John Jay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Jay
John Jay ritratto da Gilbert Stuart

John Jay ritratto da Gilbert Stuart


1º Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti
Durata mandato 26 settembre 1789 - 29 giugno 1795
Successore John Rutledge

Governatore di New York
Durata mandato 1º luglio 1789 - 30 giugno 1801
Predecessore George Clinton
Successore George Clinton

Presidente del Congresso Continentale
Durata mandato 10 dicembre 1778 - 28 settembre 1779
Predecessore Henry Laurens
Successore Samuel Huntington

Dati generali
Professione Avvocato

John Jay (New York, 12 dicembre 1745Bedford, 17 maggio 1829) è stato un politico, diplomatico e rivoluzionario statunitense. È stato uno dei padri fondatori degli Stati Uniti, presidente del Congresso Continentale nel biennio 1778-1779 e, dal 1789 al 1795, presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti. Durante e dopo la guerra di indipendenza americana fu ambasciatore in Spagna e Francia, gettando le basi per una politica estera statunitense ed ottenendo delle condizioni favorevoli per la pace con l'Impero britannico (Il trattato di Jay) e la Francia. Scrisse in collaborazione con Alexander Hamilton e James Madison i Federalist Papers.

Come leader del nuovo Partito Federalista, Jay venne eletto governatore di New York dal 1795 al 1801 e divenne il principale oppositore politico della schiavitù nello stato. I suoi primi due tentativi di far approvare una legge sull'emancipazione, rispettivamente nel 1777 e nel 1785, fallirono, ma il terzo ebbe successo nel 1799. La nuova legge permise l'emancipazione di tutti gli schiavi di New York prima della sua morte.

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Nascita[modifica | modifica sorgente]

John Jay nacque il 12 dicembre 1745 e fu il sesto figlio di una ricca famiglia di mercanti di newyorkesi.[1][2] La famiglia di Jay era di origini francesi, di confessione ugonotta, e per la maggior parte risiedeva a New York.[3] Nel 1685 l'editto di Nantes venne revocato, abolendo i diritti dei protestanti e permettendo così la confisca delle loro proprietà. Il provvedimento spinse il nonno paterno di John Jay, August Jay, a trasferirsi con la famiglia a New York.[2] Il figlio di August, Peter, sposò Mary Van Cortlandt, ed ebbe con lei dieci figli, ma solo sette di loro sopravvissero.[4] Dopo la nascita di John Jay, la famiglia si trasferì nella città Rye, nella contea di Westchester, in cerca di un ambiente più sano; due dei suoi fratelli vennero resi ciechi dall'epidemia del vaiolo del 1739 e soffrivano di handicap mentali.

Educazione[modifica | modifica sorgente]

Jay passò l'infanzia a Rye, e prese le stesse posizioni politiche del padre, il quale era un convinto whig.[5] John Jay venne educato da insegnanti privati fino ad otto anni, quando venne mandato a studiare dal pastore anglicano Pierre Stoupe. Nel 1756, tre anni dopo, ritornò a studiare a casa sotto la tutela di George Murray. Nel 1760 Jay continuò i suoi studi al King's College, fondato sedici anni prima e precursore della Columbia University.[6] Quattro anni dopo si laureò[7] e iniziò il praticantato nello studio legale di Benjamin Kissam.[4]

L'avvocatura e l'ingresso nella politica[modifica | modifica sorgente]

Nel 1768, dopo essere stato ammesso al foro di New York, iniziò ad esercitare la professione con Robert R. Livingston finché non creò un proprio ufficio legale nel 1771.[4] Nel 1774 fu un membro del New York Commettee of Correspondence.[8]

Il suo primo ruolo pubblico fu come segretario del Commettee of Correspondence di New York, dove rappresentò l'ala conservatrice, la quale aveva come obiettivo la tutela dei diritti di proprietà e la preservazione dello stato di diritto, mentre contrastava le violazioni dei diritti degli americani da parte dei britannici. Temeva inoltre la prospettiva di una legge mob. Jay riteneva fossero sbagliate le tasse imposte dall'impero britannico e sosteneva che era moralmente e legalmente giustificato opporsi ad esse, ma come delegato per il primo Congresso Continentale del 1774 si schierò con coloro che cercavano una conciliazione con il parlamento. Eventi come l'incendio di Norfolk da parte dell'esercito britannico nel gennaio 1776 spinsero Jay a schierarsi con gli indipendentisti. Con lo scoppio della guerra lavorò senza sosta per la causa rivoluzionaria e la repressione dei lealisti. Così Jay, una volta compresa l'inutilità dei tentativi di riconciliazione delle Tredici colonie con l'impero britannico e che gli sforzi per l'indipendenza sarebbero inevitabilmente sfociati nella guerra di indipendenza americana, divenne prima un moderato e poi un ardente patriota.[9]

Durante la guerra di indipendenza[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra di indipendenza americana.
Il Trattato di Parigi, Jay è il primo sulla sinistra

Con la reputazione di "ragionevole moderato" a New York, Jay venne inviato come delegato al primo e al secondo congresso continentale, nei quali si discuteva se le colonie dovessero o meno dichiarare la propria indipendenza. Cercò la conciliazione con l'impero britannico fino alla Dichiarazione di indipendenza. Le idee di John Jay divennero più radicali con l'evolversi degli eventi; divenne un convinto patriota e cercò di spingere la Provincia di New York verso l'indipendenza.

