Benjamin Disraeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Disraeli" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Disraeli (disambigua).
Benjamin Disraeli, I conte di Beaconsfield
Disraeli.jpg

Primo ministro del Regno Unito
Durata mandato 20 febbraio 1874 –
21 aprile 1880
Capo di Stato Regina Vittoria
Predecessore William Ewart Gladstone
Successore William Ewart Gladstone

Durata mandato 27 febbraio 1868 –
1º dicembre 1868
Capo di Stato Regina Vittoria
Predecessore Edward Smith-Stanley, XIV conte di Derby
Successore William Ewart Gladstone

Dati generali
Prefisso onorifico Coronet of a British Earl.svg
The Right Honourable
Suffisso onorifico KG PC FRS
Partito politico Partito Conservatore
Firma Firma di Benjamin Disraeli, I conte di Beaconsfield

Benjamin Disraeli, I conte di Beaconsfield (Londra, 21 dicembre 1804Londra, 19 aprile 1881), è stato un politico e scrittore britannico.

Ha fatto parte del Partito Conservatore ed è stato Primo ministro del Regno Unito due volte: dal 27 febbraio al 3 dicembre 1868 e dal 20 febbraio 1874 al 23 aprile 1880.

Pur distinguendosi per essere uno dei principali protezionisti del partito conservatore dopo il 1844, le relazioni di Disraeli con altre importanti figure del suo partito, in particolare con lord Derby, furono il frutto particolare che lo portò a tanta fama. Dal 1852, inoltre, la carriera di Disraeli venne contraddistinta dalla sua marcata rivalità con William Ewart Gladstone per la guida del Partito Liberale. In questa faida, Disraeli venne supportato dalla sua grande amicizia con la regina Vittoria. Nel 1876 Disraeli venne elevato al rango di conte di Beaconsfield dopo quarant'anni di onorato servizio alla Camera dei Comuni.

Prima e durante la sua carriera politica, Disraeli era ben conosciuto per essere una figura sociale e letteraria di fama anche se generalmente le sue novelle non sono riconosciute come una grande opera del periodo vittoriano. Egli scrisse prevalentemente romanzi dei quali "Sybil" e "Vivian Grey" sono ancora oggi i più conosciuti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

I biografi di Disraeli vogliono la sua famiglia di origini italiane, da ebrei sefarditi, mentre egli si proclamava di discendenza portoghese, situando i suoi antenati a prima dell'espulsione degli ebrei dalla Spagna nel 1492 (dopo tale episodio gli ebrei emigrati si divisero in due gruppi, uno che giunse in Italia e l'altro che si diresse verso i Paesi Bassi e poi in Inghilterra).[1] Gli storici moderni tendono a vederlo essenzialmente come un marrano nel senso spagnolo del termine.[2][3]

Egli era il figlio secondogenito ma il primo sopravvissuto degli eredi di Isaac D'Israeli, critico letterario e storico, e di sua moglie Maria Basevi. Benjamin cambiò il proprio cognome in Disraeli negli anni venti dell'Ottocento.[4] Tra i suoi fratelli e sorelle citiamo Sarah (1802–1859), Naphtali (1807), Ralph (1809–1898) e James (1813–1868).[5] Benjamin nei primi anni frequentò una piccola scuola, la "Reverend John Potticary's school" di Blackheath.[6] Suo padre fece battezzare il figlio Benjamin nel luglio del 1817 dopo una disputa con la loro sinagoga. Dal 1817 Benjamin frequentò la scuola a Higham Hill, in Walthamstow, sotto Eliezer Cogan. I suoi fratelli minori, invece, frequentarono il Winchester College.[7]

Isaac D'Israeli, padre di Benjamin Disraeli

Il padre lo aveva destinato ad intraprendere la carriera legislativa e Benjamin venne associato alla studio di un avvocato dal 1821. Nel 1824, Disraeli andò in tour nel Belgio e nella Valle del Reno con suo padre e successivamente scrisse che fu proprio navigando sul Reno che egli maturò la decisione di abbandonare la carriera della legge: "Lo decisi discendendo quelle magiche acque che non sarei stato un avvocato."[8] Egli visitò nell'area le città di Oppenheim e Spira, luoghi entrambi ove si trovavano grandi comunità ebraiche. Tornato in patria venne coinvolto in affari col finanziere J. D. Powles il quale lo coinvolse nello sfruttamento minerario dei giacimenti del sud America e per il quale scrisse numerosi pamphlet pubblicitari a promozione della compagnia.[9]

Quello stesso anno le attività finanziarie intraprese da Disraeli lo portarono in contatto col pubblicista John Murray, anch'egli coinvolto nel mercato minerario sudamericano. I due si accordarono per fondare un giornale, The Representative, intenzionati a promuovere non solo le imprese minerarie ma anche i politici che le supportavano come ad esempio George Canning. Il giornale si dimostrò un fallimento e questo fatto rovinò sia Powles che Disraeli.[10]

