Battaglia di Culloden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 57°29′28.31″N 4°07′55.79″W / 57.491197°N 4.132164°W57.491197; -4.132164

Battaglia di Culloden
La battaglia di Culloden, dipinto di David Morier
La battaglia di Culloden, dipinto di David Morier
Data 16 aprile 1746
Luogo Culloden, Scozia
Esito Vittoria decisiva della Casa di Hannover
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
8.811 uomini
16 cannoni
5.400 uomini circa
13 cannoni leggeri
Perdite
50 morti
254 feriti[1]
1.250 morti
1.000 feriti
558 prigionieri[2]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Culloden (gaelico: Blàr Chùil Lodair), combattuta il 16 aprile 1746 presso Inverness nelle Highlands scozzesi, vide i sostenitori di Carlo Edoardo Stuart, detto il "Giovane Pretendente" (detto anche "Bonnie Prince Charlie"), definitivamente sconfitti dalle forze lealiste comandate dal Duca di Cumberland, figlio di re Giorgio II, che per l'efferatezza della repressione portata avanti nei confronti dei giacobiti fu soprannominato "Billy il Macellaio".

Quella di Culloden fu l'ultima battaglia campale combattuta in Gran Bretagna, e nonostante si fosse in piena età moderna gli scozzesi utilizzarono sul campo concetti e strategie risalenti al Medioevo, inefficaci e superati; lo scontro si concluse con la loro disastrosa sconfitta.

« Non ho mai visto un'azione così grande, né una vittoria così completa »
(James Wolfe, 17 aprile 1746)

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Gloriosa Rivoluzione del 1688 e la cacciata dell'ultimo re cattolico, le speranze di una restaurazione giacobita sul trono dei tre "regni"[3] non erano ancora tramontate in Gran Bretagna, ed anzi con il passare degli anni andavano sempre più riacquistando forza, specialmente in Irlanda e Scozia, dove le confische territoriali operate da Guglielmo d'Orange a favore dei protestanti, avevano destato forte malanimo da parte dei cattolici. Le speranze per i giacobiti sembrarono risollevarsi nel 1744, quando la causa del casato degli Stuart ottenne l'appoggio politico e militare del re di Francia, Luigi XV. Questi infatti vedeva di buon occhio sul trono britannico un suo candidato, per di più cattolico. Nel febbraio dello stesso anno, diecimila soldati francesi furono radunati a Dunkerque: il piano francese prevedeva di traghettarli fino alla costa meridionale dell'Essex, per poi avanzare da qui verso la capitale inglese. Rappresentante degli Stuart era il Principe di Galles Carlo Edoardo, figlio primogenito di Giacomo Edoardo Stuart e nipote dell'ultimo sovrano Stuart dei "tre regni", Giacomo II.

I piani francesi di invasione dell'Inghilterra furono però mandati all'aria dalle cattive condizioni atmosferiche, che portarono alla distruzione quasi totale della flotta francese. Sfumata anche questa occasione, Giacomo Edoardo, il "Vecchio Pretendente", perse ogni influenza nei giochi della politica europea; i suoi progetti passarono al figlio Carlo Edoardo, che da quel momento prese il soprannoime di "Giovane Pretendente" nei salotti politici europei e l'appellativo di "Bel Principe Carlo" (Bonnie Prince Charlie) in quelli aristocratici e filo-giacobiti.

Nel 1745 Carlo Edoardo fu nominato reggente dal padre ed il 16 luglio cominciò una nuova spedizione. Insieme ad un ristretto numero di conoscenti e dotato di un'esigua quantità di armi e munizioni si diresse verso la Scozia a bordo della fregata Du Teillay, comandata da Antony Walsh, un noto corsaro. La fregata leggera era scortata dalla Elizabeth, un vascello francese di terza classe[4]; a bordo di quest'ultima nave era imbarcato un gruppo di volontari, scarso per numero e per qualità dell'equipaggiamento. L'impresa iniziò in modo sfortunato: la Elizabeth, gravemente danneggiata in uno scontro con il vascello inglese Lyon avvenuto ad ovest delle coste irlandesi, fu costretta a tornare indietro verso Brest, portando con sé i soldati ed i viveri destinati a sostenere la rivolta scozzese.

Carlo Edoardo, a bordo della Du Teillay, riuscì comunque a raggiungere le Isole Ebridi, eludendo il blocco navale operato dagli inglesi, e da qui poté giungere sulla terraferma scozzese, il 25 luglio, esattamente nella rada di Loch nan Uamh, vicino ad Arisaig. Da qui il Bel Carlo cominciò a chiamare a raccolta i Clan delle Highlands. Il 9 agosto, a Glenfinnan, Carlo Edoardo fece innalzare lo stendardo degli Stuart, proclamandosi reggente in nome del padre. Il 16 agosto vennero aperte le ostilità. A Highbridge un piccolo gruppo di giacobiti guidati da Sir Tìr nan drìs attaccò due compagnie di fanteria inglese catturando il loro capitano. Iniziava così il "Quarantacinque".