Nel 1774, alla chiusura del primo congresso continentale, Jay ritornò a New York.[10] Entrò a far parte del congresso dei sessanta[11] e tentò di far rispettare un accordo di non-importazione approvato dal primo congresso continentale.[10] Jay venne eletto al terzo congresso provinciale di New York, dove elaborò la costituzione di New York del 1777;[12] la sua carica come membro del congresso gli impedì di votare e firmare la dichiarazione di indipendenza.[10][13] Jay aiutò il comitato a trovare e neutralizzare cospirazioni, monitorando le azioni britanniche.[14] Il congresso provinciale elesse Jay come presidente della corte suprema di New York l'8 maggio 1777,[10][15], carica che mantenne per due anni.[10]

Jay fu presidente del congresso continentale dal 10 dicembre 1778 al 28 settembre 1779. Il congresso continentale si rivolse a John Jay, un avversario del precedente presidente Henry Laurens,[13] solo tre giorni dopo la sua nomina a delegato e lo elesse come presidente; otto stati votarono per Jay e quattro per Laurens.[16]

Come diplomatico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trattato di Parigi (1783).

Il 27 settembre 1779, dimessosi da presidente del congresso, venne nominato ambasciatore in Spagna, dove venne inviato con lo scopo di ottenere aiuti finanziari, contratti commerciali e il riconoscimento dell'indipendenza americana. La corte reale di Spagna non lo ricevette ufficialmente come ambasciatore[17] e non riconobbe l'indipendenza americana fino al 1783, temendo tale mossa potesse scatenare la rivoluzione nelle proprie colonie. Jay, comunque, riuscì ad ottenere dalla Spagna un prestito di 170.000 dollari.[18] Partì dalla Spagna il 20 maggio 1782.[17]

Il 23 giugno dello stesso anno Jay raggiunse Parigi, dove si tennero i negoziati per la porre fine alla guerra di indipendenza.[19] Benjamin Franklin era il diplomatico più esperto nel gruppo, e Jay desiderava stargli vicino per imparare da lui.[20] Gli Stati Uniti accettarono di negoziare con l'impero britannico separatamente, e poi con la Francia.[21][22] Nel giugno 1782, il conte di Shelburne offrì l'indipendenza agli americani, ma Jay rifiutò sulla base del fatto che non riconobbe l'indipendenza durante i negoziati; il dissenso di Jay bloccò le trattative fino alla sua caduta.[21] Il trattato finale stabilì che gli Stati Uniti avevano diritto di pesca in Terranova (estendendo così il confine occidentale), mentre l'impero britannico avrebbe riconosciuto gli Stati Uniti come indipendenti e ritirato le proprie truppe in cambio del dissequestro dei beni dei lealisti e il pagamento dei debiti privati[21][23] Il trattato garantì l'indipendenza agli Stati Uniti, ma lasciò molte regioni di confine in disputa, e molte delle sue condizioni non vennero rispettate.[21]

Segretario degli affari esteri[modifica | modifica sorgente]

Jay venne nominato segretario degli affari esteri, incarico che ricoprì dal 1784 al 1789, quando in settembre il congresso approvò una legge che dava ulteriori responsabilità nazionali al nuovo dipartimento e cambiò ne nome in dipartimento di Stato. Jay mantenne la carica di segretario di stato degli Stati Uniti fino al 22 marzo 1790. Jay cercò di costruire una stabile e duratura politica estera:

  • per ottenere il riconoscimento dell'indipendenza della nuova nazione da importanti e affermate potenze straniere europee
  • dare vita ad uno stabile sistema finanziario, con una moneta e un sistema di credito stabili e ridurre così i prestiti finanziari da parte delle banche europee
  • per ripagare i creditori e il forte debito contratto dallo stato per i costi della guerra
  • per assicurare alle neonate nazioni confini territoriali più vantaggiosi possibili e proteggerle contro le incursioni di pellerossa, spagnoli, francesi e britannici
  • risolvere le controversie tra le colonie stesse, assicurare il diritto di pesca in Terranova, stabilire un forte commercio marittimo di beni americani con nuovi partner commerciali, proteggere le navi commerciali americane dalla pirateria, preservare la reputazione dell'America e per unire politicamente le nazioni sotto i neonati Articoli della Confederazione.[24]

Jay era convinto che la sua responsabilità non fosse supportata da un giusto livello di autorità, così si unì ad Alexander Hamilton e James Madison in modo da creare un governo più forte di uno dettato dagli Articoli della Confederazione.[4][25] Sostenne nel suo Address to the People of the State of New-York, on the Subject of the Federal Constitution[26] che gli Articoli della Confederazione erano troppo deboli ed inefficaci per formare un governo:

« Dalla Confederazione così com'è adesso, la direzione degli affari generali e nazionali è assegnata ad un singolo gruppo di uomini, vale a dire il congresso. Essi possono fare la guerra, ma non hanno il potere di radunare uomini o denaro per sostenerla - possono fare la pace, ma senza il potere di dettarne i termini, possono dar vita ad alleanze, ma senza la capacità di assentire alle condizioni delle parti, possono stipulare trattati commerciali, ma senza il potere di farli rispettare né in patria né all'estero [...] In breve, possono consultare, deliberare, consigliare e fare richieste, ed essere grati se vengono tenuti in considerazione.[27] »
(John Jay, da Extract from an Address to the People of the State of New-York, on the subject of the Federal Constitution.)