Prima di entrare in parlamento, Disraeli ebbe relazioni con diverse donne tra le quali Henrietta, lady Sykes (moglie di Sir Francis Sykes, III baronetto), la quale gli fu modello per il romanzo Henrietta Temple. Fu Henrietta del resto a presentare Disraeli a Lord Lyndhurst, con la quale successivamente ella ebbe anche una relazione. Come il biografo Blake osservò: "Le vere relazioni tra i tre non possono essere determinate con certezza anche se è innegabile che l'atto favorì di molto Disraeli assieme ad altri episodi."[11]

Nel 1839 egli decise di "mettere la testa a posto" sposando Mary Anne Lewis, ricca vedova del politico Wyndham Lewis, collega di Disraeli a Maidstone. Mary Lewis aveva 12 anni più di Benjamin e la loro unione venne vista come basata essenzialmente sul fattore finanziario, fu invece molto felice.[12]

La carriera letteraria[modifica | modifica wikitesto]

Disraeli si dedicò quindi alla letteratura dopo il disastro finanziario delle miniere sudamericane. Motivato in parte dal suo disperato bisogno di denaro, egli scrisse la sua prima novella, Vivian Grey, nel 1826. I biografi di Disraeli sono concordi nel ritenere che Vivian Grey sia di fatti una riproposizione in chiave romanzata di quanto accadde col The Representative, e lo scritto diede prova di divenire molto popolare anche se causò non pochi problemi ai Tory quando l'identità dell'inizialmente anonimo scrittore venne scoperta, perché prevalentemente il libro metteva in caricatura la figura di John Murray.[13]

A Young Disraeli
dipinto di Francis Grant, 1852

Dopo aver scritto Vindication of the English Constitution,[14] e molti pamphlet politici, Disraeli scrisse una serie di novelle tra le quali citiamo The Young Duke (1831), Contarini Fleming (1832), Alroy (1833), Venetia e Henrietta Temple (1837). Durante quello stesso periodo egli scrisse anche The Revolutionary Epick e tre burlesques: Ixion, The Infernal Marriage e Popanilla. Di tutte queste novelle solo Henrietta Temple fu un vero successo.[15]

Durante gli anni quaranta dell'Ottocento Disraeli scrisse tre novelle politiche conosciute col nome di "the Trilogy": Sybil, Coningsby e Tancred.[16]

Malgrado il successo, le relazioni di Disraeli con altri scrittori del suo tempo furono pressoché nulle. La scrittura di Disraeli piaceva ai lettori essenzialmente perché originale e con frasi brillanti che rimanevano nella memoria, con tocchi stravaganti e di effetto."[17]

Al parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Lord John Manners, amico di Disraeli e figura principe del movimento della Giovane Inghilterra.

Disraeli aveva considerato di intraprendere la carriera politica già dagli anni trenta dell'Ottocento, prima di partire alla volta del Mediterraneo. Il suo primo contatto col mondo politico avvenne nel 1832, durante la grande crisi scoppiata a seguito del Reform Bill, alla quale egli contribuì con un pamphlet anti-Whig edito da John Wilson Croker e pubblicato da Murray col titolo Inghilterra e Francia ovvero una cura per la Gallomania ministeriale. Lo spirito politico di Disraeli in quel suo primo periodo era influenzato sia dalla sua indole rivoluzionaria sia dal suo desiderio di lasciare il segno in materia di politica. Sui partiti esistenti così egli si esprimeva: «il toryismo è ormai superato e non posso accondiscendere nell'essere uno Whig».[18] Pertanto egli si presentò nelle file dei Radicali e tentò la prima scalata alle elezioni nel 1837 con i Tories nella circoscrizione di Maidstone.[19]

Pur essendo un Conservatore, Disraeli aveva simpatie per il Cartismo ed era favorevole ad un'alleanza tra aristocrazia terriera e classe lavoratrice contro il crescente potere dei mercanti e dei nuovi industriali della borghesia. Egli si decise quindi a supportare la nascita della Giovane Inghilterra nel 1842, un gruppo con lo scopo di promuovere la visione secondo la quale i landlord dovevano usare il loro potere per proteggere i poveri dalle prevaricazioni degli uomini d'affari della media classe. Durante i vent'anni trascorsi tra le Corn Laws ed il Second Reform Bill, Disraeli cercò un'alleanza tra Tory e Radicali.

La protezione[modifica | modifica wikitesto]

Sir Robert Peel, primo ministro nel 1834–35 e nel 1841–46

Il primo ministro Sir Robert Peel vinse le elezioni e lentamente Disraeli divenne uno dei suoi più acerrimi critici, spesso mantenendo posizioni deliberatamente contrarie a quello che era il suo capo nominale.[20] Il più noto di questi casi d'opposizione fu il Maynooth grant del 1845 e la ripresa della questione sulle Corn Laws nel 1846. La fine del 1845 ed i primi mesi del 1846 vennero dominati dalla battaglia in parlamento tra i "free traders" ed i protezionisti proprio sulla questione delle Corn Laws. Una parte dei conservatori, i radicali e gli whigs formarono un'alleanza a favore dei free traders ed a questo punto il partito conservatore si divise: i Peeliti si posero contro gli Whigs e venne formata una nuova fazione protezionista dei conservatori guidata da Disraeli, Bentinck e Lord Stanley (po Lord Derby). Il contesto generale di discussione era anche la questione della carestia in Irlanda alla quale Peel era intenzionato a rimediare con l'importazione di grano.