Il "Quarantacinque"[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente l'esercito riunito da Carlo Edoardo consisteva in 1200 uomini appena, divisi più o meno equamente tra gli appartenenti al clan dei Cameron sotto il comando di Sir Lochiel ed ai membri del clan MacDonald agli ordini di Keppoch. Questo piccolo contingente si ingrandì man mano che avanzava verso le Highlands orientali fino a Badenonoch; ironia della sorte, l'esercito di Carlo Edoardo percorreva proprio quelle strade che erano state costruite dagli inglesi durante la precedente insurrezione giacobita del 1715 con lo scopo di facilitare il controllo della regione, rendendo più rapidi gli spostamenti delle truppe. L'esercito inglese capitanato da Sir John Cope, mandato precipitosamente contro la spedizione ribelle, procedette in direzione di Inverness, aprendo in questo modo a Carlo Edoardo la strada verso Edimburgo.

Bonnie Prince Charlie, dipinto di John Pettie

A Perth si unì all'esercito del Pretendente Lord George Murray, che si sarebbe in seguito rivelato un valente comandante. Nel frattempo, il 17 settembre il Principe Carlo entrò ad Edimburgo, stabilendosi ad Holyrood Palace, antica residenza degli Stuart; la guarnigione della città si arroccò nel castello. Cope provò a contrastare Carlo: raggiunta Aberdeen, il suo esercito si imbarcò per Dunbar per poi avanzare verso Edimburgo. All'alba del 21 settembre, a Prestonpans, i dragoni di Cope si trovarono davanti lo spettacolo della carica in massa degli Highlanders attraverso la fitta foschia «[...] tra le selvagge grida di guerra delle Highlands ed il lamento delle cornamuse».[5] L'armata inglese fu sbaragliata e messa in rotta in appena dieci minuti e Cope dovette affrontare la Corte marziale.

Impadronitosi definitivamente della Scozia, Carlo Edoardo poté dedicarsi al suo obiettivo finale, raggiungere Londra: il suo esercito si mise in marcia verso la capitale il 1º novembre, coronando la sua avanzata con l'occupazione di Carlisle il 16 novembre, di Manchester il 28 e di Derby il 4 dicembre. Tuttavia, non tutto andava secondo i piani di Carlo, che ebbe dei forti contrasti con Lord Murray: gli aiuti da parte dei giacobiti inglesi furono più inconsistenti del previsto e giunsero in ritardo, e circa mille Highlanders disertarono, tornando nella loro patria. Oltre a questi problemi interni, il Pretendente si trovò a dover fronteggiare tre armate lealiste che, sotto il comando del Duca di Cumberland, figlio di re Giorgio II, succeduto come comandante-in-capo al Feldmaresciallo Wade, si stavano riunendo per accerchiare i giacobiti. Il Principe Carlo decise allora di ritirarsi, sebbene Londra distasse ormai solamente 127 miglia e la città, come lo stesso Horace Walpole riporta nel suo famoso epistolario, fosse in grande inquietudine per le notizie che circolavano riguardo ad un grande esercito francese imbarcato sulle coste di Calais e già in rotta attraverso il Canale della Manica, e di numerosi rinforzi giacobiti in arrivo dal Galles e dalle contee della stessa Inghilterra.[6]

Mostrando scarso acume strategico e politico, invece di marciare celermente ad occupare Londra, Carlo Edoardo preferì tornare indietro verso la Scozia, entrando a Glasgow il giorno di Natale, nonostante la città gli fosse ormai ostile. Addirittura la città di Stirling lo fece entrare solo malvolentieri, sebbene i governativi rimanessero rinchiusi nel castello. La fortuna però sembrò essere ancora favorevole al Principe Carlo. Lady Anne MacKintosh, il cui marito, capo del clan omonimo, militava nelle truppe governative, gli inviò segretamente 400 uomini, guadagnandosi dai giacobiti l'appellativo di "Colonnello Anne". Infine arrivarono anche i tanto attesi aiuti francesi. Il 17 gennaio 1746, a Falkirk, i giacobiti sconfissero l'esercito del Tenente-Generale Henry Hawley. Il 1º febbraio l'esercito delle Highlands passò a guado il Forth per dirigersi verso nord.

Nonostante il suo segretario, John Williams O'Sullivan, insistesse per riprendere l'avanzata verso sud, il Principe Carlo preferì dare ascolto a Lord Murray, che suggeriva la strategia opposta, e stabilì il proprio quartier generale ad Inverness, dove rimase per sette settimane a svernare. Nel frattempo, però, la sua situazione stava peggiorando, in quanto con l'avanzata dell'armata del Duca di Cumberland, che si era stabilita ad Aberdeen, molti capi scozzesi avevano cominciato ad abbandonarlo, mentre gli aiuti economici inviati dalla Francia erano stati neutralizzati dagli inglesi. Il Duca di Cumberland, insieme a numerosi alleati tedeschi dell'Hannover e dell'Assia, lasciò Aberdeen l'8 aprile, dirigendosi verso Nairn. Il 14 aprile, l'esercito giacobita si preparò allo scontro, schierandosi il giorno successivo nella brughiera di Drumossie.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della battaglia.

Nonostante l'esercito giacobita fosse schierato, il 15 aprile 1746 si concluse senza combattimenti, in quanto l'esercito inglese aveva festeggiato il compleanno del proprio comandante con una distribuzione supplementare di brandy ed era rimasto nel proprio accampamento a festeggiare. L'esercito ribelle non sfruttò questa occasione perché i propri comandanti non avevano ancora raggiunto un accordo sulla scelta del campo di battaglia adatto. Mentre infatti O'Sullivan ed il Principe Carlo sostenevano che la brughiera fosse un buon terreno per le proprie truppe, Lord Murray obiettava (e i fatti gli avrebbero dato ragione), che un simile campo dei battaglia avrebbe fiaccato le temute cariche degli Highlanders, permettendo invece agli inglesi di sfruttare al meglio la potenza di fuoco di moschettieri ed artiglieria.