Federalist Papers (1788)[modifica | modifica sorgente]

Jay non partecipò alla Convenzione di Filadelfia ma si unì ad Hamilton e Madison in un aggressivo dibattito in favore della creazione di un nuovo sistema di governo, più potente, centralizzato e bilanciato. Scrivendo con lo pseudonimo condiviso di "Publius"[28] chiarirono questa visione della Convenzione in ottantacinque articoli per convincere la cittadinanza a ratificare la proposta Costituzione degli Stati Uniti.[29] Jay scrisse il secondo, il terzo, il quarto, il cinquantesimo e il sessantaquattresimo articolo. Tranne l'ultimo, tutti gli altri articoli riguardavano il pericolo derivante dalle forze ed influenze straniere.[30]

Presidente della Corte Suprema[modifica | modifica sorgente]

Il popolo è il sovrano di questo paese, e di conseguenza questi concittadini e sovrani non possono essere degradati dal comparire a vicenda nei rispettivi tribunali per vedere risolte le loro controversie. Il popolo ha motivo di apprezzare e gioire di questi preziosi privilegi, e non dovrebbe dimenticare che niente tranne la libera condotta delle leggi costituzionali e del governo possono assicurare il loro mantenimento e godimento. Per le ragioni di cui sopra, sono chiaramente dell'opinione che uno stato sia processabile dai cittadini di un altro stato.[31]

—John Jay

Nel 1789 George Washington offrì l'incarico di segretario di stato a John Jay, il quale rifiutò, così Washington lo nominò presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti, il primo della storia;[25] Washington nominò John Blair, William Cushing, James Wilson, James Iredell e John Rutledge giudici associati.[32] Jay successivamente nominò il giudice Thomas Johnson[33] al posto di John Rutledge,[34] e successivamente William Paterson al posto dello stesso Johnson.[34] La corte venne chiamata a pronunciarsi poche volte nei primi tre anni.[32]

Nella causa Chisholm contro Georgia, la corte di Jay diede una risposta alla domanda: «È lo stato della Georgia soggetto alla giurisdizione della Corte Suprema e del governo federale?»[35] Con una maggioranza di 4 a 1 (l'unico contrario era Iredell), la corte deliberò in favore dei lealisti della Carolina del Sud che videro le loro terre annesse alla Georgia. Dopo questa decisione si aprì un dibattito, così come fu implicito che i vecchi debiti dovessero essere pagati ai lealisti.[32] La decisione venne ribaltata quando il senato ratificò l'undicesimo emendamento, il quale dice che la magistratura non può pronunciarsi su un caso in cui uno stato viene citato in giudizio da un cittadino di un altro stato o di una nazione straniera.[4][32] Il caso venne quindi riportato di fronte alla Core Suprema (Georgia contro Brailsford), e la corte ribaltò la precedente decisione.[36][37] In ogni caso, la prima decisione della corte di John Jay stabilì che gli stati erano soggetti alla revisione giudiziaria.[35][38]

Nel caso Hayburn, la Corte deliberò che i tribunali non potevano conformarsi ad una legge federale che richiedesse alla corte stessa di decidere sulle singole petizioni dei veterani della guerra di indipendenza riguardanti la loro qualifica per il pensionamento, in quanto determinare se i firmatati fossero o meno qualificati era un «provvedimento [...] di natura non giuridica»,[39] e dato che lo statuto permetteva al legislatore e all'esecutivo di rivedere le decisioni delle corti, lo statuto violava la separazione dei poteri come imposto dalla costituzione degli Stati Uniti.[39][40][41]

Annullamento della giuria[modifica | modifica sorgente]

Nel 1774 John Jay disse ad una giuria civile durante un giro nel circuito giudiziario che «avete [...] diritto a prendere voi stessi l'impegno di [...] giudicare la legge così come il fatto in discussione». Jay fece poi notare alla giuria la «buona vecchia regola, che sulle discussioni del fatto la competenza è della giuria, sulle discussioni della legge è competenza della corte decidere, ma questo equivale niente di più che ad una presunzione che il giudice sia corretto circa legge. In definitiva, entrambe le questioni [la legge e i fatti] sono legalmente all'interno del vostro potere decisionale».[42][43]

1792: candidato a governatore di New York[modifica | modifica sorgente]

Nel 1792 Jay fu il candidato federalista a governatore di New York, ma venne sconfitto dal democratico George Clinton. Jay in realtà ricevette più voti di Clinton, ma per alcuni vizi di procedura nelle operazioni di voto di nelle contee di Otsego, Tioga e Clinton le contee vennero escluse e i loro voti non conteggiati, dando così a Clinton una leggera maggioranza.[44] La costituzione dice che i voti assegnati devono essere consegnati al Segretario di Stato «dallo sceriffo o dal suo vice», ma, ad esempio, il mandato dello sceriffo della contea di Otsego scadde, così quando avvennero le elezioni l'ufficio dello sceriffo era ancora vacante, e nessuno era autorizzato a consegnare i voti al Segretario di Stato. I sostenitori di Clinton nel corpo legislativo, nei tribunali dello stato e negli uffici federali furono risoluti nel non accettare alcuna obiezione riguardo alla legittimità del voto, e che quanto successo equivalesse a sottrarre il diritto costituzionale di voto agli elettori in quelle contee.[45]

Il trattato di Jay[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trattato di Jay.

