Charles Grey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Grey
Ritratto di Charles Grey, II conte Grey

Ritratto di Charles Grey, II conte Grey


Primo Ministro del Regno Unito
Durata mandato 22 novembre 1830 –
16 luglio 1834
Capo di Stato Guglielmo IV
Predecessore Arthur Wellesley, I duca di Wellington
Successore William Lamb, II visconte Melbourne

Dati generali
Prefisso onorifico Coronet of a British Earl.svg
The Right Honourable
Suffisso onorifico Conte Grey
KG, PC
Partito politico Partito Whig
Alma mater Trinity College, Cambridge

Charles Grey, Conte Grey (Fallodon, 13 marzo 1764Howick, 17 luglio 1845), è stato un politico britannico.

Fu leader dei "Whig" (Partito Liberale). A soli 22 anni fu eletto membro del Parlamento inglese. Nel 1794 sposò la figlia di un leader liberale irlandese, Mary Elizabeth Ponsonby. Nel 1806 fu primo lord dell'Ammiragliato e successivamente segretario agli Esteri. Fu fautore dell'emancipazione dei cattolici nel Regno.

È stato primo ministro del Regno Unito dal 22 novembre 1830 al 16 luglio 1834. Con il Reform Act del 1832, modernizzò il sistema elettorale inglese. Oltre alla sua attività politica è associato anche alla qualità di tè, dal leggero aroma di bergamotto, denominata appunto "Earl Grey".

Ebbe una figlia illegittima da Georgiana Spencer, duchessa di Devonshire, nel 1792: Eliza Courtney (un'antenata di Sarah, Duchessa di York).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Discendente da una antica famiglia residente a Howick Hall, Grey era il secondo ma il primo dei figli sopravvissuti del generale Sir Charles Grey (1729–1807) e di sua moglie, Elizabeth (1743/4–1822), figlia di George Grey di Southwick. Egli aveva altri quattro fratelli e due sorelle. Charles venne educato a Eton ed al Trinity College di Cambridge,[1] acquisendo con facilità ampie conoscenze in latino e inglese nonché in declamazione ed oratoria. Grey venne eletto al parlamento all'età di 22 anni nel 1786, aderendo al circolo degli Whig di Charles James Fox, Richard Brinsley Sheridan e del Principe di Galles, distinguendosi subito come personalità di rilievo. Egli fu inoltre il membro più giovane della commissione istituita per giudicare Warren Hastings. Lo storico Whig T. B. Macaulay scrisse di lui nel 1841:

In un'epoca in cui i valorosi si contendono i posti di rilievo nei college, egli ha vinto il suo cospicuo posto in parlamento. Nessun vantaggio o fortuna o legame particolare lo aspettavano, ma solo il suo talento ed il suo onore impeccabile. All'età di 23 anni è già equiparato ai veterani della politica.[2]

Lord Grey, c. 1820.

Grey divenne noto in parlamento per essere uno strenuo sostenitore dell'emancipazione dei cattolici. La sua storia d'amore con Georgiana Spencer, prima moglie di William Cavendish, V duca del Devonshire e anch'essa attiva nella politica dell'epoca, gli diede alcuni problemi.

Nel 1806, Grey divenne parte del gabinetto di governo (coalizione guidata dai Whig di Fox e dai sostenitori di William Wyndham Grenville, I barone Grenville oltre che da Henry Addington, I visconte Sidmouth) come Primo Lord dell'Ammiragliato. A seguito della morte di Fox sul finire di quell'anno, Grey divenne Segretario di Stato per gli Affari Esteri e leader del partito degli Whigs.

Il governo cadde l'anno successivo, e dopo un breve periodo come semplice deputato al parlamento per la circoscrizione elettorale di Appleby dal maggio al luglio del 1807, Grey succedette al padre come Conte Grey ed entrò nella Camera dei Lords. Egli continuò a rimanere all'opposizione per i 23 anni successivi.

