John Murray, IV conte di Dunmore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Murray, IV conte di Dunmore
Ritratto del conte di Dunmore, di Joshua Reynolds, 1765.
Ritratto del conte di Dunmore, di Joshua Reynolds, 1765.
Conte di Dunmore
In carica 1756 –
1809
Predecessore William Murray, III conte di Dunmore
Successore George Murray, V conte di Dunmore
Nascita Tymouth, Scozia, 1730
Morte Ramsgate, Kent, 25 febbraio 1809
Dinastia Clan Murray
Padre William Murray, III conte di Dunmore
Madre Catherine Murray
Consorte Lady Charlotte Stewart

John Murray, IV conte di Dunmore (Tymouth, 1730Ramsgate, 25 febbraio 1809), è stato un nobile e politico scozzese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Egli era il figlio maggiore di William Murray, III conte di Dunmore, e di sua moglie, Catherine Murray, una nipote di John Murray, II conte di Dunmore. Nel 1745, lui e suo padre, sostennero la sfortunata campagna di Carlo Edoardo Stuart, mentre suo zio sostenne il governo degli Hannover.

Dopo che l'esercito giacobita fu sconfitto a Culloden (1746), la famiglia Murray fu messa agli arresti domiciliari, e il patriarca, William, venne imprigionato nella Torre. Nel 1750, William aveva ricevuto la grazia condizionale. Nel 1756, dopo la morte di suo zio e di suo padre, egli divenne il quarto conte di Dunmore.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fu nominato governatore di New York (1770-1771). Poco dopo la sua nomina, nel 1770, fu governatore della Virginia. Nonostante i problemi di crescita con la Gran Bretagna, il suo predecessore, Lord Botetourt, era stato un popolare governatore in Virginia, anche se ha lavorato solo due anni. Come governatore coloniale della Virginia, Dunmore diresse una serie di campagne contro gli indiani conosciuto come signore della guerra a Dunmore. I Shawnee erano l'obiettivo principale di questi attacchi, e il suo scopo era quello di rafforzare le affermazioni della Virginia verso l' ovest, in particolare verso l'Ohio.

Egli è noto per la Dunmore's Proclamation, nota anche come l'Offerta di emancipazione di Lord Dunmore.

Dal 1787 al 1796, servì come governatore delle Bahamas. Fu un rappresentante nella Camera dei lord (1761-1774 e 1776-1790).

Diede il proprio nome ad una guerra, la guerra di Lord Dunmore, un conflitto del 1774 combattuto tra la colonia della Virginia e i nativi Shawnee e Mingo.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 21 febbraio 1759, Lady Charlotte Stewart, figlia di Alexander Stewart, VI conte di Galloway e di Lady Catherine Cochrane. Ebbero sei figli:

  • Lady Catherine Murray (?-7 luglio 1783), sposò Edward Bouverie, non ebbero figli;
  • Lady Susan Murray, sposò Joseph Tharp ed ebbero un figlio, sposò Archibald Douglas ed ebbero una figlia;
  • George Murray, V conte di Dunmore (30 aprile 1762-11 novembre 1836);
  • Lord Alexander Murray (12 ottobre 1764-1842), sposò Deborah Hunt, ebbero cinque figli;
  • Lady Augusta Murray (27 gennaio 1768-5 marzo 1830), sposò Federico Augusto di Hannover, ebbero due figli;
  • Lord Granville Leveson Keith Murray (16 dicembre 1770-4 gennaio 1835), sposò Wemyss Dalrymple ed ebbero una figlia, sposò Anne ed ebbero tre figli, sposò Louise Abraham e non ebbero figli.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Morì il 25 febbraio 1809 a Ramsgate, nel Kent.