Le relazioni con l'Impero britannico rasentarono la guerra nel 1794. Le esportazioni britanniche dominavano il mercato degli Stati Uniti, mentre quelle statunitensi erano bloccate da restrizioni e tasse commerciali britanniche. L'impero britannico continuò l'occupazione dei forti nel nord che aveva promesso di abbandonare con il trattato di Parigi. L'arruolamento forzato dei marinai americani da parte dei britannici e il sequestro delle forniture navali e militari in viaggio verso porti nemici su navi neutrali fu un altro motivo di tensione.[46]

Madison propose una guerra commerciale, «Un sistema diretto di ostilità commerciale con la Gran Bretagna», supponendo che i britannici fossero piuttosto indeboliti dalla guerra contro la Francia e favorevoli quindi ad accettare le condizioni americane e non dichiarare la guerra.[47] Washington respinse questa politica e inviò Jay in Gran Bretagna per negoziare un nuovo trattato; Jay mantenne la carica di Presidente della Corte Suprema di Giustizia. Washington ordinò ad Alexander Hamilton di scrivere le istruzioni che dovevano guidare Jay nelle trattative.[48] Nel marzo 1795 il trattato, conosciuto come Trattato di Jay, vene portato a Filadelfia.[48] Quando Hamilton, nel tentativo di mantenere le buone relazioni, informò i britannici che gli Stati Uniti non volevano unirsi ai governi danese e svedese per difendere la propria neutralità, Jay perse gran parte della sua influenza. Il trattato comunque tolse il controllo dai posti di frontiera del nord-ovest all'Impero britannico[49] e garantì agli Stati Uniti lo status di «nazione più favorita»,[46] mentre gli Stati Uniti accettarono di limitare le loro attività commerciali nelle Indie Occidentali Britanniche.[46] Washington firmò il trattato e il senato lo approvò con una maggioranza di 20 a 10.[46][49]

Il trattato comunque non servì a sedare le rimostranze americane sul diritto di navigazione neutrale e l'arruolamento forzato,[50] e i repubblicani ne fecero denuncia, ma Jay, come Presidente della Corte Suprema, decise di non prendere parte al dibattito.[51] Il mancato risarcimento per gli schiavi rubati dai britannici durante la rivoluzione «fu la più importante delle regioni della risentita opposizione del sud».[52] Jefferson e Madison temevano che un'alleanza con le forze aristocratiche britanniche potesse indebolire il repubblicanesimo, avvantaggiando così l'opposizione. Comunque Jay, appoggiato dal neonato partito federalista di Hamilton e da Washington, vinse la battaglia con la pubblica opinione.[53]

Washington mise a repentaglio il suo prestigio a causa del trattato e Hamilton e il partito federalista mobilitarono l'opinione pubblica. Il senato ratificò il trattato con una maggioranza di 20 voti a 10, appena sufficiente a raggiungere il quorum dei due terzi. Dopo l'approvazione del trattato vennero scritti dei graffiti vicino alla casa di Jay, uno dei quali diceva: «Maledetto John Jay. Maledetti tutti quelli che non vogliono maledire John Jay. Maledetti tutti quelli che non vogliono mettere le luci alle finestre e rimangono alzati tutte le notti maledendo John Jay».[54]

Nel 1812 le relazioni tra Stati Uniti e Impero britannico vacillarono. I desideri di un gruppo di membri della House of Representatives, conosciuti come i War Hawks, di acquisire terreni dal Canada e i sequestri di navi americane da parte dei britannici portarono, in parte, alla guerra del 1812.[55]

Governatore di New York[modifica | modifica sorgente]

Mentre era in Gran Bretagna Jay venne governatore dello stato di New York come membro del partito federalista. Rassegnò le dimissioni dalla Corte Suprema e mantenne la carica di governatore fino al 1801. Come governatore ricevette una proposta da Hamulton di manipolare il collegio elettorale di New York per le elezioni presidenziali di quell'anno; Jay si espresse nella lettera "Proposing a measure for party purposes which it would not become me to adopt", la quale venne archiviata senza risposta.[56] Il presidente John Adams poi lo rinominò alla Corte Suprema; il senato lo confermò rapidamente, ma Jay declinò l'offerta citando la sua cattiva salute[25] e la «mancanza della corte dell'energia, l'importanza e la diglità che sono essenziali per il suo supporto al governo nazionale».[57]

Il ritiro e la morte[modifica | modifica sorgente]

Jay declinò la candidatura a governatore proposta dal partito federalista nel 1801 e ritornò alla vita di agricoltore nella contea di Westchester. Subito dopo il ritiro, morì sua moglie.[58] Jay rimase in buona salute, e continuò a fare l'agricoltore rimanendo lontano dalla politica.[59]