Il termine "corn", infatti, non si riferiva al mais americano quanto piuttosto al grano prodotto in Inghilterra che era alla base della produzione del pane, alimento essenziale per la sopravvivenza della popolazione. Le Corn Laws imponevano quindi una tassa d'importazione del grano inglese verso l'Irlanda che, se abolita, sarebbe venuta incontro alle esigenze della popolazione irlandese ma avrebbe impoverito i landlords inglesi. Peel immediatamente propose di abolire tale tassa. Per i conservatori dunque si pose il problema di quale decisione prendere soprattutto dopo che i politici di maggiore esperienza in quella falange si erano schierati con Peel per l'emergenza. Disraeli dunque si trovò naturalmente a capo della fazione emergente all'interno della compagine politica ed assunse le redini di leader.[21] Dalla Camera dei Lords, il Duca di Argyll scrisse che Disraeli "era quasi come un subalterno in una grande battaglia dove ogni superiore fosse stato ucciso o ferito."[22] Se la rimanenza del partito conservatore poteva ottenere un consenso necessario a formare un nuovo governo, Disraeli era ora la pedina vincente in campo. Ad ogni modo egli era a capo di un gruppo di parlamentari senza esperienza o quasi e molti di questi raramente aveva intrapreso dei discorsi alla Camera dei Comuni.[23]

Bentinck e la leadership[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1847 avvenne una piccola crisi politica che Bentinck dalla leadership della fazione ed evidenziò Disraeli. Nelle elezioni generali di quell'anno, Lionel de Rothschild era divenuto deputato per la Città di Londra. Sin dall'emancipazione dei cattolici, ai membri del parlamento veniva richiesto di giurare "una vera fede di cristiano". Rothschild, segretamente ebreo, non poteva giurare e come tale non era in grado di occupare la propria posizione. Lord John Russell, il capo degli Whigs che era succeduto a Peel alla carica di primo ministro e come Rothschild membro del parlamento per la Città di Londra, introdusse il Jewish Disabilities Bill per cercare di permettere anche agli ebrei di entrare in parlamento.[24]

Lord George Bentinck, leader conservatore alla camera dei comiuni nel periodo 1846–48

Disraeli si dichiarò favorevole a quest'idea aggiungendo inoltre che la cristianità era un "giudaismo completato", apostrofando la camera dei comuni con la famosa frase: "Dov'è il vostro cristianesimo se non credete nel giudaismo?". Famosa fu anche la sua tesi (espressa nel Tancred) secondo la quale il giudaismo avrebbe favorito la nascita del cristianesimo con l'uccisione di Gesù Cristo.[25] Ad ogni modo il discorso di Disraeli venne mal recepito dalla sua parte politica quando gran parte degli anglicani erano sfavorevoli al decreto. Samuel Wilberforce, vescovo di Oxford e amico di Disraeli, si espresse duramente contro la riforma accusando lord Russell di voler introdurre gli ebrei in parlamento di modo da garantirsi il loro supporto alle elezioni.[26] Bentinck, che era il leader dei conservatori alla Camera dei Comuni, decise di affiancare Disraeli nel voto favorevole al decreto inneggiando alla tolleranza religiosa ed alla laicità dello Stato.[27]

Nel dibattito che ne seguì, Bentinck rassegnò le proprie dimissioni dalla guida del partito ed ebbe dei contrasti anche con lord Stanley (leader alla Camera dei Lords), il quale era contrario al decreto e giudicava blasfeme le parole di Disraeli. Bentinck venne succeduto da Lord Granby.[28] Nel frattempo, Disraeli si avvicinò molto a Bentinck col quale reperì i finanziamenti necessari ad acquistare la bella residenza di campagna di Hughenden Manor, nel Buckinghamshire, presupposto essenziale all'epoca per poter essere considerato un conservatore. Disraeli e la moglie si alternarono tra Hughenden e le molte case di loro proprietà in Londra.[29]

Dopo nemmeno un mese Granby diede le proprie dimissioni dalla guida della Camera dei Comuni sentendosi inadeguato a ricoprire quell'incarico e non venne rimpiazzato per la durata della sessione parlamentare. All'inizio della nuova sessione, la politica venne gestita dal triumvirato Granby-Disraeli-Harries che fu indicativo delle tensioni tra Disraeli ed il resto del suo partito. Questo confuso arrangiamento politico si concluse con le dimissioni di Granby nel 1851 e la sempre maggiore luce data alla figura di Disraeli.[30]

Gli incarichi politici[modifica | modifica wikitesto]

Il primo governo Derby[modifica | modifica wikitesto]

Il conte di Derby, primo ministro nel 1852, 1858–59 e 1866–68

La prima opportunità per i tories protezionisti sotto la guida di Disraeli e Stanley di ottenere il governo avvenne nel 1851 quando il primo governo di Lord John Russell venne sconfitto alla Camera dei Comuni sulla questione dell'Ecclesiastical Titles Act 1851. Disraeli sarebbe divenuto Home Secretary mentre Stanley sarebbe divenuto primo ministro. Tra gli altri possibili ministri si includevano Sir Robert Inglis, Henry Goulburn, John Charles Herries e Lord Ellenborough. I peeliti, ad ogni moo, si rifiutarono di prestare servizio nel governo di lord Stanley o con Disraeli per la questione dei "free traders" ancora bruciante e pertanto fallì l'idea di creare un governo puramente protezionista.[31]