Queste discussioni durarono tutto il giorno, mentre le truppe giacobite rimanevano schierate immobili, preda di freddo e fame. A notte inoltrata, fu ordinato un attacco al campo inglese, che fu però respinto.

Demoralizzati, affamati e sconcertati dall'assurda gestione della situazione da parte dei loro comandanti, i soldati giacobiti si ritirarono, senza avere la possibilità di riposarsi durante la notte. Alcuni, stremati, si gettarono in preda al sonno lungo la strada e vennero sorpresi e massacrati da picchetti di soldati inglesi.

All'alba del 16 aprile, Carlo Edoardo schierò le sue truppe; tutto il suo esercito consisteva di poco più di 5.000 uomini, inclusi i due battaglioni dei reggimenti giacobiti dell'esercito francese, gli Écossais Royaux e la Brigade Irlandaise, e qualche centinaio di cavalieri malamente armati. L'artiglieria contava solo tredici vecchi cannoni leggeri da campo di provenienza francese. Gli Highlanders si disposero in ordine per clan formando due linee, mentre in riserva stava la debole cavalleria di Lord Kilmarnock e le truppe franco-irlandesi. Dall'altra parte del campo di battaglia si dispiegarono i quindici reggimenti ottimamente addestrati di fanteria di linea del Duca di Cumberland, di cui tre scozzesi dei clan fedeli agli Hannover, e due reggimenti di dragoni.

L'esercito Inglese agli ordini di Lord Cumberland era schierato su tre File: le prime due (comandate rispettivamente dal Conte di Albemarle e dal maggior generale John Huske) erano composte da sei battaglioni, mentre la terza, tenuta come riserva, era costituita da tre battaglioni agli ordini di Sir John Morduant. I lati erano protetti dalla cavalleria, mentre l'artiglieria, ben più potente di quella a disposizione dell'esercito giacobita, era schierata negli spazi tra i vari battaglioni. Infine, sul lato sinistro dello schieramento erano posizionati tre battaglioni di scozzesi fedeli alla casata degli Hannover, che costituivano la milizia dell'Argyll; questi ultimi dovevano, secondo i piani inglesi, accerchiare l'esercito ribelle, prendendolo di lato[7]. La maggior parte delle informazioni sulla disposizione dell'esercito del Duca di Cumberland si ha, oltre che dai dispacci militari, dalle due lettere che l'allora Maggiore James Wolfe scrisse il giorno dopo la battaglia.

« L'esercito del Duca aveva all'inizio [della battaglia] sei battaglioni in prima linea, comandati da Lord Albemarle e Lord Sempill; altrettanti in seconda linea sotto il generale Husk, e tre battaglioni formavano la terza linea o riserva, comandati dal Brigadiere Mordaunt; i dragoni di Cobham e due squadroni di quelli di Lord Mark Kerr erano sulla sinistra della linea del fronte, dove il terreno era più praticabile; gli altri squadroni del reggimento a cavallo di Kingston erano sulla destra, e due cannoni erano posti in ogni intervallo tra i battaglioni della prima linea. »
(James Wolfe, 17 aprile 1746)

Lo scontro fu aperto, verso le dieci del mattino, dal fuoco dei piccoli cannoni giacobiti, reso inefficace dalla distanza eccessiva e dall'inesperienza degli artiglieri. Sebbene il terreno paludoso avesse diminuito la potenza dell'artiglieria nemica, in attesa dell'ordine di attacco la lunga linea di tartan subì comunque delle perdite molto consistenti ed il morale cominciò a precipitare. Tuttavia, il Principe Carlo attese addirittura un'ora prima di dare il segnale di attacco, poiché, trovandosi distante dalla prima linea, non si era reso conto di quante vittime stesse facendo l'artiglieria inglese tra le sue fila. Quando finalmente i ribelli si decisero ad attaccare, inoltre, i MacDonald si rifiutarono di eseguire l'ordine, infuriati per essere stati disposti sul fianco sinistro dell'armata ignorando la loro tradizionale posizione sul fianco destro. Questa insubordinazione fece sì che solo una parte delle forze giacobite prese effettivamente parte alla battaglia.

I clan della Confederazione dei Chattan furono i primi a lanciarsi alla carica al selvaggio grido delle Highlands, ma il terreno acquitrinoso dinanzi a loro li costrinse a convergere verso destra, andando così a sbarrare la strada agli altri reggimenti di Highlanders e sospingendoli sempre più verso il muretto di pietra. Nonostante il grande scompiglio creatosi con questa manovra accidentale, i giacobiti continuarono ad avanzare intrepidamente. L'esercito che avevano di fronte, però, oltre ad essere numericamente superiore, era sostanzialmente diverso da quelli contro i quali i giacobiti avevano riportato diverse vittorie: l'armata di Lord Cumberland era formata dai reparti di élite dell'esercito inglese, i cui componenti erano dei veri e propri veterani che avevano preso parte, in qualche caso, alle battaglie di Dettingen e Fontenoy in Europa. Giunti così a pochi passi dalle linee inglesi, gli Highlanders furono investiti dalle scariche dei moschetti e dal fuoco a mitraglia dell'artiglieria. Nondimeno, un gran numero di giacobiti raggiunse le linee nemiche e per la prima volta da lungo tempo una battaglia fu decisa dallo scontro corpo a corpo tra gli Highlanders armati di spada e scudo e le giubbe rosse inglesi con moschetti e baionette inastate. Nella mischia selvaggia che seguì, in particolare con il 4º Reggimento di linea[8] di Sir Robert Rich[9], la carica dei giacobiti venne arrestata ed i pochi ribelli che riuscirono a penetrare la prima linea nemica furono falciati dal fuoco della seconda.