La notte del 14 maggio 1829 Jay venne colpito da una paresi, probabilmente dovuta ad un ictus. Visse per altri tre giorni, e morì il 17 maggio.[60] Scelse di essere seppellito in un terreno privato di famiglia nella sua proprietà di Rye, dove era cresciuto. Tale proprietà, che guardava Long Island Sound, rimase di proprietà della famiglia Jay fino al 1904. Una porzione venne inclusa (ed i suoi edifici cono stati ristrutturati per uso educativo) dalla Jay Heritage Center.[61]

Opinioni personali[modifica | modifica sorgente]

Come abolizionista[modifica | modifica sorgente]

Jay fu un leader della lotta alla schiavitù dopo il 1777, quando tentò senza successo di far approvare una legge sull'emancipazione, tentativo che ripeté nel 1785.[62] Nel 1975 Jay fu presidente e fondatore della New York Manumission Society, la quale organizzava boicottaggi contro giornali e mercanti schiavisti e dava consiglio legale per neri liberi rivendicati come schiavi.[63] La società aiutò a mettere in atto la graduale emancipazione degli schiavi nello stato di New York nel 1799, ufficializzata dalla legge approvata da Jay come governatore.

Jay stava sfondando una porta aperta; ogni membro della legislatura (tranne uno) aveva già votato per una forma di emancipazione nel 1785, ma allora discordarono su quali diritti dare ai neri liberati dopo la legge. Aaron Burr supportò questo disegno di legge e introdusse un emendamento per l'abolizione immediata.[64] La legge del 1799, An Act for the Gradual Abolition of Slavery, decretò che, dal 4 luglio di quell'anno, tutti i bambini nati da genitori schiavi erano liberi (soggetti solamente ad apprendistato) e l'esportazione di schiavi venne proibita. A quegli stessi bambini era però richiesto di servire il proprietario della madre fino all'età di ventotto anni per i maschi e venticinque per le femmine. In questo modo la legge da un lato stabilì un tipo di contratto come domestico che stroncò loro qualsiasi libertà.[65] Il 4 luglio 1827 tutti gli schiavi vennero emancipati; il processo fu forse la più vasta emancipazione in America settentrionale prima del 1861,[66] eccetto il reclutamento da parte dell'esercito britannico degli schiavi fuggitivi durante la guerra di indipendenza.[67]

Poco prima delle elezioni del 1792, il lavoro antischiavista di Jay minò le sue possibilità di essere eletto nell'area settentrionale di New York, abitata per lo più da olandesi, dove la schiavitù veniva praticata.[68] Nel 1794 Jay fece arrabbiare i proprietari di schiavi nel sud nella negoziazione del trattato di Jay con l'Impero britannico, quando lasciò cadere le richieste per un risarcimento per gli schiavi di proprietà dei patrioti che erano stati rubati durante la guerra di indipendenza.[50] Jay comprò più volte schiavi per poi liberarli una volta adulti e li pagava in modo tale che avessero un ragionevole guadagno; nel 1798, l'anno prima che la legge sull'emancipazione venisse approvata, ne possedeva otto.[69]

Religione[modifica | modifica sorgente]

Jay era anglicano, una confessione che cambiò nome in Chiesa protestante episcopale degli Stati Uniti d'America dopo la rivoluzione americana. Fin dal 1785 Jay fu un amministratore della Trinity Church di New York. Come Segretario per gli Affari Esteri del Congresso appoggiò la proposta dopo la rivoluzione che l'arcivescovo di Canterbury approvasse l'ordinamento di vescovi per la chiesa episcopale.[69] Sostenne senza successo nel congresso provinciale l'interdizione dei funzionari pubblici cattolici.[70]

In una lettera indirizzata John Murray, membro della Casa dei Rappresentanti della Pennsylvania, datata 12 ottobre 1816, Jay scrisse: «La provvidenza ha dato al nostro popolo la scelta per i loro legislatori, e questo è dovere, così come privilegio ed interesse della nostra nazione cristiana, scegliere e preferire i cristiani come legislatori».[71]

Legacy[modifica | modifica sorgente]

Molte località geografiche hanno adottato il nome di John Jay, come Jay (Maine), Jay (New York), Jay (Vermont), Jay (Indiana) e la Jay Street a Brooklin. Nel 1964 la City University di New York's College of Police Sience cambiò ufficialmente nome in John Jay College of Criminal Justice.

Ci sono anche scuole superiori che hanno cambiato nome in maniera analoga, come a Cross River e Hopewell Junction a New York, e a San Antonio in Texas. La catena di Hotel Best Western cambiò il nome di molti dei suoi hotel il stile coloniale in John Jay Inn.