Russell riprese il suo incarico di primo ministro, ma nuovamente diede le proprie dimissioni nel 1852 quando una combinazione di protezionisti e Lord Palmerston lo sconfissero sul Militia Bill. Questa volta Lord Derby ottenne lincarico e con generale sorpresa nominò Disraeli Cancelliere dello Scacchiere.[32]

Tra le proprietà di Disraeli nel suo nuovo compito vi era la produzione di un rendiconto statale per l'anno fiscale venturo. Disraeli propose di ridurre le tasse sulla malta[33] e sul tè[34] (tasse indirette); progettò invece di aumentare le tasse sulla casa.[35] Egli propose invece la controversa tassa diretta in base al reddito.[36]

Come già notato, Disraeli si era opposto nel giugno del 1846 alla cancellazione delle Corn Laws, ma il passaggio del decreto aveva impoverito i contadini e i proprietari terrieri inglesi e aveva fatto decadere il prezzo generale del pane e del grano. Disraeli pensò a questo punto di alleviare gli svantaggi economici dei coltivatori abbuonando loro alcune tasse che sarebbero state aumentate a tutti i non agricoltori.[37] Il budget venne visto da molti Whigs come una "ricompensa per i landlords" con un tocco di vendetta per il passaggio della legge.[38]

Disraeli venne quindi criticato per aver mischiato i molti fattori coinvolti nella vicenda e la sua proposta ulteriore di estendere le tasse in Irlanda gli procurò altri nemici. Questo fatto, combinato assieme all'inesperienza generale del governo e di Disraeli, portò ad un fallimento del piano finanziario ed alla consequenziale caduta del governo il 17 dicembre 1852.

All'opposizione[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta del governo, Disraeli e i conservatori tornarono all'opposizione. Il successore di lord Derby alla carica di primo ministro fu il peelita Lord Aberdeen, il cui ministero venne composto da peeliti e whigs. Disraeli stesso venne succeduto nei suoi incarichi di cancelliere da Gladstone.[39]

Il secondo governo Derby[modifica | modifica wikitesto]

Il visconte Palmerston, primo ministro nel 1855–58 e nel 1859–65

Il primo governo di Lord Palmerston collassò nel 1858 dopo l'affare Orsini e lord Derby riprese il controllo della situazione come capo di una sola e pura amministrazione conservatrice. Disraeli rimase a capo della Camera dei Comuni e ritornò al ruolo di Cancelliere dello Scacchiere. Una delle prime azioni del nuovo governo fu quella di decretare delle misure per riorganizzare il governo dell'India dopo le rivolte che avevano dimostrato l'inadeguatezza del controllo da parte della Compagnia delle Indie Orientali Britanniche ed aveva acconsentito al passaggio del governo diretto dell'area alla Corona britannica. Il primo tentativo di legislazione venne portato avanti dal President of the Board of Control, Lord Ellenborough, il quale in precedenza era già stato Governatore generale dell'India (1841–44). Il decreto, ad ogni modo, dovette essere rivisto in più punti per le critiche ricevute e poco dopo lord Ellenborough venne forzato a dimettersi per lasciare spazio alle idee del nuovo governatore, Lord Canning.[40]

Trovandosi mancanti di un incarico, Disraeli e lord Derby tentarono nuovamente di coinvolgere Gladstone nel governo. Disraeli scrisse una lettera personale a Gladstone pregandolo di mettere il bene del partito dinnanzi alla sua personale animosità: "Ogni uomo vive il proprio incarico e c'è un Potere più grande di tutti noi che dispone tutto ciò..." In risposta a Disraeli, Gladstone rifiutò l'offerta rimarcando ancora il perché dei suoi rifiuti anche precedenti.

Con il rifiuto di Gladstone, lord Derby e Disraeli guardarono altrove e la scelta ricadde su Edward Bulwer-Lytton, il quale divenne Segretario di Stato per le Colonie; il figlio di lord Derby, Lord Stanley, succedette a Ellenborough alla guida della Board of Control. Stanley, con l'assistenza di Disraeli, propose e guidò l'India Act col quale il subcontinente sarebbe stato governato per i successivi sessant'anni. La Compagnia delle Indie Orientali ed il suo governatore generale vennero rimpiazzati con un viceré e un consiglio locale, mentre il ruolo di presidente della Board of Control venne abolito e sostituito con il Segretario di Stato per l'India.[41]

Il 1867 Reform Bill[modifica | modifica wikitesto]

William Ewart Gladstone
primo ministro per ben quattro volte

Dopo la sconfitta del Liberal Reform Bill introdotto da Gladstone nel 1866,[42] Disraeli e Derby introdussero delle loro misure nel 1867.[43] Questo atto era innanzitutto una strategia politica atta a dare al partito conservatore il controllo del processo della riforma e i benefici a lungo termine della Camera dei Comuni. Si pensò quindi che se i conservatori fossero stati in grado di assicurare questo decreto legislativo, l'elettorato sarebbe stato rinfrancato ed avrebbe potuto rivolgersi più favorevolmente verso i tories alle elezioni successive. Il Reform Act 1867 estese il diritto di voto a tutti i capifamiglia maschi, eliminando nel contempo i sobborghi cittadini con meno di 10.000 abitanti e garantendo quindici nuovi seggi elettorali dei quali le rappresentanze maggiori furono Liverpool e Manchester.[44] Questo atto ad ogni modo fu impopolare anche tra i conservatori più estremi come Lord Cranborne (poi marchese di Salisbury), il quale decise di dimettersi in protesta al passaggio del decreto.