L'eroe di Louisbourg alla battaglia di Culloden
James Wolfe

Nel 1745, il reggimento di James Wolfe, il futuro eroe dell'assedio di Louisbourg e della battaglia di Québec, venne richiamato in patria dal Continente per essere messo agli ordini del Duca di Cumberland e mandato in Scozia. Wolfe fu presente a Falkirk, il 17 gennaio 1746, dove l'armata inglese del tenente generale Henry Hawley venne sconfitta dalle truppe giacobite. Tre mesi dopo, a Culloden, Wolfe ed i suoi uomini si distinsero per aver salvato la linea contrattaccando alla baionetta e ricacciando indietro gli Highlanders, dopo che la loro carica era riuscita a sfondare il reggimento di Barrell. Una dei tanti aneddoti sulla battaglia di Culloden narra che il Duca di Cumberland ordinò a Wolfe di sparare «a quella canaglia scozzese che osa guardarci in modo così insolente», alludendo a Lord Fraser di Inverallochy, che giaceva ferito sul campo. Al che Wolfe, indignato, rispose seccamente che la sua commissione da ufficiale era a disposizione di Sua Altezza Reale, ma che mai avrebbe acconsentito a divenire un carnefice.[10] Si dice che sia per questo motivo che in seguito il reggimento dei Fraser rimase fedelissimo a Wolfe quando, nominato Maggior-generale, fu inviato in Nord America durante la Guerra dei Sette Anni.

Mentre era ancora in corso l'attacco, una parte delle truppe inglesi aveva scavalcato il muretto di pietra e la milizia dell'Argyll[11], guidata da Lord Campbell, avanzò portandosi sul fianco dei giacobiti. Ormai sicuri della vittoria, gli inglesi respinsero definitivamente i pochi ribelli superstiti e sterminando i feriti.[12] I dragoni di Lord Mark Kerr agli ordini del generale Hawley caricarono le truppe in fuga compiendo un vero e proprio massacro. Il principe Carlo Edoardo scampò fortunosamente alla morte ed alla cattura, riuscendo a fuggire insieme ad una piccola scorta. Per coprire la sua fuga, si immolarono i reggimenti francesi ed irlandesi.

In appena un'ora il Duca di Cumberland aveva ottenuto una vittoria schiacciante. Circa 1.250 giacobiti giacevano morti sul campo di battaglia, altrettanti erano rimasti feriti in modo più o meno grave ed erano stati presi 558 prigionieri.[13] Gli inglesi avevano perso circa una cinquantina di uomini, la maggior parte dei reggimenti di Barrell e Munro; i feriti ammontavano a 259.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

L'esito disastroso della battaglia pose definitivamente fine sia ai piani degli Stuart di riconquistare il trono inglese, sia al sogno scozzese di rendersi nuovamente indipendenti dall'Inghilterra. Lo sterminio totale dei feriti ordinato ai suoi soldati fece sì che il Duca di Cumberland fosse soprannominato dagli scozzesi "Billy the Butcher", Billy il Macellaio.[14] Alcuni prigionieri d'alto rango furono portati a Inverness per essere processati e giustiziati, mentre tre Lord ribelli furono inviati a Londra.

Carlo Edoardo fuggì dal campo di battaglia e passò altri cinque mesi da fuggiasco in Scozia, con una taglia di 30.000 sterline sulla sua testa. Aiutato da una nobildonna scozzese, Flora MacDonald, di lì a poco il Bel Carlo lasciò avventurosamente il suolo scozzese travestito da donna, per riparare in Francia.

L'addio di Flora MacDonald al Bel Principe Carlo, dipinto di George William Joy

Subito dopo la battaglia, Cumberland si recò ad Inverness con la sciabola ancora coperta di sangue, come gesto simbolico e di monito. Il giorno seguente, il massacro andò avanti. Il Duca svuotò le prigioni dai detenuti inglesi ed ordinò di riempirle con i prigionieri giacobiti. Un certo numero di arrestati fu portato in Inghilterra per essere processato per alto tradimento. Una serie di processi ebbe luogo a Berwick-upon-Tweed, York e Londra[15] e molti giacobiti furono tenuti prigionieri per diverso tempo nei pontoni sul Tamigi e in Tilbury Fort, dove furono torturati e lasciati morire.[16] Le esecuzioni furono condotte in rapporto di una a venti. In totale, a Culloden furono presi prigionieri 3.470 giacobiti ed altri sostenitori, dei quali 120 condannati a morte ed 88 morti nelle carceri; 936 furono deportati nelle colonie e 222 esiliati. Mentre molti in seguito furono rilasciati, la sorte di quasi 700 persone rimase sconosciuta. Allo stesso modo di come operò una giustizia sommaria sui prigionieri giacobiti, Cumberland si mostrò inflessibile anche nei confronti dei suoi uomini, facendo fucilare 36 disertori inglesi. La repressione attuata non fu comunque molto differente per efferatezza da quella operata da Giacomo II ai tempi della ribellione di Monmouth, con le assise insanguinate del giudice Jeffreys.