Agli studenti universitari più meritevoli della Columbia University viene assegnata la John Jay Scholars, e uno dei dormitori dell'università di chiama John Jay Hall. Il John Jay Center nel campus della Robert Mottis University e il John Jay Institute for Faith, Society & Law hanno tale nome in suo onore. La Joy's House, vicino a Katonah, è protetta come National Historic Landmark, così come la John Jay Homestead State Historic Site.[72]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Timeline of the Justices in John Jay 1789-1795, www.supremecourthistory.org. URL consultato il 07.03.2009.
  2. ^ a b Pellew, George: "American Statesman John Jay", page 1. Houghton Mifflin, 1890
  3. ^ (EN) John Jay, The John Jay Institute for Faith, Society and Law. URL consultato il 07.03.2009.
  4. ^ a b c d e (EN) A Brief Biography of John Jay in The Papers of John Jay, Columbia University, 2002. URL consultato il 07.03.2009.
  5. ^ Pellew p.6
  6. ^ Stahr, page 9
  7. ^ (EN) Welcome To New York: 1524 - 1745. URL consultato il 07.03.2009.
  8. ^ (EN) John Jay, www.ushistory.org. URL consultato il 03.07.2009.
  9. ^ Klei (2000)
  10. ^ a b c d e (EN) Jay and New York in The Papers of John Jay, Columbia University, 2002. URL consultato il 07.03.2009.
  11. ^ Stahr, page 443
  12. ^ (EN) The First Constitution, 1777. in The Historical Society of the Courts of the State of New York, New York State Unified Court System. URL consultato il 07.03.2009.
  13. ^ a b (EN) John Jay in NNDB. URL consultato il 07.03.2009.
  14. ^ (EN) James Newcomb, Remembering John Jay, One of Our Founding Fathers in The John Birch Society, 07.03.2009.
  15. ^ (EN) Portrait Gallery in The Historical Society of the Courts of the State of New York, New York State Unified Court System. URL consultato il 07.03.2009.
  16. ^ (EN) Stanley Louis Klos, John Jay in Virtualology.net, Evisium Inc.. URL consultato il 07.03.2009.
  17. ^ a b (EN) United States Department of State: Chiefs of Mission to Spain. URL consultato il 07.03.2009.
  18. ^ (EN) John Jay, Independence Hall Association. URL consultato il 07.03.2009.
  19. ^ Pellew p.166
  20. ^ Pellew p.170
  21. ^ a b c d (EN) Treaty of Paris, 1783 in U.S. Department of State, The Office of Electronic Information, Bureau of Public Affairs. URL consultato il 07.03.2009.
  22. ^ (EN) Stanley L. Klos, Treaty of Paris in Virtuolology.com, Evisum Inc.. URL consultato il 07.03.2009.
  23. ^ (EN) The Paris Peace Treaty of 1783 in The University of Oklahoma College of Law. URL consultato il 07.03.2009.
  24. ^ Whitelock p.181
  25. ^ a b c (EN) John Jay in Find Law. URL consultato il 07.03.2009.
  26. ^ Address to the People of the State of New-York, on the Subject of the Federal Constitution
  27. ^ (EN) Extract from an Address to the people of the state of New-York, on the subject of the federal Constitution., The Library of Congress. URL consultato il 07.03.2009.
  28. ^ WSU retrieved August 31, 2008
  29. ^ (EN) The Federalist Papers in Primary Document in American History, The Library of Congress. URL consultato il 07.03.2009.
  30. ^ (EN) Federalist Papers Authored by John Jay in Foundingfathers.info. URL consultato il 07.03.2009.
  31. ^ (EN) CHISHOLM V. GEORGIA, 2 U. S. 419 (1793) (Court Opinion) in Justia & Oyez. URL consultato il 07.03.2009.
  32. ^ a b c d (EN) The Jay Court ... 1789-1793 in The Supreme Court Historical Society. URL consultato il 07.03.2009.
  33. ^ (EN) Thomas Johnson in Law Library - American Law and Legal Information. URL consultato il 07.03.2009.
  34. ^ a b (EN) Appointees Chart in The Supreme Court Historical Society. URL consultato il 07.03.2009.
  35. ^ a b (EN) Chisholm v. Georgia, 2 U.S. 419 (1793) in The Oyez Project. URL consultato il 07.03.2009.
  36. ^ (EN) Georgia v. Brailsford, Powell & Hopton, 3 U.S. 3 Dall. 1 1 (1794) in Oyez & Justia. URL consultato il 07.03.2009.
  37. ^ (EN) John Jay (1745 - 1829) in The Free Library, Farlex. URL consultato il 07.03.2009.
  38. ^ Johnson (2000)
  39. ^ a b (EN) HAYBURN'S CASE, 2 U. S. 409 (1792) in Justia and Oyez. URL consultato il 07.03.2009.
  40. ^ (EN) Robert J Pushaw Jr, Why the Supreme Court never gets any "Dear John" letters: Advisory opinions in historical perspective in Georgetown Law Journal, Bnet.
  41. ^ (EN) HAYBURN'S CASE in Novelguide.com. URL consultato il 07.03.2009.
  42. ^ We the Jury by Jefferey B Abramson pp.75-76
  43. ^ Mann, Neighbors and Strangers, pp. 75,71
  44. ^ (EN) John Jenkins, History of Political Parties in the State of New-York, Alden & Markham, 1846. URL consultato il 07.03.2009.
  45. ^ (EN) Dr. James Sullivan, The History of New York State, Lewis Historical Publishing Company, 1927. URL consultato il 07.03.2009.
  46. ^ a b c d (EN) John Jay’s Treaty, 1794–95 in U.S. Department of State, The Office of Electronic Information, Bureau of Public Affairs. URL consultato il 07.03.2009.
  47. ^ Elkins and McKitrick p 405
  48. ^ a b Kafer p.87
  49. ^ a b (EN) Jay's Treaty in Archiving Early America. URL consultato il 07.03.2009.
  50. ^ a b (EN) Jame Baird, The Jay Treaty, www.columbia.edu. URL consultato il 07.03.2009.
  51. ^ Estes (2002)
  52. ^ quoting Don Fehrenbacher, The Slaveholding Republic (2002) p. 93; Frederick A. Ogg, "Jay's Treaty and the Slavery Interests of the United States." Annual Report of the American Historical Association for the Year 1901 (1902) 1:275-86 in JSTOR.