Il primo governo da primo ministro[modifica | modifica wikitesto]

La salute di lord Derby intanto andava peggiorando ed egli si dimise da primo ministro nel febbraio del 1868 per poi sopravvivere appena altri venti mesi. Non vi erano ormai dubbi che Disraeli gli sarebbe succeduto come leader del partito conservatore e poi come primo ministro.

Ad ogni modo i conservatori continuavano ad essere in minoranza alla Camera dei Comuni e il passaggio del Reform Bill aveva richiesto nuove elezioni. L'incarico di Disraeli come primo ministro fu sostanzialmente breve anche se i conservatori riuscirono a vincere le elezioni generali. Egli fece due cambi essenziali nel gabinetto di governo: rimpiazzò Lord Chelmsford al ruolo di Lord Cancelliere con Lord Cairns, e pose George Ward Hunt al ruolo di Cancelliere dello Scacchiere. Disraeli e Chelmsford non erano mai andati particolarmente d'accordo e nella visione di Disraeli, Cairns era un ministro molto più adatto.[45]

La prima premiership di Disraeli fu dominata dal dibattito sulla Chiesa d'Irlanda. Anche se l'Irlanda era in maggioranza cattolica romana, la chiesa protestante rimaneva la religione di Stato e pretendeva delle tasse proprie sul territorio. Inizialmente Disraeli tentò di negoziare con il cardinale Henry Edward Manning per la fondazione dell'Università cattolica di Dublino ma Gladstone si schierò per la creazione di una chiesa d'Irlanda. La proposta divise il partito conservatore e si riunì nel partito liberale alla guida di Gladstone. Mentre il governo di Disraeli sopravvisse sino alle elezioni generali del dicembre 1868, l'iniziativa era passata ai liberali che tornarono al potere con una maggioranza di 170 seggi.[46]

Il secondo governo da primo ministro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo sei anni all'opposizione, Disraeli ed il partito conservatore vinsero le elezioni del 1874 dando al partito la prima assoluta maggioranza alla Camera dei Comuni dagli anni quaranta dell'Ottocento. Sotto la stewardship di R. A. Cross, Home Secretary, il governo Disraeli introdusse varie riforme tra cui quella denominata Artisan's and Labourers' Dwellings Improvement Act 1875, il Public Health Act 1875, il Sale of Food and Drugs Act (1875) e l'Education Act (1876). Il suo governo introdusse inoltre un nuovo Factory Act per la protezione dei lavoratori, il Conspiracy and Protection of Property Act 1875 e l'Employers and Workmen Act (1875) per permettere ai lavoratori di stendere contratti sempre legali a norma di legge. Come risultato di questa politica sociale il deputato laburista Alexander Macdonald: «Il partito conservatore si è occupato della classe lavoratrice di più in questi cinque anni di quanto non abbia fatto il partito liberale in cinquant'anni».[47]

L'imperialismo[modifica | modifica wikitesto]

Disraeli e la Regina Vittoria, durante una visita di quest'ultima a Hughenden Manor al picco della crisi orientale.
Nuove corone per vecchi, la vignetta illustra Disraeli nel ruolo di Jafar nella versione scherzosa della storia di Aladino nell'atto di offrire la corona imperiale alla regina Vittoria in cambio di quella reale.

Disraeli coltivò una propria immagine pubblica di imperialista e riuscì a far assegnare alla regina il titolo di "Imperatrice d'India".

Disraeli fu, secondo certe interpretazioni, un sostenitore dell'espansionismo e della volontà di preservare l'Impero britannico nel Medioriente e nell'Asia centrale. Malgrado le obiezioni del suo gabinetto di governo e senza il consenso del parlamento, egli ottenne con l'appoggio di Lionel de Rothschild il 44% delle azioni della compagnia del Canale di Suez.[48]

Disraeli e Gladstone si scontrarono sulla politica inglese nei Balcani. Disraeli vide la situazione come una materia di interesse strategico ed imperialista, attenendosi alla politica di lord Palmerston nel supporto all'Impero Ottomano contro l'espansione russa in Crimea. Secondo il biografo Blake, Disraeli credeva che la Gran Bretagna avesse il dovere morale di aiutare le altre nazioni nella loro emancipazione in virtù della sua lunga tradizione costituzionale.[49] Gladstone, ad ogni modo, vide l'atto anche in termini morali con molti cristiani bulgari massacrati dai turchi e pertanto tale azione si sarebbe dimostrata immorale per chiunque.