Diversamente dai ribelli scozzesi, ai picchetti di soldati irlandesi dell'esercito francese fu concessa una resa formale e fu riservato un trattamento onorevole, permettendo loro anche un ritorno in Francia: erano considerati soldati regolari di una nazione straniera, soggetti al normale codice di guerra. I prigionieri giacobiti, invece, visti come traditori, furono trattati di conseguenza.

[modifica | modifica wikitesto]

La repressione delle truppe governative contro i giacobiti ed i loro simpatizzanti proseguì nei mesi successivi. Gli inglesi, inoltre, presero diversi provvedimenti per sottomettere definitivamente la Scozia, annientandone costumi e tradizioni: agli scozzesi fu proibito di indossare il kilt o di suonare la cornamusa, con la sola eccezione dei reggimenti reclutati nell'esercito inglese; a questa serie di leggi, detta Atto di Proscrizione (Act of Proscription), si aggiunsero l'Atto di Abolizione del Possesso (Tenures Abolition Act), che decretò la fine del vincolo feudale di servizio militare e l'Atto di Giurisdizione sulla Successione (Heritable Jurisdictions Act), che abolì l'autorità virtuale che i capi avevano sui loro clan. Le nuove provvisioni ecclesiastiche mirarono a proscrivere la principale confessione religiosa dei giacobiti, l'Episcopalismo. Anche le radici culturali scozzesi furono duramente provate dagli inglesi, che osteggiarono l'uso del gaelico e la recita delle antiche opere letterarie scozzesi.

« L'agreste piva e gl'allegri lai
Non più allieteran i giorni felici;
Né i bei dì di dilettevol festa
Rallegreran le tetre notti d'inverno;
[...]
E nulla s'udrà ma sol di dolor pianti,
Mentre pallidi gli spirti dello scempio
Si libreran ogni notte sulla landa silente. »
(Lacrime di Scozia, Tobias Smollett)

In seguito alla battaglia Händel scrisse l'oratorio Judas Maccabeus in onore del Duca di Cumberland, con la celeberrima aria “See how the conquering hero comes”.[17]

La sesta strofa di God Save the King[modifica | modifica wikitesto]

Prima che il Duca di Cumberland prendesse il comando dell'esercito inglese, la truppe di re Giorgio II furono radunate a Newcastle-upon-Tyne sotto gli ordini del Feldmaresciallo George Wade[18]. Il 15 ottobre 1745, sul The Gentleman's Magazine, fu pubblicato ufficialmente per la prima volta[19] l'inno God Save the King in onore di re Giorgio. La sesta ed ultima strofa, tolta alla fine del XX secolo, quando l'anthem venne adottato ufficialmente come inno nazionale, conteneva le seguenti parole:

(EN)
« Lord, grant that Marshal Wade,
May by thy mighty aid,
Victory bring.
May he sedition hush and like a torrent rush,
Rebellious Scots to crush,
God save the King. »
(IT)
« Signore, fa' che il Maresciallo Wade,
possa con il tuo potente aiuto
ottenere la Vittoria.
Possa egli soffocare la sedizione e come un torrente travolgente,
schiacciare i ribelli scozzesi,
Dio salvi il Re. »

I clan[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Clan scozzese.

Residuo di una società tribale ormai destinata al tramonto, il clan (dal gaelico clann, "famiglia", "figlio") rappresentava la struttura sociale cardine delle Highlands scozzesi. Era composto da famiglie che si consideravano discendenti dagli stessi antenati e che sovente portavano lo stesso cognome.[20] Il capoclan, cui spettava il titolo di Lord, aveva il possesso di tutte le terre sulle quali vivevano i membri del suo clan; questi, in cambio del diritto di coltivarle, erano tenuti a seguirlo in guerra. Ogni clan era distinto da un particolare schema di colori, nelle tipiche fantasie geometriche celtiche, chiamato tartan, che veniva portato sui kilt, sui plaid e su altri capi di abbigliamento. L'armata giacobita che combatté a Culloden includeva uomini da: Clan Stuart (Stewart di Appin), Clan Donnachaidh, Clan MacDonald di Keppoch, Clan MacDonnell di Glengarry, Clan MacDonald di Clanranald, Clan Mackinnon, Clan Cameron, Clan Gordon, Clan Fraser, Clan MacGregor, Clan MacLean, Clan MacLeod, Clan MacIntyre, Clan Ogilvy, Clan Chisholm, Clan MacLaren, Clan MacLea, Clan MacBain, Clan MacLachlan, Clan Macnaghten, e Clan Chattan (confederazione composta da: Clan Davidson, Clan MacGillivray, Clan Macpherson, Clan MacKintosh, Clan MacDuff e Clan Farquharson).

Forze in campo[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito giacobita[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra medievale.

Gli Highlanders del Principe Carlo Edoardo non erano assolutamente in grado di eseguire sul campo di battaglia le complicate manovre della fanteria imposte dal drill settecentesco. Essi conoscevano una sola tattica, usata negli scontri tra clan per il possesso delle terre o del bestiame che da secoli coinvolgevano le Highlands: la selvaggia carica per arrivare a una mischia furibonda in cui la forza fisica e il coraggio dei singoli decidevano l'esito dello scontro. Durante il "Quarantacinque" questo modo di combattere si dimostrò efficace finché gli Highlanders si trovarono di fronte le piccole e poco addestrate milizie di contea inglesi, ma fallì totalmente a Culloden, dove l'esercito del Duca di Cumberland, numeroso e formato da reggimenti regolari di veterani, ne arrestò l'impeto con il micidiale fuoco dei moschetti.