  53. ^ Todd Estes, "Shaping the Politics of Public Opinion: Federalists and the Jay Treaty Debate". Journal of the Early Republic (2000) 20(3): 393-422. ISSN 0275-1275; online in jstor.org
  54. ^ (EN) Walter A. Walter A. McDougall, Promised Land, Crusader State: The American Encounter with the World Since 1776, Houghton Mifflin Books, 1997, p. 29, ISBN 978-0-395-90132-8. URL consultato il 07.03.2009.
  55. ^ (EN) WARS - War of 1812 in USAhistory.com. URL consultato il 07.03.2009.
  56. ^ Monaghan, pp.419-21; (EN) Douglass Adair, Marvin Harvey, Was Alexander Hamilton a Christian Statesman? in The William and Mary Quarterly, 3rd Ser., Vol. 12, No. 2, Alexander Hamilton: 1755-1804, aprile 1955, pp. 308–329.
  57. ^ Laboratory of Justice, The Supreme Court's 200 Year Struggle to Integrate Science and the Law, di David L. Faigman, Prima edizione, 2004, p. 34; Smith, Republic of Letters, 15, 501
  58. ^ Whitelock p.327
  59. ^ Whitelock p.329
  60. ^ Whitelock p.335
  61. ^ (EN) News and Events: Pace Law School, New York Law School, located in New York 20 miles north of NY City. Environmental Law., www.pace.edu. URL consultato il 07.03.2009.
  62. ^ John Jay e Sarah Livingston Jay, Selected Letters of John Jay and Sarah Livingston Jay (2005) pp 297-99; online in google books
  63. ^ Roger G. Kennedy, Burr, Hamilton, and Jefferson: A Study in Character (2000) p.92
  64. ^ (EN) Timeline of Events Leading up to the Duel in The Duel, PBS. URL consultato il 07.03.2009.
  65. ^ Edgar J. McManus, History of Negro Slavery in New York
  66. ^ (EN) Jake Sudderth, John Jay and Slavery, Columbia University, 2002. URL consultato il 07.03.2009.
  67. ^ Gordon S. Wood, American Revolution, p. 114
  68. ^ Herbert S. Parmet and Marie B. Hecht, Aaron Burr (1967) p. 76
  69. ^ a b (EN) Alan R. Crippen II, John Jay: An American Wilberforce?, 2005. URL consultato il 07.03.2009.
  70. ^ John P. Kaminski, Religion and the Founding Fathers in Annotation: The Newsletter of the National Historic Publications and Records Commission, 30:1, marzo 2002, ISSN 0160-8460. URL consultato il 25 agosto 2008.
  71. ^ (EN) William Jay, The Life of John Jay: With Selections from His Correspondence and Miscellaneous Papers, J. & J. Harper, 1833, p. 376. URL consultato il 07.03.2009.
  72. ^ Friends of John Jay Homestead, www.johnjayhomestead.org. URL consultato il 24 agosto 2008.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Samuel F. Bemis, Jay's Treaty: A Study in Commerce and Diplomacy, New York, New York, The Macmillan Company, 1923.
  • Brecher, Frank W. Securing American Independence: John Jay and the French Alliance. Praeger, 2003. 327 pp.
  • Casto, William R. The Supreme Court in the Early Republic: The Chief Justiceships of John Jay and Oliver Ellsworth. U. of South Carolina Press, 1995. 267 pp.
  • Combs, Jerald. A. The Jay Treaty: Political Background of Founding Fathers (1970) (ISBN 0-520-01573-8); concludes the Federalists "followed the proper policy" because the treaty preserved peace with Britain
  • Elkins, Stanley M. and Eric McKitrick, The Age of Federalism: The Early American Republic, 1788-1800. (1994), detailed political history
  • Estes, Todd. "John Jay, the Concept of Deference, and the Transformation of Early American Political Culture." Historian (2002) 65(2): 293-317. ISSN 0018-2370 Fulltext in Swetswise, Ingenta and Ebsco
  • Ferguson, Robert A. "The Forgotten Publius: John Jay and the Aesthetics of Ratification." Early American Literature (1999) 34(3): 223-240. ISSN 0012-8163 Fulltext: in Swetswise and Ebsco
  • Johnson, Herbert A. "John Jay and the Supreme Court." New York History 2000 81(1): 59-90. ISSN 0146-437X
  • Kaminski, John P. "Honor and Interest: John Jay's Diplomacy During the Confederation." New York History (2002) 83(3): 293-327. ISSN 0146-437X
  • Kaminski, John P. "Shall We Have a King? John Jay and the Politics of Union." New York History (2000) 81(1): 31-58. ISSN 0146-437X
  • (EN) Peter Kefer, Charles Brockden Brown's Revolution and the Birth of American Gothic, 2004.
  • Klein, Milton M. "John Jay and the Revolution." New York History (2000) 81(1): 19-30. ISSN 0146-437X
  • Littlefield, Daniel C. "John Jay, the Revolutionary Generation, and Slavery" New York History 2000 81(1): 91-132. ISSN 0146-437X
  • Michael, William Henry History of the Department of State of the United States (1901) United States Dept
  • Monaghan, Frank. John Jay: Defender of Liberty 1972. on abolitionism
  • Morris, Richard B. The Peacemakers: The Great Powers and American Independence 1965.
  • Morris, Richard B. Seven Who Shaped Our Destiny: The Founding Fathers as Revolutionaries 1973. chapter on Jay
  • Morris, Richard B. Witness at the Creation; Hamilton, Madison, Jay and the Constitution 1985.
  • Morris, Richard B. ed. John Jay: The Winning of the Peace 1980. 9780060130480
  • Pellew, George John Jay 1890. Houghton Mifflin Company
  • Perkins, Bradford. The First Rapprochement; England and the United States: 1795-1805 Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1955.
  • (EN) Walter Stahr, John Jay: Founding Father, New York & London, Continuum International Publishing Group, 1º marzo 2005, p. 482, ISBN 978-1-85285-444-7.
  • (EN) William Whitelock, The Life and Times of John Jay, Statesman, 1887, p. 482.

