edmund Randolph, History of Virginia Volume 9 di Virginia Historical Society documents, Published for the Virginia Historical Society [dalla] University Press of Virginia, 1970, p. XII.
  3. ^ A. Jones Maldwyn, Storia degli Stati Uniti d'America dalle prime colonie inglesi ai giorni nostri, Bompiani, 2007, p. 68, ISBN 978-88-452-3357-9.
  4. ^ Ralph Edward Weber, United States diplomatic codes and ciphers, 1775-1938, Transaction Publishers, 1979, p. 129, ISBN 978-0-913750-20-9.
  5. ^ John R. Vile, The Constitutional Convention of 1787: a comprehensive encyclopedia of America's founding, Volume 1, ABC-CLIO, 2005, p. 649, ISBN 978-1-85109-669-5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edward S. Mihalkanin, American statesmen: secretaries of state from John Jay to Colin Powell, Greenwood Publishing Group, 2004, ISBN 978-0-313-30828-4.


Predecessore Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America Successore
Thomas Jefferson 1794-1795 Timothy Pickering
Predecessore: Procuratore generale degli Stati Uniti d'America Successore: Simbolo del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti
26 settembre 1789 - 26 gennaio 1794 William Bradford
Procuratori generali degli Stati Uniti d'America
RandolphBradfordLeeLincolnSmithBreckinridgeRodneyPinkneyRushWirtBerrienTaneyButlerGrundyGilpinCrittendenLegaréNelsonMasonCliffordTouceyJohnsonCrittendenCushingBlackStantonBatesSpeedStanberryEvartsHoarAkermanWilliamsPierrepontTaftDevensMacVeaghBrewsterGarlandMillerOlneyHarmonMcKennaGriggsKnoxMoodyBonaparteWickershamMcReynoldsGregoryPalmerDaughertyStoneSargentW. D. MitchellCummingsMurphyJacksonBiddleT. C. ClarkMcGrathMcGraneryBrownellRogersKennedyKatzenbachW. R. ClarkJ. N. MitchellKleindienstRichardsonSaxbeLeviBellCivilettiSmithMeeseThornburghBarrRenoAshcroftGonzalesMukaseyHolder
Predecessore: Governatore della Virginia Successore: Simbolo dello stato della Virginia
Patrick Henry 1º dicembre 1786 - 1º dicembre 1788 - 1º dicembre 1786 Beverley Randolph
Governatori della Virginia
Henry · Jefferson · Fleming · Nelson · Harrison · Henry · E. Randolph · B. Randolph · H. Lee · Brooke · Wood · Monroe · Page · Cabell · Tyler Sr. · Monroe · G. Smith · Barbour · Nicholas · Preston · T. Randolph · Pleasants · Tyler Jr. · Giles · J. Floyd · Tazewell · Campbell · Gilmer · McDowell · W. "EB" Smith · J.B. Floyd · Johnson · Wise · Letcher · W. "EB" Smith · Walker · Kemper · Holliday · Cameron · F. Lee · McKinney · O'Ferrall · J.H. Tyler · Montague · Swanson · Mann · Stuart · Davis · Trinkle · Byrd · Pollard · Peery · Price · Darden · Tuck · Battle · Stanley · Almond · A. Harrison · Godwin · Holton · Godwin · Dalton · Robb · Baliles · Wilder · Allen · Gilmore · Warner · Kaine · McDonnell

Controllo di autorità VIAF: 70196696 LCCN: n79004230