L'esercito giacobita poteva però contare anche su numerosi veterani delle guerre europee, sia inseriti all'interno delle normali milizie di clan come reduci (la Scozia, specie quella settentrionale, riforniva di soldati l'esercito britannico da più di un secolo, e a maggior ragione dopo l'atto d'unione), e, soprattutto, nelle piccole (e minoritaire in quel frangente) formazioni regolari scozzesi ed irlandesi degli eserciti spagnolo e francese. I soldati del "reggimento scozzese reale" (Règiment écossais royaux) e della brigata irlandese francese (rinfozata con alcuni elementi dei reggimenti irlandesi spagnoli) costituivano una piccola ma relativamente ben addestrata e robusta riserva per l'esercito giacobita, capace di combattere secondo le norme del dill settecentesco (e in particolare secondo il regolamento francese).[senza fonte]

La baionetta

Dopo le esperienze negative di Prestonpans e Falkirk le truppe di Sua Maestà adottarono una nuova tecnica di impiego della baionetta. Ogni soldato, invece di affondare l'arma contro il nemico di fronte, che poteva ripararsi con lo scudo, si lanciava contro quello impegnato ad attaccare il compagno che si trovava alla sua destra. In tal modo il fianco dell'avversario non era protetto e poteva essere colpito più facilmente. Non si conoscono con precisione i dettagli di questo nuovo tipo di impiego della baionetta, ma si sa che ebbe una grande influenza sul morale dei soldati che a Culloden sferrarono gli attacchi con più vigore e combatterono con maggiore decisione.

L'esercito inglese[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra con la polvere da sparo.

I reggimenti regolari che il Duca di Cumberland comandava a Culloden trovavano la loro origine nelle riforme militari di Oliver Cromwell e nella sua New Model Army operate durante la Guerra civile inglese, di cui conservavano l'organizzazione ed il tradizionale colore rosso scarlatto delle uniformi. Il rigido drill[21] settecentesco fu però ereditato dalle lunghe guerre di re Guglielmo III sul Continente.[22] Addestrati a combattere per battaglione in lunghe fila profonde tre ranghi, i soldati inglesi facevano affidamento sul preciso fuoco dei loro moschetti, la cui efficacia era determinata da un ferreo addestramento, e sull'impatto micidiale delle baionette negli scontri corpo a corpo. A partire dai primi del Settecento ad una compagnia di ogni battaglione fu dato il nome di granatieri. Essa era costituita dai soldati più coraggiosi e di costituzione più robusta (alti non meno di 1,80 m) armati, oltre che di moschetto e baionetta, di alcune granate a miccia da lanciare a mano, che tuttavia caddero presto in disuso. Come segno distintivo, i granatieri portavano la mitria al posto del normale cappello a tricorno, elemento che li faceva apparire come dei veri e propri giganti.

Ordine di battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'ordine di battaglia dei due eserciti, con relative perdite.[23]

Esercito Giacobita
Comandante in capo
Carlo Edoardo Stuart, Principe di Galles[24]
Secondo in comando Segretario militare e Aiutante generale Aiutante di campo
Lord George Murray John William O'Sullivan Sir Lachlan MacLachlan
Prima Linea
Ala sinistra Centro Ala destra
Com. Duca di Perth Com. Lord John Drummond Com. Lord George Murray
Regg. Clanranald (Clan MacDonald di Clanranald)
Ranald MacDonald di Clanranald
Regg. Fraser (Clan Fraser di Lovat)
Sir Charles Fraser di Inverallochy
Regg. Atholl (Clan Murray)
Sir William Murray di Nairne
Regg. Keppoch (Clan MacDonald di Keppoch)
Sir Alexander MacDonald di Keppoch
Regg. Chattan
Sir Alexander MacGillivray di Dunmaglass
Regg. Lochiel (Clan Cameron)
Sir Donald Cameron di Lochiel
Regg. Glengarry (Clan MacDonell di Glangarry)
Sir Donald MacDonell di Lochgarry
Regg. Farquharson (Clan Farquharson)
Sir James Farquharson di Balmoral
Regg. Appin (Clan Stewart di Appin)
Sir Charles Stewart di Ardshiel
Regg. Grant (Clan Grant di Glenmorriston)
Alexander Grant di Corrimony
Regg. MacLachlan-MacLean (Clan Maclachlan e MacLean)
Charles MacLean di Drimnin
-
- Regg. MacLeod (Clan MacLeod)
Sir Malcolm MacLeod di Raasay
Regg. d'Edimburgo
John Roy Stewart
Regg. Chisholm (Clan Chisholm)
Roderick Chisholm di Comar
Seconda Linea Terza Linea
Com. brigadier generale Walter Stapleton Com. Conte di Kilmarnock[25]
Regg. Ogilvy (Clan Ogilvy)
Lord David Ogilvy
Regg. Kilmarnock (Clan Boyd)
Conte di Kilmarnock
1º Regg. Gordon (Clan Gordon)
Lord Lewis Gordon
Regg. Pitsligo (Clan Forbes)
Barone di Pitsligo
2º Regg. Gordon (Clan Gordon)
John Gordon di Glenbucket
Régiment Baggot
sconosciuto
Regg. del Duca di Perth
sconosciuto
Regg. a cavallo di Elcho (Clan Wemyss)
Lord Elcho
Régiment Écossais Royaux
Lord Louis Drummond
Guardie a cavallo
sconosciuto
Brigade irlandese
Maggiore Summan
Regg. a cavallo di FitzJames
Sir Jean McDonell