Fonti principali[modifica | modifica sorgente]

  • Landa M. Freeman, Louise V. North, and Janet M. Wedge, eds. Selected Letters of John Jay and Sarah Livingston Jay: Correspondence by or to the First Chief Justice of the United States and His Wife (2005)
  • Morris, Richard B. ed. John Jay: The Making of a Revolutionary; Unpublished Papers, 1745-1780 1975.

Altre letture[modifica | modifica sorgente]

  • Henry J. Abraham, Justices and Presidents: A Political History of Appointments to the Supreme Court, 3rd, New York, Oxford University Press, 1992, ISBN 0-19-506557-3.
  • Clare Cushman, The Supreme Court Justices: Illustrated Biographies, 1789–1995, 2nd, (Supreme Court Historical Society, Congressional Quarterly Books), 2001, ISBN 1-56802-126-7.
  • John P. Frank, The Justices of the United States Supreme Court: Their Lives and Major Opinions, a cura di Leon Friedman e Fred L. Israel, Chelsea House Publishers, 1995, ISBN 0-7910-1377-4.
  • Kermit L. Hall, The Oxford Companion to the Supreme Court of the United States, New York, Oxford University Press, 1992, ISBN 0-19-505835-6.
  • Fenton S. Martin, Goehlert, Robert U., The U.S. Supreme Court: A Bibliography, Washington, D.C., Congressional Quarterly Books, 1990, ISBN 0-87187-554-3.
  • Melvin I. Urofsky, The Supreme Court Justices: A Biographical Dictionary, New York, Garland Publishing, 1994, p. 590, ISBN 0-8153-1176-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente del Congresso Continentale Successore
Henry Laurens 10 dicembre 1778 – 28 settembre 1779 Samuel Huntington
Predecessore Segretario degli affari esteri degli Stati Uniti Successore
Robert R. Livingston 7 maggio 1784 – 22 marzo 1790 Thomas Jefferson (come Segretario di Stato)
Predecessore Ambasciatore degli Stati Uniti in Spagna Successore
// 29 settembre 1779 – 20 maggio 1782 William Carmichael
Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti
John Jay (1789-1795) · John Rutledge (1795-1795) · Oliver Ellsworth (1795-1800) · John Marshall (1800-1835) · Roger Brooke Taney (1835-1864) · Salmon Portland Chase (1864-1873) · Morrison Remick Waite (1873-1888) · Melville Weston Fuller (1888-1910) · Edward Douglass White (1910-1921) · William Howard Taft (1921-1930) · Charles Evans Hughes (1930-1941) · Harlan Fiske Stone (1941-1946) · Frederick Moore Vinson (1946-1953) · Earl Warren (1953-1969) · Warren Earl Burger (1969-1986) · William Rehnquist (1986-2005) · John G. Roberts (2005-in carica)
Governatori di New York
Predecessore: George Clinton (1795-1801) Successore: George Clinton Simbolo di New York
G. Clinton | Jay | G. Clinton | Lewis | Tompkins | Tayler | D. Clinton | Yates | D. Clinton | Pitcher | Van Buren | Throop | Marcy | Seward | Bouck | Wright | Young | Fish | Hunt | Seymour | Clark | King | Morgan | Seymour | Fenton | Hoffman | J. Adams Dix | Tilden | Robinson | Cornell | Cleveland | Hill | Flower | Morton | Black | T. Roosevelt | Odell | Higgins | Hughes | White | J. Alden Dix | Sulzer | Glynn | Whitman | Smith | Miller | Smith | F. D. Roosevelt | Lehman | Poletti | Dewey | Harriman | Rockefeller | Wilson | Carey | Cuomo | Pataki | Spitzer | Paterson | Cuomo

Controllo di autorità VIAF: 49254995 LCCN: n79088877