Disraeli inoltre introdusse il Royal Titles Act 1876 col quale la regina Vittoria ottenne il titolo di Imperatrice d'India, ponendola quindi allo stesso livello dello zar russo. Nella sua corrispondenza privata con la regina, egli propose di "ripulire l'Asia centrale dai moscoviti e spostarli verso il Mar Caspio".[50] Per contenere l'influenza russa, egli lanciò l'invasione dell'Afghanistan e siglò la Convenzione di Cipro con la Turchia con la quale l'isola strategica veniva posta sotto il controllo della Gran Bretagna.

Disraeli guadagnò un altro successo diplomatico nel Congresso di Berlino del 1878 nel quale impedì alla Bulgaria di ottenere una propria indipendenza piena, limitando la crescente influenza della Russia nei Balcani e rompendo la Lega dei Tre Imperatori.[51] Ad ogni modo, le difficoltà in Sud Africa e in Afghanistan, indebolirono notevolmente il suo governo e portarono alla sconfitta della fazione alle elezioni del 1880.[52]

Gli ultimi anni e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Maschera funebre di Disraeli.

Disraeli venne elevato alla Camera dei Lords nel 1876 quando la regina Vittoria lo creò Conte di Beaconsfield e Visconte Hughenden.[53] Alle elezioni del 1880 i conservatori di Disraeli vennero sconfitti dai liberali di Gladstone in gran parte per via del decorso della Seconda guerra anglo-afgana. Disraeli morì nell'aprile del 1881.[54]

Egli venne sepolto nella cappella della St Michael's Church presso Hughenden Manor con un memoriale fatto erigere in suo onore dalla stessa regina Vittoria. Esecutore testamentario delle sue volontà fu il suo segretario privato, Lord Rowton.[55]

Disraeli dispone anche di un memoriale nell'Abbazia di Westminster ed una sua statua troneggia anche nella piazza del mercato di Ormskirk.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Benjamin Disraeli è stato protagonista di numerose opere cinematografiche e televisive.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Blake, 1966
  2. ^ M. C. N. Salbstein, ‘Benjamin Disraeli, Marrano Englishman', in The Emancipation of the Jews in Britain, 97–114. (New Jersey 1982)
  3. ^ Paul Johnson, A History of the Jews, p.323
  4. ^ I suoi oppositori, ad ogni modo, continuarono ad includere l'apostrofo nella corrispondenza. Lord Lincoln, scrivendo a Sir Robert Peel nel 1846, si riferisce a lui come "D'Israeli." Conancher, 1958
  5. ^ Rhind, 1993
  6. ^ Rhind, 1993
  7. ^ Blake, 1966
  8. ^ Blake, 1966
  9. ^ Blake, 1966, Veliz, 1975
  10. ^ Blake, 1966
  11. ^ Blake, 1966
  12. ^ Blake, 1966
  13. ^ Graubard, 1967
  14. ^ Vedi qui per una revisione critica ed un riassunto (in inglese)
  15. ^ Blake, 1966.
  16. ^ Blake, pp. 190–191.
  17. ^ John Dugdale, Review of 'The Politics of Pleasure: A Portrait of Benjamin Disraeli', by William Kuhn in The Guardian (Londra), 5 maggio 2007. URL consultato il 31 marzo 2010.
  18. ^ Blake, 1966
  19. ^ Blake, p. 85.
  20. ^ Peel dal canto suo si era rifiutato di includere Disraeli nel suo gabinetto di governo, cfr. Cline, 1939 e Blake, 1966.
  21. ^ Blake, 1966
  22. ^ Citato in Blake, 1966
  23. ^ Blake, 1966
  24. ^ Blake, 1966
  25. ^ Hansard, 3rd Series, xcv, 1321–1330, 16 dicembre 1847.
  26. ^ Hansard, 3rd Series, xcviii, 1374–1378, 25 maggio 1848.
  27. ^ Blake, 1966
  28. ^ Blake, 1966
  29. ^ Per la contrattazione il 21 settembre 1848 Disraeli ottenne dal fratello di lord George, lord Henry Bentick, la somma di 25.000 sterline che gli vennero accordate in associazione a lord Titchfield. Blake, 1966
  30. ^ Blake, 1966
  31. ^ Blake, 1966
  32. ^ Blake, p. 311.
  33. ^ Karl Marx, "Parliament--Vote of November 26--Disraeli's Budget" in Collected Works of Karl Marx and Frederick Engels: Volume 11 (International Publishers: New York, 1979) p. 461
  34. ^ Karl Marx, "Parliament--Vote of November 26--Disraeli's Budget" in Collected Works of Karl Marx and Frederick Engels: Volume 11 p. 461.
  35. ^ Karl Marx, "Parliament--Vote of November 26--Disraeli's Budget" in Collected Works of Karl Marx and Frederick Engels: Volume 11, p. 462.
  36. ^ Ghosh, 1984, Matthew, 1986.
  37. ^ Karl Marx, "Political Consequences of the Commercial Excitement" in Collected Works of Karl Marx and Frederick Engels: Volume 11, p. 364.
  38. ^ Karl Marx, "Parliament--Vote of November 26--Disraeli's Budget" in Collected Works of Karl Marx and Frederick Engels: Volume 11 p. 463.
  39. ^ Blake, p. 350.
  40. ^ Blake, 1966
  41. ^ Blake, 1966
  42. ^ Blake, pp. 442–444.
  43. ^ Blake, pp. 456–457.
  44. ^ Conancher, 1971
  45. ^ Blake, 1966
  46. ^ Blake, 1966
  47. ^ Monypenny, Buckle
  48. ^ Blake, 1966.
  49. ^ Blake, 1966
  50. ^ Tratto dalla lettera di Disraeli alla regina a Mahajan, 53.
  51. ^ Blake, 1966
  52. ^ Blake, 1966
  53. ^ Blake, 1966
  54. ^ Blake, 1966
  55. ^ Blake, 1966