Perdite
Morti Feriti Prigionieri
1.250 1.000 558[26]
Esercito Inglese
Comandante in capo Comandante della cavalleria
Sua Altezza Reale il Duca di Cumberland Tenente generale Henry Hawley
Aiutanti di campo
Conte di Albemarle Lord Charles Catchcart Tenente colonnello Henry S. Conway
Prima Linea Seconda Linea Terza Linea
Com. Conte di Albemarle (ADC) e Lord Sempill Com. maggior generale John Huske Com. brigadier generale John Mordaunt
1º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. James Sinclair
3º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Howard
13º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Pulteney
4º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Robert Rich
8º Regg. di Fanteria di Linea
Magg. James Wolfe
27º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Blakeney
14º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Prince
20º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Bligh
62º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Battereau
21º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Charles Colville
25º Regg. di Fanteria di Linea
Lord Hugh Sempill
Milizia lealista scozzese
Ten. Col. Jack Campbell
34º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Cholmondley
36º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Fleming
Dragoni di Cobham
sconosciuto
37º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Dejean
48º Regg. di Fanteria di Linea
Ten. Col. Henry Seymour Conway (ADC)
Regg. a cavallo di Kingston
sconosciuto
Royal Artillery
Cap. Cunningham
Dragoni di Kerr
Lord Mark Kerr
Perdite
Nº reggimento Morti Feriti Nº reggimento Morti Feriti Nº reggimento Morti Feriti
0 4 1 2 13º 0 0
17 108 0 1 27º 0 0
14º 1 9 20º 4 17 62º 0 3
21º 0 7 25º 1 13 Milizia lealista 6 4
34º 1 2 36º 0 6 Dragoni di Cobham 1 0
37º 14 69 48º 1 5 Regg. a cavallo di Kingston 0 1
Dragoni di Kerr 3 3 Totale: 50 morti e 254 feriti


