Cattedrale di Westminster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale metropolitana del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo
Westminster Metropolitan Cathedral of Most Precious Blood of Our Lord Jesus Christ
Cattedrale di Westminster
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Arms of the Greater London Council.svg Grande Londra
Località City of London logo.svg Londra
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi Arcidiocesi di Westminster
Consacrazione 1910
Architetto John Francis Bentley
Stile architettonico Neoromanico bizantineggiante
Inizio costruzione 1895
Completamento 1903
Sito web (EN) sito ufficiale

La cattedrale di Westminster (Westminster Cathedral) a Londra è la chiesa madre dell'arcidiocesi di Westminster. La cattedrale cattolica è dedicata al Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo (Most Precious Blood of Our Lord Jesus Christ) ed è ubicata in Ashley place, poco distante dalla stazione Victoria, a Westminster.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto della cattedrale si deve all'architetto John Francis Bentley, che ricevette l'incarico dal cardinal Herbert Vaughan, terzo arcivescovo di Westminster. La prima pietra venne posta il 29 giugno 1895 e i lavori si protrassero sino al 1903. Westminster Cathedral venne consacrata nel 1910, quando si completarono i lavori di decorazione degli interni.

La cattedrale di Westminster è stata visitata da papa Giovanni Paolo II, che vi celebrò messa il 28 maggio 1982, e nel 1995 dalla regina Elisabetta II su invito del cardinale arcivescovo Basil Hume in occasione del centenario di fondazione della cattedrale. Inoltre è stata visitata dal papa Benedetto XVI in occasione della sua visita di Stato in Scozia e Inghilterra nel settembre 2010.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Facciata ovest della cattedrale, affiancata dalla torre di St. Edward

L'edificio è in stile neoromanico, con numerosi richiami all'arte bizantina. L'esterno si caratterizza per le cupole orientaleggianti, per il colore rosso dei mattoni e soprattutto per l'alta torre campanaria intitolata a sant'Edoardo, che raggiunge gli 87 metri d'altezza.

L'interno, decorato con marmi e mosaici (raffiguranti scene del Vecchio e Nuovo Testamento), ha pianta a croce latina, dotato di tre navate, transetto e diverse cappelle. La navata centrale, con i suoi 52 metri, è la prima per larghezza in Inghilterra. Dall'arco orientale della navata pende un grandioso crocifisso ligneo alto circa 10 metri.

Nel presbiterio (Sanctuary), l'altare maggiore è sormontato da un baldacchino marmoreo; dietro l'altare si trova la cattedra episcopale, copia del trono papale della basilica di San Giovanni in Laterano a Roma. Dall'abside si accede alla cripta, dedicata a san Pietro, dove si trovano diverse reliquie e tombe di arcivescovi. A destra del presbiterio si apre la cappella dedicata alla Vergine Maria (Lady Chapel), destinata alle celebrazioni feriali; tra le altre opere, vi si trova un relievo bronzeo raffigurante santa Teresa di Lisieux, del Manzù.

Interno della cattedrale

A sinistra del presbiterio si trova invece la cappella del Santissimo Sacramento (Blessed Sacrament Chapel).

Nel braccio sinistro del transetto, la cappella di San Tommaso di Canterbury (Chapel of St Thomas of Canterbury) ospita la tomba del cardinale arcivescovo Vaughan, fondatore della cattedrale.

Nel Battistero (Baptistry), prima cappella della navata laterale destra, si trova il fonte battesimale, copia di quello custodito nella basilica di San Vitale a Ravenna.

Notevoli opere d'arte sono anche i rilievi della Via Crucis, opera di Eric Gill (1882-1940) e il pulpito in marmo bianco in stile cosmatesco.

Organi a canne[modifica | modifica wikitesto]

Organo maggiore[modifica | modifica wikitesto]

L'organo della cattedrale è situato sul matroneo occidentale; costruito tra il 1922 e il 1932 da Henry Willis, è stato restaurato ed ampliato da Harrison & Harrison nel 1984 e nel 1996; durante quest'ultimo intervento, è stato sostituito il sistema di trasmissione trasformandolo in elettrico da pneumatico. L'organo conta 81 registri totali suddivisi fra le quattro tastiere, ciascuna di 61 note, e la pedaliera, di 32 note. Non presenta mostra e le sue canne sono celate dietro dei pannelli lignei riccamente intagliati. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Choir
Contra dulciana 16'
Open diapason 8'
Viola 8'
Cor de nuit 8'
Cor de nuit celestes 8'
Sylvestrina 8'
Gemshorn 4'
Nason Flute 4'
Nazard 2.2/3'
Octavin 2'
Tierce 1.3/5'
Trompette 8'
Tremulant
Seconda tastiera - Great
Great First Division
Double Open Diapason 16'
1st Open diapason 8'
2nd Open diapason 8'
Octave 4'
Octave quint 2.2/3'
Super octave 2'
Grand chorus V
Double trumpet 16'
Trumpet 8'
Clarion 4'
Great Second Division
Bourdon 16'
3rdOpen diapason 8'
Flûte harmonique 8'
Quint 5.1/3'
Principal 4'
Flûte couverte 4'
Tenth 3.1/5'
Twelfth 2.2/3'
Fifteenth 2'
Terza tastiera - Swell
Violon 16'
Geigen diapason 8'
Rohr flute 8'
Echo viole 8'
Viole celeste 8'
Octave geigen 4'
Suabe flute 4'
Twelfth 2.2/3'
Fifteenth 2'
Harmonics III
Vox Humana 8'
Oboe 8'
Tremulant
Waldhorn 16'
Trumpet 8'
Clarion 4'
Quarta tastiera - Solo
Quintaten 16'
Violoncello 8'
Cello celestes 8'
Tibia 8'
Salicional 8'
Unda maris 8'
Concert flute 4'
Piccolo harmonique 2'
Cor anglais 16'
Corno-di-Bassetto 8'
Orchestral oboe 8'
Tremulant
French Horn 8'
Orchestral Trumpet 8'
Tuba Magna 8'
Pedal
Double open bass 32'
Open bass 16'
Open diapason 16'
Contra bass 16'
Sub bass 16'
Violon 16'
Dulciana 16'
Octave 8'
Principal 8'
Flute 8'
Super octave 4'
Seventeenth 3.1/5'
Nineteenth 2.2/3'
Twenty-second 2'
Contre Bombarde 32'
Bombarde 16'
Trombone 16'
Octave trombone 8'

Organo dell'abside[modifica | modifica wikitesto]

Nell'abside si trova il secondo organo della cattedrale, costruito da Lewis nel 1910 circa e ricostruito ed ampliato da Harrison & Harrison nel 1984[1]. Lo strumento, a trasmissione elettrica, ha due tastiere di 61 note ciascuna ed una pedaliera di 32. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Great Organ
Double Open Diapason 16'
1st Open Diapason 8'
2nd Open Diapason 8'
Stopped Diapason 8'
Octave 4'
Open Flute 4'
Octave Quint 2.2/3'
Super Octave 2'
Fifteenth 2'
Mixture III
Grand Chorus V
Double trumpet 16'
Trumpet 8'
Claroon 8'
Tuba magna 8'
Tremulant
Seconda tastiera - Swell
Lieblich Gedact 16'
Salicional 8'
Unda Maris 8'
Gemshorn 4'
Spitzflute 2'
Mixture III
Contra hautboy 16'
Cornopean 8'
Tuba magna 8'
Pedal
Sub Bass 32'
Open Bass 16'
1st Open Diapason 16'
2nd Open Diapason 16'
Bourdon 16'
1st Principal 8'
2nd Principal 8'
Flute 8'
Fifteenth 4'
Superoctave 4'
Contre Bombarde 32'
Bombarde 16'

Tombe di vescovi e arcivescovi della cattedrale[modifica | modifica wikitesto]

In ordine di anni d'Ufficio (tra parentesi il periodo in cui sono stati un carica):

  • Richard Challoner (1691-1781) Vicario Apostolico del Distretto di Londra (Re-interrato nella cattedrale nel 1946)
  • Nicholas Wiseman (28 settembre 1850-15 febbraio 1865) Primo arcivescovo di Westminster dopo il ristabilimento della gerarchia cattolica in Inghilterra ed in Galles nel 1850; fu anche cardinale
  • Henry Edward Manning (16 maggio 1865-14 gennaio 1892) Arcivescovo di Westminster e cardinale
  • Herbert Vaughan (8 aprile 1892-19 giugno 1903) Arcivescovo di Westminster e cardinale
  • Arthur Hinsley (1 aprile 1935- 17 marzo 1943) Arcivescovo di Westminster e cardinale
  • Bernard William Griffin (18 dicembre 1943-19 agosto 1956) Arcivescovo di Westminster
  • William Godfrey (3 dicembre 1956-22 gennaio 1963) Arcivescovo di Westminster e cardinale
  • John Carmel Heenan (22 febbraio 1965-7 novembre 1975) Arcivescovo di Westminster e cardinale
  • Basil Hume (9 febbraio 1976-17 giugno 1999) Arcivescovo di Westminster e cardinale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 51°29′46″N 0°08′23″W / 51.496111°N 0.139722°W51.496111; -0.139722