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anonimo, Cartoon portraits and biographical sketches of men of the day, Illustrato da Frederick Waddy, Londra, Tinsley Brothers, 1873, pp. 38–45. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  • Robert Blake, Disraeli, New York, St. Martin's Press, 1966.
  • Nick Carter, Hudson, Malmesbury and Cavour: British Diplomacy and the Italian Question, February 1858 to June 1859 in The Historical journal, vol. 40, nº 2, giugno 1997, pp. 389–413, DOI:10.1017/S0018246X97007218.
  • C.L. Cline, Disraeli and John Gibson Lockhart in Modern Language Notes, vol. 56, nº 2, The Johns Hopkins University Press, febbraio 1941, pp. 134–137, DOI:10.2307/2911518, JSTOR 2911518.
  • C.L. Cline, Disraeli and Peel's 1841 Cabinet in The Journal of Modern History, vol. 11, nº 4, dicembre 1939, pp. 509–512, DOI:10.1086/236397.
  • C.L. Cline, Disraeli and Thackeray in The Review of English Studies, vol. 19, nº 76, ottobre 1943, pp. 404–408, DOI:10.1093/res/os-XIX.76.404.
  • J.B. Conancher, The Emergence of British Parliamentary Democracy in the Nineteenth Century, New York, John Wiley and Sons, 1971.
  • J.B. Conancher, Peel and the Peelites, 1846–1850 in The English Historical Review, vol. 73, nº 288, luglio 1958, pp. 431–452, DOI:10.1093/ehr/LXXIII.288.431.
  • Todd M. Endelman, Disraeli's Jewishness Reconsidered in Modern Judaism, vol. 5, nº 2, maggio 1985, pp. 109–123, DOI:10.1093/mj/5.2.109.
  • Norman Gash, Review of Disraeli, by Robert Blake in The English Historical Review, vol. 83, nº 327, aprile 1968, pp. 360–364, DOI:10.1093/ehr/LXXXIII.CCCXXVII.360.
  • Norman Gash, Sir Robert Peel: The Life of Sir Robert Peel after 1830, Totowa, New Jersey, Rowman and Littlefield, 1972, ISBN 0-87471-132-0.
  • P.R. Ghosh, Disraelian Conservatism: A Financial Approach in The English Historical Review, vol. 99, nº 391, aprile 1984, pp. 268–296, DOI:10.1093/ehr/XCIX.CCCXCI.268.
  • Stephen R. Graubard e Robert Blake, Review of Disraeli, by Robert Blake in The American Historical Review, vol. 73, nº 1, American Historical Association, ottobre 1967, p. 139, DOI:10.2307/1849087, JSTOR 1849087.
  • Angus Hawkins, British Parliamentary Party Alignment and the Indian Issue, 1857–1858 in The Journal of British Studies, vol. 23, nº 2, Spring 1984, pp. 79–105, DOI:10.1086/385819.
  • B.R. Jerman, The Young Disraeli, Princeton, Princeton University Press.
  • Joseph Kidd, The Last Illness of Lord Beaconsfield in The Nineteenth Century: A Monthly Review, vol. 26, 1889.
  • Adam Kirsch, Benjamin Disraeli, New York, Schocken.
  • (EN) Miloš Ković, Disraeli and the Eastern Question, Oxford, Oxford University Press, 2011, ISBN 978-0-19-957460-5, OCLC 700952920.
  • Sneh Mahajan, British Foreign Policy, 1874–1914, Routledge, 2002, ISBN 0-415-26010-8.
  • H.C.G. Matthew, Disraeli, Gladstone, and the Politics of Mid-Victorian Budgets in The Historical journal, vol. 22, nº 3, settembre 1979, pp. 615–643, DOI:10.1017/S0018246X00017015.
  • H.C.G. Matthew, Gladstone, 1809–1874, Oxford, Oxford University Press, 1986, ISBN 0-19-822909-7.
  • James D. Merritt, The Novelist St. Barbe in Disraeli's Endymion: Revenge on Whom? in Nineteenth-Century Fiction, vol. 23, nº 1, giugno 1968, pp. 85–88, DOI:10.1525/ncl.1968.23.1.1999p0201m.
  • William Flavelle Monypenny e George Earle Buckle, The Life of Benjamin Disraeli, Earl of Beaconsfield, Volume II. 1860–1881, Londra, John Murray, 1929.
  • John Morley, The life of William Ewart Gladstone, vol. 2, Londra, Macmillan, 1922.
  • J.P. Parry, Disraeli and England in The Historical journal, vol. 43, nº 3, settembre 2000, pp. 699–728, DOI:10.1017/S0018246X99001326.
  • Parry, Jonathan. "Disraeli, Benjamin, earl of Beaconsfield (1804–1881)", Oxford Dictionary of National Biography (2004); online edn, May 2011 accessed 23 Feb 2012 doi:10.1093/ref: odnb/7689]