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Wolfe in Scotland di J.T. Findlay. Secondo quanto riporta Wolfe nelle sue due lettere del 17 aprile 1746, l'esercito inglese avrebbe avuto circa 20 ufficiali e 800 uomini morti e feriti.
  2. ^ Ibidem. Quasi tutti i prigionieri giacobiti vennero giustiziati nei giorni seguenti per ordine di Lord Cumberland.
  3. ^ Vale a dire Inghilterra, Scozia e Irlanda.
  4. ^ Una 64 cannoni. Per "terza classe" si intendono vascelli di linea tra 64 ed 80 cannoni.
  5. ^ Cit. in: Brander, Michael. Scottish and Border Battles and Battles. New York, Random House, 1988.
  6. ^ Horace Walpole, Epistolario. Vol. I, lettere 185,186,187,188,189,190, 4 novembre-20 dicembre 1745.
  7. ^ (EN) Wolfe in Scotland di J.T. Findlay
  8. ^ Detto anche Reggimento di Barrell, dal nome del suo vecchio comandante.
  9. ^ (EN) Wolfe in Scotland di J.T. Findlay. Il tenente colonnello Robert Rich, comandante del Reggimento di Barrell, perse un occhio e una mano a Culloden. Lord Robert Kerr, capitano del medesimo reggimento e parente di Lord Mark Kerr, fu ucciso da un formidabile colpo di spada di un Highlander. Kerr era lo stesso coraggioso capitano che dopo la battaglia di Falkirk aveva salvato la vita di un ufficiale giacobita, il Maggiore MacDonald di Tiendrich.
  10. ^ Cit. in: Gerald E. Hart. The Fall of New France: 1755-1760. Montreal, W. Drysdale & co., 1888, p. 164.
  11. ^ (EN) La battaglia di Culloden (da Clan Cameron Online)
  12. ^ Cit. in: Scots Magazine, vol. VIII, p. 192.
  13. ^ Dei quali 336 tra scozzesi ed irlandesi e 222 francesi.
  14. ^ «Ciò che [il Duca di Cumberland] fece, noi possiamo dirlo conoscendo il suo carattere, non fu fatto con uno spirito di crudeltà, ma per un senso di dovere. Ma questo dovere lo condusse alla severità. Egli era un soldato, secondo il concetto tedesco di soldato, e perciò una provincia ribelle doveva essere posta inesorabilmente sotto la legge marziale. Il Duca, cresciuto nella scuola militare tedesca, sembrò essere incapace di distinguere tra una ribellione repressa nella costituzionale Gran Bretagna, dove vigeva il diritto inviolabile dell'habeas corpus per ogni suddito del regno, e una ribellione in una provincia tedesca, dove la salvezza delle persone dipendeva solamente dal volere del vincitore.»
    John Hill Burton, History of Scotland, vol. II, p. 523.
  15. ^ Horace Walpole, Epistolario. Vol. I, lettera 213 del 5 agosto 1746.
  16. ^ Jacobite Memoirs of the Rebellion of 1745, p. 299; The Lyon In Mourning, III, p. 15.
  17. ^ Judas Maccabeus HWV 63. URL consultato il 9 gennaio 2008.
  18. ^ Horace Walpole, Epistolario. Vol. I, lettera 184 del 21 ottobre 1745.
  19. ^ (EN) God Save the King. URL consultato il 9 gennaio 2008.
  20. ^ Il prefisso mac (in italiano "figlio di") posto davanti ai nomi ha significato equivalente al suffisso -son inglese e scandinavo; basti pensare ai nomi gaelici dei re di Scozia.
  21. ^ Con il termine drill, di probabile origine inglese, sono indicati le serie di rigidi strumenti di formazione del soldato settecentesco, vale a dire la ripetizione dei movimenti, dei cambi di formazione, dell'uso della baionetta e delle operazioni di caricamento del moschetto.
  22. ^ Molta dell'esperienza tattica e strategica dei comandanti e delle truppe britanniche fu accumulata durante la Guerra della Grande Alleanza; in particolare due grandi battaglie estremamente sanguinose, Steenkerque e Landen, ebbero un forte impatto sugli inglesi e modificarono notevolmente il loro modo di intendere la guerra.
  23. ^ Sir John W. Fortescue. History of the British Army. Vol. I, Part 2.
  24. ^ Il titolo di "Principe di Galles" fu attribuito a Carlo Edoardo da parte giacobita, ma venne riconosciuto anche dalle nazioni che sostenevano il diritto degli Stuart alla rivendicazione del trono d'Inghilterra, Scozia e Irlanda. Tuttavia, tale titolo spettava ed era stato ufficialmente attribuito a Federico di Hannover, primogenito di re Giorgio II.
  25. ^ Horace Walpole, Epistolario. Vol. I, lettere 213,214,215,216,217, 5-21 agosto 1746. William Boyd, 4º Conte di Kilmarnock fu uno dei nobili scozzesi d'alto rango che vennero condotti a Londra e sottoposti ad un processo sommario. Condannato a morte, fu decapitato il 18 agosto 1746 a Tower Hill. Gli altri aristocratici che subirono la stessa sorte furono Lord Balmerino, Robert Boyd, parente di Kilmarnock, e Lord Lovat. Al Conte di Cromartie, invece, la pena venne commutata con la confisca della dignità di pari.
  26. ^ Quasi tutti i prigionieri giacobiti vennero giustiziati nei giorni seguenti per ordine di Lord Cumberland.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Brander, Michael. Scottish and Border Battles and Battles. New York, Random House, 1988. ISBN 0-517-52500-3.
  • Duffy, Christopher. The '45: Bonnie Prince Charlie and the Untold Story of the Jacobite Rising. London, Cassel, 2003. ISBN 0-304-35525-9.
  • Findlay, James Thomas. Wolfe in Scotland in the '45 and from 1749 to 1753. London, Longman, 1928. ISBN non esistente
  • Forbes, Robert. The Lyon In Mourning: Or A Collection Of Speeches, Letters, Journals, Etc. Relative To The Affairs Of Prince Charles Edward Stuart. Kessinger Publishing, 2007. ISBN 978-1-4326-4496-3.
  • Forbes, Robert. Jacobite Memoirs of the Rebellion of 1745. Kessinger Publishing, 2007. ISBN 978-0-548-29930-2.
  • Fortescue, John W. History of the British Army. United Kingdom, Naval & Military Press Ltd., 2006. ISBN 978-1-84574-501-1.
  • Harrington, Peter. Culloden 1746, The Highland Clans' Last Charge. Oxford, Osprey Publishing, 1991. ISBN 978-1-85532-158-8.
  • Hart, Gerald E. The Fall of New France: 1755-1760. Montreal, W. Drysdale &co., 1888. ISBN non esistente
  • Hill Burton, John. The History Of Scotland: From Agricola's Invasion To The Extinction Of The Last Jacobite Insurrection. Kessinger Publishing, 2006. ISBN 978-1-4254-9236-6.
  • MacIean, Fitzroy. Scotland, A Concise History. London, Thames & Hudson, 1991. ISBN 0-500-27706-0.
  • McLynn, F.J. Bonnie Prince Charlie: Charles Edward Stuart. London, Random House, 2003. ISBN 0-7126-0566-5.
  • Norman, Davies. Isole. Storia dell'Inghilterra, della Scozia, del Galles e dell'Irlanda. Milano, Mondadori, 2004. ISBN 88-424-9002-4.
  • Prebble, John. The Lion in the North. London, Penguin Books, 1973. ISBN 0-14-003652-0.
  • Prebble, John. Culloden. London, Random House, 2002. ISBN 978-0-7126-6820-0.
  • Preston, Diana. The Road to Culloden Moor - Bonnie Prince Charlie and the '45 Rebellion. London, Constable & Robinson, 1998. ISBN 978-0-09-476170-4.
  • Reid, Stuart. Culloden Moor 1746: The death of the Jacobite cause. Oxford, Osprey Publishing, 2005. ISBN 978-0-275-98635-3.
  • Sadler, John. Culloden: The Last Charge of the Highland Clans. London, Tempus, 2006. ISBN 0-7524-3955-3.
  • Smith, Hannah. Georgian Monarchy: Politics and Culture, 1714 – 1760. Cambridge, Cambridge University Press, 2006. ISBN 978-0-521-82876-5.
  • Walpole, Horace. Letters (4 voll.). In www.gutenberg.org, 2003.
  • Youngson, A. J. The Prince and the Pretender: Two Views of the '45. Edinburgh, Mercat Press, 1996. ISBN 1-873644-62-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]