Il Great Reform Act[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1830, i Whigs finalmente ritornarono al potere e Grey venne proposto e poi eletto alla carica di Primo Ministro. Il suo ministero fu rilevante in quanto vide il passaggio del Reform Act, che portò ad una radicale riforma della Camera dei Comuni e l'abolizione della schiavitù nell'Impero Britannico nel 1833. Con gli anni, ad ogni modo, Grey era divenuto più conservatore e prendeva molta attenzione nella gestione di nuove riforme. Nel 1834 Grey si ritirò dalla vita pubblica, lasciando quale suo successore William Lamb, II visconte Melbourne.

Grey ritornò a Howick ma mantenne stretti contatti col mondo politico e col nuovo gabinetto di governo di Melbourne. Come dichiarò nell'ultimo suo discorso pubblico al Grey Festival organizzato in suo onore a Edimburgo nel settembre del 1834, il suo proposito di rafforzare e preservare la costituzione per renderla più accettabile alla popolazione e specialmente alla borghesia che furono tra i principali beneficiari del Reform Act, avrebbe dovuto garantire un beneficio anche al paese, "conformemente all'accresciuta capacità di comprendere della popolazione ed alle necessità dell'epoca".[3] Era il discorso di un uomo politico conservatore.[4]

Il ritiro dalla vita politica[modifica | modifica wikitesto]

Grey trascorse gli ultimi anni della sua vita in un ritiro quasi totale dal mondo, immerso nei suoi impegni di famiglia, nei libri e negli amatissimi cani. Egli divenne flebile fisicamente e morì nel suo letto il 17 luglio 1845.[5] Venne sepolto nella chiesa locale il 26 luglio di quello stesso anno alla presenza dei famigliari e degli amici più cari oltre che dei colleghi di politica.[4]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Grey sposò Mary Elizabeth Ponsonby (1776–1861), unica figlia di William Ponsonby, I barone Ponsonby e di Louisa Molesworth nel 1794. Il matrimonio fruttò 16 figli, di cui dieci maschi e sei femmine:

  • una figlia (nata morta nel 1796)
  • Louisa Elizabeth Grey (7 aprile 1797 - 26 novembre 1841); sposò John Lambton, I conte di Durham
  • Lady Elizabeth Grey (10 luglio 1798- 8 novembre 1880); sposò John Crocker Bulteel (m. 10 settembre 1843)
  • Lady Caroline Grey (30 agosto 1799 - 28 aprile 1875); sposò il capitano George Barrington
  • Lady Georgiana Grey (17 febbraio 1801 - 1900); morì nubile
  • Henry George Grey, III conte Grey (28 dicembre 1802 - 9 ottobre 1894), divenne politico come il padre
  • Charles Grey (15 marzo 1804 - 31 marzo 1870), generale, fu padre di Albert Grey, IV conte Grey
  • Frederick William Grey (23 agosto 1805 - 2 maggio 1878), ammiraglio
  • Mary Grey (2 maggio 1807 - 6 luglio 1884); sposò Charles Wood, I visconte Halifax
  • William Grey (13 maggio 1808 - 11 febbraio 1815)
  • George Grey (16 maggio 1809 - 3 ottobre 1891), ammiraglio
  • Thomas Grey (29 dicembre 1810 - 8 luglio 1826)
  • Rev. John Grey (2 marzo 1812 - 11 novembre 1895)
  • Rev. Sir Francis Richard Grey (31 marzo 1813 - 22 marzo 1890), sposò Elizabeth Howard (1816–1891), figlia di George Howard, VI conte di Carlisle
  • Henry Cavendish Grey (16 ottobre 1814 - 5 settembre 1880)
  • William George Grey (15 February 1819 - 19 dicembre 1865)