  • Neil Rhind, Blackheath village and environs, Londra, Bookshop Blackheath, 1993, ISBN 0-9505136-5-2.
  • R.W. Seton-Watson, Disraeli, Gladstone, and the Eastern Question, New York, W. W. Norton & Company, 1972.
  • G.M. Trevelyan, The Life of John Bright, Londra, Constable, 1913.
  • Claudio Veliz, Egana, Lambert, and the Chilean Mining Associations of 1825 in The Hispanic American Historical Review, vol. 55, nº 4, Duke University Press, novembre 1975, pp. 637–663, DOI:10.2307/2511948, JSTOR 2511948.
  • James Winter, The Cave of Adullam and Parliamentary Reform in The English Historical Review, vol. 81, nº 318, gennaio 1966, pp. 38–55, DOI:10.1093/ehr/LXXXI.CCCXVIII.38.
  • Anthony S. Wohl, "Dizzi-Ben-Dizzi": Disraeli as Alien in The Journal of British Studies, vol. 34, nº 3, luglio 1995, pp. 375–411, DOI:10.1086/386083.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Deputato del Parlamento del Regno Unito per Maidstone Successore Flag of the United Kingdom.svg
Abraham Wildey Robarts
Wyndham Lewis
1837-1841
con Wyndham Lewis 1837-1838
con John Minet Fector 1838-1841
Alexander Beresford-Hope
George Dodd
Predecessore Deputato del Parlamento del Regno Unito per Shrewsbury Successore Flag of the United Kingdom.svg
Richard Jenkins
Robert Aglionby Slaney
1841-1847
con George Tomline
Edward Holmes Baldock
Robert Aglionby Slaney
I
Caledon Du Pre
William FitzMaurice
Christopher Tower
1847-1876
con Caledon Du Pre 1847-1874
con Charles Cavendish 1847–1857
con William Cavendish 1857–1863
con Robert Bateson Harvey 1863–1868, 1874–1876
con Nathaniel Lambert 1868–1876
Robert Bateson Harvey
Nathaniel Lambert
Thomas Fremantle
II
Predecessore Leader dei conservatori alla Camera dei Comuni Successore Flag of the United Kingdom.svg
Charles Manners, marchese di Granby 18491876
con Charles Manners, marchese di Granby
John Charles Herries 1849-1851
Stafford Northcote, baronetto
Predecessore Cancelliere dello Scacchiere Successore Flag of the United Kingdom.svg
Charles Wood, baronetto 1852 William Ewart Gladstone I
George Cornewall Lewis, II baronetto 1858-1859 William Ewart Gladstone II
William Ewart Gladstone 1866-1868 George Ward Hunt III
Predecessore Leader della Camera dei Comuni Successore Flag of the United Kingdom.svg
John Russell 1852 John Russell I
Henry John Temple, III visconte Palmerston 1858-1859 Henry John Temple, III visconte Palmerston II
William Ewart Gladstone 1866-1868 William Ewart Gladstone III
William Ewart Gladstone 1874-1876 Stafford Northcote, baronetto IV
Predecessore Leader del Partito Conservatore britannico Successore Flag of the United Kingdom.svg
Edward Smith-Stanley, XIV conte di Derby 18681881 Robert Gascoyne-Cecil, III marchese di Salisbury
Predecessore Rettore dell'Università di Glasgow Successore Flag of the United Kingdom.svg
Edward Stanley, XV conte di Derby 18711877 William Ewart Gladstone
Predecessore Primo ministro del Regno Unito Successore Flag of the United Kingdom.svg
Edward Geoffrey Smith Stanley Conte di Derby 1868 William Ewart Gladstone I
William Ewart Gladstone 1874 - 1880 William Ewart Gladstone II
Predecessore Lord Privy Seal Successore Flag of the United Kingdom.svg
James Harris, III conte di Malmesbury 1876-1878 Algernon Percy, VI duca di Northumberland
Predecessore Leader della Camera dei Lords Successore Flag of the United Kingdom.svg
Charles Gordon-Lennox, VI duca di Richmond 1876-1880 Granville Leveson-Gower, II conte Granville
Predecessore Leader del Partito Conservatore britannico alla Camera dei Lords Successore Flag of the United Kingdom.svg
Charles Gordon-Lennox, VI duca di Richmond 18761881 Robert Gascoyne-Cecil, III marchese di Salisbury
Predecessore Conte di Beaconsfield Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 18761881 Titolo estinto
Predecessore Visconte Hughenden Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 18761881 Titolo estinto

Controllo di autorità VIAF: 49233448 LCCN: n78095587