Grey, durante le sue frequenti assenze, ebbe anche altre relazioni amorose con altre donne.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Alla relazione di Charles Grey con la duchessa Georgiana Cavendish è ispirato il film La duchessa (The Duchess) del 2008 diretto da Saul Dibb, basato sulla biografia Georgiana, di Amanda Foreman.
  • Il tè Earl Grey, nero aromatizzato all'olio di bergamotto, prende il nome da Charles Grey in quanto egli fu il primo a cui venne regalato in segno di omaggio. Da sua moglie invece, Lady Mary Elizabeth Grey, prende il nome un'altra popolare varietà di tè nero aromatizzata all'olio di bergamotto, scorza di limone e scorza d'arancia amara: il tè Lady Grey.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Ordine Reale Guelfo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Ordine Reale Guelfo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) J. & J. A. Venn, Grey, Charles in Alumni Cantabrigienses, Cambridge University Press, 1922–1958.
  2. ^ Thomas Babington Macaulay, ‘Warren Hastings’, Edinburgh Review LXXIV (October, 1941), pp. 160-255.
  3. ^ Edinburgh Weekly Journal, 17 September 1834.
  4. ^ a b E. A. Smith, ‘Grey, Charles, second Earl Grey (1764–1845)’, Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, Sept 2004; online edn, May 2009, accessed 13 Feb 2010.
  5. ^ GRO Register of Deaths: SEP 1845 XXV 130 ALNWICK

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Deputato al parlamento per il Northumberland Successore Union flag 1606 (Kings Colors).svg
Algernon Percy, 1st Earl of Beverley
William Middleton, V baronetto
17861800
William Middleton, V baronetto
Thomas Richard Beaumont
Parlamento del Regno Unito
Predecessore Deputato al parlamento per il Northumberland Successore Flag of the United Kingdom.svg
Parlamento del Regno di Gran Bretagna 18011807
Thomas Richard Beaumont
Hugh Percy, III duca di Northumberland
Thomas Richard Beaumont
Predecessore Deputato al parlamento per il Appleby Successore Flag of the United Kingdom.svg
Philip Francis
John Courtenay
maggio-giugno 1807
James Ramsay Cuthbert
Nicholas Ridley-Colborne, I barone Colborne
James Ramsay Cuthbert
Predecessore Deputato al parlamento per il Tavistock Successore Flag of the United Kingdom.svg
Richard FitzPatrick
William Russell
luglio-novembre 1807
William Russell
George Ponsonby
William Russell
Predecessore Primo Lord dell'Ammiragliato Successore Flag of the Lord High Admiral of the United Kingdom.svg
Charles Middleton 1806 Thomas Grenville
Predecessore Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth Successore Royal Coat of Arms of the United Kingdom (HM Government).svg
Charles James Fox 1806-1807 George Canning
Predecessore Leader della Camera dei Comuni Successore Royal Coat of Arms of the United Kingdom (HM Government).svg
Charles James Fox 1806-1807 Spencer Perceval
Predecessore Primo ministro del Regno Unito Successore Flag of the United Kingdom.svg
Arthur Wellesley, I duca di Wellington 1830 - 1834 William Lamb, II visconte Melbourne
Predecessore Leader della Camera dei Lords Successore Royal Coat of Arms of the United Kingdom (HM Government).svg
Arthur Wellesley, I duca di Wellington 1830-1834 William Lamb, II visconte Melbourne
Predecessore Leader del Partito Whig Successore Royal Coat of Arms of the United Kingdom (HM Government).svg
Sconosciuto 1830-1834 William Lamb, II visconte Melbourne
Predecessore Leader del Partito Whig alla Camera dei Lords Successore Royal Coat of Arms of the United Kingdom (HM Government).svg
Sconosciuto 1830-1834 William Lamb, II visconte Melbourne
Predecessore Conte Grey Successore Flag of the United Kingdom.svg
Charles Grey, I conte Grey 1807-1845 Henry Grey, III conte Grey

Controllo di autorità VIAF: 25397201 LCCN: n83070446

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie